-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 5 ottobre 2018

Piazza Affari in rosso con STM e finanziari, positiva Eni. FTSE MIB -1,04%


Piazza Affari in rosso con STM e finanziari, positiva Eni. FTSE MIB -1,04%.
*Il FTSE MIB segna -1,04%, il FTSE Italia All-Share -1,17%, il FTSE Italia Mid Cap -2,10%, il FTSE Italia STAR -2,00%.
Mercati azionari europei negativi:* Euro Stoxx 50 -0,7%, FTSE 100 -1,2%, DAX 30 -1,0%, CAC 40 -0,8%, IBEX 35 -0,6%.
*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono stabili: S&P 500 invariato, NASDAQ 100 -0,1%, Dow Jones Industrial invariato.
STMicroelectronics (-4,2% a 15,2950 euro)* accelera al ribasso e tocca a 15,02 euro i minimi da settembre 2017.

Il titolo è penalizzato dalla debolezza dell'indice di riferimento dei semiconduttori USA: il SOX ieri ha ceduto l'1,84%. I titoli del settore IT di USA e Asia sono andati in difficoltà a causa di un articolo di Bloomberg BusinessWeek, secondo cui apparati per data center usati da Amazon Web Services e Apple potrebbero essere stati oggetti di sorveglianza da parte del governo cinese attraverso un minuscolo microchip inserito durante il processo di produzione delle attrezzature.
Bancari e finanziari in rosso a causa del rialzo dei rendimenti. La Stampa ha rivelato la visita di Mario Draghi a Sergio Mattarella di mercoledì scorso: il numero uno della BCE ha voluto esprimere di persona al Presidente della Repubblica le proprie preoccupazioni sulla prossima manovra finanziaria e sul giudizio che verrà espresso a fine mese dalle agenzie di rating.

Il rendimento del BTP sale al 3,40%, +7 bp rispetto alla chiusura di ieri. Vendite su Banca Generali (-2,7%), Intesa Sanpaolo (-3%), Banco BPM (-2,7%), Unicredit (-2,6%).
Debole anche Banca Mediolanum (-2,7%) che ha chiuso settembre con una raccolta netta totale pari a 96 milioni di euro, il risultato peggiore da molti mesi.
Netto calo per Saipem (-4,5%) in scia alla correzione del greggio dai massimi dal 2014 toccati nelle ultime sedute.
Il titolo non viene sostenuto dalle indiscrezioni del Sole 24 Ore secondo cui il gruppo sta valutando se presentare un'offerta per un progetto offshore ad Abu Dhabi del valore da un miliardo di dollari.
*Buon progresso per Eni (+1,7% a 16,5540 euro) *che si muove in controtendenza rispetto al settore: l'indice EURO STOXX Oil & Gas segna -0,3%.

Il titolo approfitta della decisione di BofA Merrill-Lynch di migliorare la raccomandazione da neutral a buy e incrementare il target da 15,90 a 20,00 euro.
Negativi Leonardo (-2,9%), Campari (-2,4%), CNH Industrial (-1,2%), Ferrari (-1,1%), tutti titoli di gruppi esposti sugli USA e penalizzati dalle recenti dichiarazioni del presidente della Fed, Jerome Powell sulla possibilità di incremento dei tassi di interesse americani oltre l'area neutra.
In verde Telecom Italia (+1,3%) nonostante la decisione di Fitch di confermare il rating BBB- e di peggiorare l'outlook da stabile a negativo.

Ieri Telecom aveva guadagnato il 2,12% su indiscrezioni relative all'insoddisfazione dell'azionista di maggioranza Vivendi (ma in minoranza nel cda) nei confronti dell'operato dell'a.d. Amos Genish, peraltro voluto proprio dal colosso francese al vertice della compagnia telefonica tricolore poco più di un anno fa.
Fonti vicine a Vivendi sentite da MF hanno smentito che sia in programma per oggi un vertice voluto dal primo azionista Vincent Bolloré per discutere della situazione di Telecom.
Positiva Brunello Cucinelli (+0,6% a 32,70 euro), ma ben al di sotto del massimo di inizio seduta a 34,65 euro, grazie a Jefferies: la raccomandazione è stata migliorata da hold a buy, con target confermato a 39 euro.
Seduta in lieve calo oggi per Salini Impregilo (-1,6%) su indiscrezioni del Messaggero secondo cui sono stati ingaggiati BofA Merrill-Lynch e Vitale&Co per studiare il dossier Astaldi (asta di volatilità, teorico +9,09%, dopo il +29,59% di ieri e il crollo delle sedute precedenti).

Quest'ultima, sempre secondo i rumor, pochi giorni fa ha incontrato le banche creditrici per informarle che il nuovo piano di salvataggio sarà pronto entro 45 giorni. I consulenti di Astaldi (Enrico Laghi e lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners) avrebbero confidato agli istituti che l'interesse di Salini Impregilo è concreto.
(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.