-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 15 novembre 2018

Piazza Affari: si naviga a vista. In fibrillazione sui supporti


Il rimbalzo messo a segno dalle Borse europee ha avuto vita breve, visto che a distanza di poche ore le vendite sono tornate a fare capolino. La sessione odierna si è conclusa in calo per gli indici del Vecchio Continente, con il Ftse100 in rosso dello 0,28%, mentre il Dax30 e il Cac40 sono scesi rispettivamente dello 0,52% e dello 0,65%.


Ha pagato un conto leggermente più salato Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 19.077 punti, in ribasso dello 0,78%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 19.256 e un minimo a 18.857 punti. 

L'indice delle blue chips ha messo sotto pressione la soglia supportiva dei 19.000/18.800 punti, più volte segnalata nelle ultime rubriche, riuscendo però a difenderla in chiusura di sessione.


La tenuta dei sostegni indicati lascia ben sperare, ma sarà importante che i corsi si allontanino in tempi brevi dagli stessi, per evitare che eventuali nuove incursioni ribassiste possano rivelarsi fatali. 
In caso di ritrovato slancio da area 19.000, il Ftse Mib andrà a premere contro l'ostacolo intermedio dei 19.200/19.300 punti, prima di tentare un attacco ai recenti massimi in area 19.500/19.600.

Con il superamento di questa barriera il recupero troverà terreno fertile con possibili allunghi verso area 20.000, senza escludere estensioni rialziste in direzione dei 20.200 prima e dei 20.500 punti in un secondo momento. 
Al ribasso il focus resta sulla fascia supportiva dei 19.000/18.800 punti, visto che il cedimento della stessa aprirà le porte ad approfondimenti ribassisti che porteranno l'indice a testare nuovamente i minimi dell'anno in area 18.500/18.400.


Questa soglia dovrebbe respingere i ribassisti, ma se ciò non dovesse accadere bisognerà mettere in conto ulteriori flessioni verso area 18.000, con possibili estensioni al ribasso verso i 17.800 e i 17.500 punti nella peggiore delle ipotesi. 
A Piazza Affari si continua a navigare a vista, con il focus sempre sui supporti, per verificare la tenuta o meno degli stessi, da cui dipenderà una reazione dell'indice o un ulteriore affondo dello stesso.  

sul fronte macro Usa saranno rese note le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire da 214mila a 215mila unità, mentre le vendite al dettaglio ad ottobre dovrebbero salire dello 0,4% rispetto allo 0,1% precedente e al netto della componente auto si prevede una variazione positiva dello 0,5%, in recupero dopo il calo dello 0,1% di settembre.


I prezzi alle importazioni di ottobre sono visti in rialzo dello 0,2%, ma in frenata in confronto allo 0,5% del mese precedente, mentre l'indice New York Empire State Manufacturing di novembre dovrebbe scendere da 21,1 a 18 punti. 
Per l'indice Philadelphia Fed di novembre le stime parlano di un ribasso da 22,2 a 20,9 punti, mentre le scorte delle imprese a settembre dovrebbero evidenziare una variazione positiva dello 0,3%, in rallentamento rispetto allo 0,5% di agosto.

In calendario anche il report sulle scorte strategiche di petrolio che sarà diffuso con un giorno di ritardo rispetto al consueto per via della festività Usa di lunedì scorso. 

Nel pomeriggio è prevista l'audizione al Senato di Randal Quarles, membro della Fed, mentre un'ora prima della chiusura di Wall Street a parlare sarà Neel Kashkari, presidente della Fed di Minneapolis.



Prima dell'avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i conti trimestrali di Wal-Mart con un eps atteso a 1,01 dollari, mentre a mercati chiusi l'attenzione sarà rivolta ai numeri di Applied Materials e di Ndivia per i quali si prevede un utile per azione pari rispettivamente a 0,97 e a 1,71 dollari.


In Europa non sono previsti dati macro di rilievo. 

A Piazza Affari saranno diffusi i conti del terzo trimestre di AlerionCleanpower, IVS Group e KREnergy. 
Sotto la lente Pirelli che ha presentato i risultati dei primi nove mesi dell'anno, archiviati con ricavi in calo del 2,8% a 3,93 miliardi di euro, a fronte di un utile netto quasi triplicato da 123,6 a 362,5 milioni di euro. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.