-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 8 novembre 2018

Banche italiane: che cosa ci dicono gli utili?


Eoin Walsh, Partner and Portfolio Manager di TwentyFour Asset Management, spiega che dopo alcuni articoli molto negativi - alcuni quasi sensazionalisti - sull'impatto che gli spread dei titoli di Stato italiani (BTP) avrebbero avuto sulle banche italiane, ieri abbiamo avuto modo di vedere la realtà dei fatti da Intesa Sanpaolo quando ha riportato gli utili del terzo trimestre.
Intesa è la più grande banca in Italia per capitalizzazione di mercato, ed è probabilmente anche la banca più solida, e questo va tenuto presente; tuttavia, dato il difficile contesto operativo in Italia, alcune delle notizie riportate sono state davvero impressionanti.
Sia i ricavi che l'utile netto sono stati superiori alle aspettative.

Il risultato operativo dei primi nove mesi è stato il migliore registrato dal 2008, così come i proventi da commissioni. Il rapporto costi/ricavi è sceso al 50,5% e gli accantonamenti per rischi su crediti sono diminuiti del 18,5% rispetto ai primi 9 mesi del 2017, mentre l'indice di copertura dei crediti non Performing Loan è cresciuto, attestandosi al 53,6%.
Tuttavia, l'attenzione principale è sempre stata rivolta al Core Equity Tier 1 ratio e all'entità dell'impatto dell'allargamento del BTP - spiega Eoin Walsh -.

Negli ultimi due trimestri Intesa ha registrato un impatto di circa 45 pb sul CET1 ratio, direttamente grazie ai BTP detenuti in portafoglio; tuttavia, data la solidità complessiva della banca e la sua forte capacità di generare capitale, è riuscita a registrare un CET1 ratio più elevato del 13,7%, in crescita di 10 pb durante il trimestre.
Data la volatilità del mercato interno e il successo diretto del BTP, si tratta di un risultato impressionante.
Per chi ama i dettagli, lo spread a 10 anni del BTP-Bund a fine settembre era di 268 punti base, mentre oggi è leggermente più alto a 290 punti base - spiega Eoin Walsh -.

La maggior parte dei report negativi sull'Italia si è concentrata su uno spread di 400 pb, essendo la soglia chiave - alcuni rapporti suggeriscono che le banche richiederebbero iniezioni di capitale e l'assistenza della banca centrale nazionale se gli spread raggiungessero questo livello. Questo non sarebbe certamente il caso di Intesa, in quanto, sulla base dell'attuale bilancio, un ampliamento di 100 punti base dello spread BTP-Bund si riferisce a meno di 35 pb di CET1.
All'inizio della settimana abbiamo avuto anche i risultati dello stress test bancario a livello europeo - le 4 banche testate in Italia hanno tutte superato, con un depauperamento medio del loro rapporto CET1 del 3,9%, in uno scenario sfavorevole - spiega Eoin Walsh -.

Lo stress avverso del BTP è stato interessante in quanto è stato fissato molto vicino a dove si trovano effettivamente gli spread del BTP - a questo proposito, lo "stress avverso" non è stato apparentemente così avverso. Tuttavia questo è l'unico degli stress e, considerati gli altri fattori avversi, le banche italiane sottoposte ai test sembravano tutte in buona salute.
L'Italia si trova ancora di fronte ad un'ulteriore volatilità e il bilancio, respinto dalla Commissione Europea, potrebbe vedere il paese colpito dalle sanzioni dell'Europa.

Tuttavia, mentre le banche più piccole e più deboli si trovano in una posizione difficile a causa dell'allargamento dello spread dei BTP, gli investitori farebbero bene a guardare oltre le notizie negative sensazionaliste e a concentrarsi invece sui fatti della stagione bancaria del terzo trimestre.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.