-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 28 settembre 2018

Non e' una sorpresa il deterioramento del quadro grafico del Ftse Mib


Quadro grafico in deterioramento per il Ftse Mib. Le quotazioni sono infatti scese bruscamente giovedi' al di sotto del supporto offerto a 21220 punti dalla media mobile esponenziale a 50 giorni operando una correzione estesa del rialzo visto dai minimi di fine agosto. A preoccupare tuttavia non e' soltanto la violenza con la quale si e' realizzata la discesa venerdi', ma anche il fatto che prima dell'avvio del calo i prezzi avessero fallito la rottura di una importante duplice resistenza: tra il 21 e il 26 settembre, con i massimi di area 21650/70, infatti l'indice ha tentato a piu' riprese di lasciarsi alle spalle la media mobile esponenziale a 100 giorni (indicatore che approssima con la sua posizione rispetto ai prezzi la condizione della tendenza di medio periodo, che resta quindi formalmente al ribasso dato che la media non e' stata superata) e il 61,8% di ritracciamento del ribasso dal picco di giugno.

Tale percentuale di ritorno, ricavata dalla successione di Fibonacci, viene considerata dagli studiosi dei grafici il discriminante tra uno scenario correttivo ed una vera e propria inversione di tendenza: solo la rottura dei 21650/70 punti avrebbe permesso di considerare interrotto il downtrend avviatosi dai massimi estivi e di dare fiducia al proseguimento del rimbalzo in atto.
Il brusco calo delle ultime ore quindi non solo non giunge come inatteso ma si inserisce all'interno di un trend ribassista gia' consolidato che potrebbe quindi estendere anche al di sotto dei minimi di agosto a 20236 punti. La fase laterale vista tra fine maggio e inizio agosto puo' a questo punto essere considerata un "flag", figura di continuazione (del ribasso attivo dal top di maggio) che spesso si pone a meta' circa dell'intero movimento, un ipotesi che implicherebbe nel prossimo futuro il raggiungimento di obiettivi fino ai 19000 punti circa.

Supporto intermedio a 19931, base del gap rialzista lasciato dai prezzi il 24 aprile 2017. Solo recuperi oltre area 21100 sarebbero un primo elemento in favore di un tentativo duraturo di rimbalzo al quale comunque servirebbe il superamento di 21500, lato alto del gap ribassista del 28 settembre, per puntare ad un nuovo test della resistenza critica dei 21650/70 punti.
(AM - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.