-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 12 ottobre 2018

Anima rimbalza dopo il crollo, ma non basta


Probabilmente il crash (-8,5%) con volumi triplicati rispetto alla media di ieri è da ascriversi a ragioni puramente macroeconomiche, dovute agli effetti negativi combinati di instabilità dei conti pubblici in vista della manovra del governo, incremento dei tassi d'interesse negli Usa e brusca battuta d'arresto delle economie asiatiche.
Infatti dal punto di vista dei fondamentali Banca Imi parla di una raccolta a settembre oltre la media mensile e una target price a 5.90 euro.
Anche  l'a.d.

Marco Carreri commenta con entusiasmo gli ottimi dati sulla raccolta del mese scorso pari 319 milioni, testimoniando come la capillare rete di partner strategici abbia contribuito a raccogliere dall'inizio dell'anno quasi 900 milioni di euro.
Purtroppo il quadro offerto dalla analisi grafica evidenzia due fasi pesantemente ribassiste, innescate prima con la perdita dei 6 euro, lo scorso fine maggio e proseguita con una prolungata fase laterale per tutta l'estate, a ridosso della fascia di supporto tra 4 e 4.30 euro.
Infine lo sterile recupero effettuato recentemente fino in area 4.60 ha solo facilitato il compito dei venditori, offrendo un valido punto di resistenza per vendere massicciamente il titolo, destinato adesso ad una complessa fase di stabilizzazione lungo i supporti di 3.80/3.55 euro.

Strategia operativa

Per le posizioni long: per eventuali operazioni di medio termine, attendere il raggiungimento del prossimo supporto a quota 3.80 euro, oppure viceversa il superamento di 4.15 euro, per prendere in considerazione nuovi acquisti, monitorando come livello di allerta quota 3.20 euro ancora sufficientemente distante.
Per le posizioni short: tenuto della discesa effettuata dal titolo 2018, appare tardiva qualunque ulteriore operazione ribassista più produttivo attendere un nuovo rimbalzo dei prezzi a ridosso dell'area di resistenza di  4.50 e 4.80 euro con target 3.85.
Da questo livello in alternativa allo short selling diretto è possibile privilegiare l'acquisto di opzioni put strike 4.50, scadenza marzo 2019.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.