-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 10 ottobre 2018

Piazza Affari sempre più in crisi: ora serve davvero un miracolo


Seduta decisamente negativa oggi per le Borse europee che dopo il timido rimbalzo dela vigilia sono state colpite da nuove vendite. Il Ftse100 si è difeso meglio degli altri con un calo dell'1,27%, mentre il Cac40 e il Dax30 sono scesi rispettivamente del 2,11% e del 2,21%. 

Male anche a Piazza Affari dove il Ftse ib ha tentato a più riprese un recupero, salvo poi piegarsi al volere dei ribassisti e terminare gli scambi sui minimi di giornata 19.719 punti, con una flessione dell'1,71%, dopo aver toccato un massimo a 20.137 punti.



Da segnalare che il top odierno è perfettamente coincidente con quello della vigilia e la mancata conferma del superamento di area 21.100 ha provato un deciso ritorno delle vendite. 
L'indice viaggia ad una manciata di punti dai minimi dell'anno aggiornati ieri nell'intraday oco sotto i 19.700 punti ed è elevato il rischio di una violazione degli stessi nelle prossime ore.

Al di sotto di area 19.700 l'attenzione andrà rivolta al supporto dei 19.500 punti, ma se questa soglia non sarà in grado di contenere la spinta ribassista bisognerà guardare a valori più bassi in area 19.200/19.000, senza escludere ripiegamenti più ampi in direzione dei 18.500 punti nella peggiore delle ipotesi.


Un tentativo di recupero del Ftse Mib vedrà un primo ostacolo in area 20.000/20.100 e solo al superamento di questa si potranno mettere in conto nuovi spunti verso l'alto in direzione dei 20.500 punti. 
Un primo allentamento delle tensioni ribassiste si avrà al di sopra di tale soglia, rotta la quale l'indice potrà portare avanti il suo rimbalzo in direzione dei 20.700/20.800 punti prima e in seguito in direzione di area 21.000.

Lo scenario per il nostro mercato si conferma estremamente delicato per via delle tensioni politiche che ci accompagnano ormai da settimane. Il quadro potrebbe essere ulteriormente appesantito da un eventuale peggioramento degli altri mercati azionari. Ulteriori flessioni delle Borse europee e americane si rifletteranno inevitabilmente anche su Piazza Affari che difficilmente dovrebbe riuscire a muoversi in controtendenza.   

Sul fronte macro Usa domani si conosceranno le nuove richieste di sussidi disoccupazione che che dovrebbero salire da 207mila a 210mila unità.

Per l'indice dei prezzi al consumo di settembre si prevede una variazione positiva dello 0,2%, in linea con la lettura precedente e anche per la versione "core" si stima un rialzo dello 0,2% rispetto allo 0,1% di agosto. 
Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.


Sul versante societario saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di Walgreens Boots Alliance e di Delta Air Lines, dai quali ci si attende un utile per azione rispettivamente di 1,45 e di 1,75 dollari. 

In Europa si guarderà nuovament alla Francia dove è atteso il dato sull'inflazione che a settembre dovrebbe evidenziare un calo dello 0,2%, in linea con la lettura precedente.


In tarda mattinata è prevista la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della BCE tenutasi lo scorso 13 settembre. 

A Piazza Affari segnaliamo Fila nel giorno in cui si riunisce l'assemblea per deliberare in merito all'aumento di capitale. 
Sotto la lente i titoli del settore oil in vista del report sulle scorte strategiche Usa in arrivo nel pomeriggio.


Da monitorare l'asta dei titoli di Stato visto che saranno offerti i BTP con scadenza nel 2021 per un ammontare compreso tra 3 e 3,5 miliardi di euro, mentre i BTP con scadenza nel 2025 saranno offerti per un importo tra 1 e 1,5 miliardi di euro.
In asta anche i BTP con scadenza nel 2033 e nel 2037 per un ammontare complessivo tra 1 e 1,5 miliardi di euro.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.