-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 25 settembre 2018

L'Angolo del Trader


*Atlantia *(-1,62% a 18,50 euro) in calo, RBC riduce il target a 25 euro. Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha dichiarato a Radio RTL che vorrebbe vedere il decreto per la ricostruzione del ponte Morandi, ma per ora il governo non lo ha nemmeno trasmesso alla presidenza della Repubblica (lo farà probabilmente oggi).
Per Toti l'opera potrebbe essere completata in 12-15 mesi. Il nodo da sciogliere sembra essere il rischio di incorrere in una procedura di infrazione da parte della Commissione UE qualora l'esecutivo decidesse di seguire una via "semplificata" per l'assegnazione degli appalti. Da un punto di vista grafico il titolo fatica non poco ad opporsi all'impostazione negativa innescata dall'affondo di metà agosto.

La mancata rottura della prima resistenza a 19 circa (quota pari al 23,6% di ritracciamento del ribasso dai top di luglio) dipinge un quadro grafico estremamente fragile che rischia di evolvere al ribasso nel caso di cedimento dei minimi di settembre a 16,935. Indizi in questo senso giungerebbero sotto area 17,60/17,70.
Discorso diverso invece al superamento di area 19, seguito dalla rottura decisa degli ostacoli successivi a 19,30/19,40: via libera in tal caso verso 20,12, base dell'ampio gap ribassista lasciato a metà agosto dopo il crollo del viadotto sul Polcevera dell'A10 a Genova.
Telecom Italia debole ieri nel giorno del cda chiamato a esaminare la vendita di Persidera e l'acquisizione di Nextel in Brasile: nel comunicato si legge che "opportunità di investimenti in partecipazioni e dismissioni di attività non core...saranno comunque oggetto di ulteriori approfondimenti e successive decisioni".

Sostanzialmente si tratta di un rinvio di ogni decisione in materia. I rumor riferiscono anche di contrasti all'interno del board tra chi preme per la separazione della rete e chi teme la perdita del controllo dell'infrastruttura (a.d. Genish e presidente Conti). Intanto prosegue l'asta per l'assegnazione delle frequenze 5G: ieri sono stati raggiunti i 4,74 miliardi di euro, oltre 2 mld in più dell'importo minimo fissato dalla legge di bilancio per il 2018.
Oggi alle 09:30 la gara riprende con i miglioramenti competitivi. L'analisi del grafico di Telecom Italia evidenzia il segnale grafico positivo inviato nella prima parte della scorsa settimana con il superamento di resistenze statiche e dinamiche. Il titolo ha la possibilità di estendere il recupero e avvicinarsi agli ex supporti a 0,5950 euro, ora importanti resistenze in ottica di breve/medio periodo.

Una vittoria su questo riferimento creerebbe le premesse per un'estensione verso area 0,67, massimo di fine luglio e ostacolo decisivo per l'avvio di un tentativo di inversione della tendenza negativa in essere da aprile/maggio. L'eventuale brusca violazione di 0,56 anticiperebbe invece un test dei recenti minimi allineati a 0,52 circa, con rischio di riattivazione del downtrend verso il minimo storico dell'estate 2013 a 0,4655.
*Astaldi *perde terreno in avvio di ottava e prosegue la correzione avviata venerdì dopo il forte rimbalzo delle sedute precedenti.

Nel fine settimana il Sole 24 Ore ha scritto che il gruppo è al lavoro con le banche per ristrutturare il debito (con parziale trasformazione in azioni) e l'obbligazione da 750 milioni di euro. Altre indiscrezioni riferiscono di un bond da 250-300 milioni garantito dall'incasso della vendita degli asset turchi.
Ricordiamo che questa ultima operazione costituisce la base del piano di rafforzamento patrimoniale da complessivi 2 miliardi di euro. Le quotazioni sono scese fino in area 1,22, molto al di sotto della chiusura di venerdì' a 1,298 euro. I minimi storici del 17 settembre a 1,063 euro sono ancora lontani, ma la violazione di 1,20, 61,8% di ritracciamento del rialzo da quegli stessi minimi (importante riferimento ricavato dalla successione di Fibonacci) potrebbe rendere piu' probabile un nuovo test di quei livelli.

Una eventuale violazione di area 1,06 porterebbe il titolo in territorio inesplorato, difficile fornire quindi obiettivi per il ribasso, ma il segnale inviato non sarebbe certo incoraggiante. La tenuta di area 1,20 e la rottura di 1,35 potrebbero invece anticipare un nuovo test dei massimi di venerdì a 1,43 euro.
Resistenza successiva a 1,53 euro.
(SF - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.