-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 14 settembre 2018

Il settore industriale ha buon appeal: i titoli da comprare ora


La seduta odierna prosegue in maniera contrastata per i titoli del comparto industriale a Piazza Affari. Tra quelli che non evitano il segno meno troviamo Leonardo e CNH Industrial che scendono dell'1,02% e dello 0,54%, seguiti da Buzzi Unicem che mostra un frazionale calo dello 0,06%, mentre Fca e Ferrari salgono rispettivamente dello 0,11% e dello 0,22%, preceduti da Pirelli e Prysmian che avanzano rispettivamente delo 0,65% e dell'1,54%.  

Ottimismo su Fca

Nel settore industriale a Piazza Affari ci sono diverse opportunità da cogliere tra le blue chips, a partire da Fca che secondo Banca Akros è da accumulare in portafoglio, con un prezzo obiettivo s 20,5 euro.

La conferma degli analisti è giunta dopo i buoni dati sulle vendite di auto in Usa ad agosto, sulla scia dei quali anche Banca IMI ha mantenuto invariata la sua strategia bullish sul titolo, con una raccomandazione "buy" e un target price a 18,6 euro.
Non più tardi di due giorni fa per Fca è arrivata una promozione da Exane, i cui analisti hanno deciso di modificare la loro strategia sul titolo, con un cambio di rating da "neutral" ad "outperform" e un fair value a 19,5 euro.
Il broker francese si aspetta che le vendite dei pickup Ram spingeranno il margine Ebit dell'area Nafta oltre l'11% nella seconda metà dell'anno.

Gli analisti inoltre fanno sapere che il titolo appare sottovalutato rispetto al multiplo prezzo-utili 2019, ipotizzando lo scorporo di Magneti Marelli. 

La view su CNH Industrial

Tra i titoli della galassia Agnelli un titolo da comprare è anche CNH Industrial, almeno secondo le indicazioni di Equita SIM che ieri ha ribadito la raccomandazione "buy", con una valutazione obiettivo a 13,6 euro.
La conferma è arrivata dopo che il gruppo ha finalizzato l'emissione di un bondo da 500 milioni di euro con scadenza nel 2026, che a detta degli analisti contribuisce ulteriormente al miglioramento del costo medio del debito, in quanto ne andrà a sostituire uno da 547 milioni di euro in scadenza nel 2019 con una cedola più alta.
Anche Mediobanca Securities è ottimista su CNH Industrial, tanto da assegnare un rating "outperform", con un target price a 13,3 euro.

Le strategie suggerite per Ferrari

Si conferma una scelta interessante anche Ferrari in vista del Capital Markets Day di martedì prossimo, in attesa del quale gli analisti di Citigroup consigliano di acquistare, con un prezzo obiettivo a 125 euro.

La banca americana dall'appuntamento della prossima settimana non si aspetta il lancio del Suv Ferrari, ma prevede che possano essere forniti dettagli sulla tempistica dello stesso.
Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?
Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com
Lo stesso rating "buy" su Ferrari è stato ribadito non più tardi di due giorni da Equita SIM, che ha rivisto il target price da 120 a 121 euro, dopo che è stato siglato con l'Agenzia delle Entrate un accordo preventivo per il regime di tassazione agevolata quinquennale previsto dal Patent Box.
Il beneficio fiscale cumulato per il triennio 2015-2017 ammonta a 139 miliardi di euro e sarà registrato nel trimestre in corso da Ferrari.

Sotto la lente Pirelli

Sempre Equita SIM scommette anche su Pirelli che è da comprare con un fair value a 8,5 euro, ancor più dopo che il gruppo ha confermato la guidance per l'anno in corso, al pari di quanto fatto nello stesso settore dalla francese Michelin.
Diametralmente opposta la strategia suggerita da Berenberg che a fine agosto ha bocciato Pirelli, con un cambio di rating da "hold" a "sell" e un prezzo obiettivo tagliato da 8 a 7,5 euro.
Il broker segnala il rischio di delusioni sul fronte dei risultati futuri del gruppo che in passato è stato uno dei più grandi a beneficiare dei trend relativi al mix di prodotto, ma difficilmente ciò accadrà anche in futuro.

Giudizi positivi su Prysmian

Buone notizie anche per Prysmian che secondo Banca Akros è da accumulare in portafoglio, con un target price rivisto proprio oggi da 28,5 a 27,4 euro.

Gli analisti non prevedono grosse sorprese dalla trimestrale del gruppo e credono che il focus continuerà a rimanere sul progetto Western Link.
Indicazioni bullish per Prysmian arrivano anche da Mediobanca che ha un rating "outperform" e un fair value a 27,7 euro, mentre i colleghi di Banca IMI suggeriscono di acquistare, con un prezzo obiettivo a 26,6 euro.
Gli analisti fanno notare che relativo al progetto Western Link ci sarebbe spazio per ulteriori 40 milioni di euro di penali, pari a meno dell'1% della capitalizzazione di mercato del gruppo. 

Anche Buzzi Unicem è una buona scommessa

Un titolo su cui puntare è anche Buzzi Unicem che proprio nei giorni scorsi è finito sotto la lente di S&P, i cui analisti hanno migliorato il rating di lungo e di breve termine, confermando l'outlook stabile.


Una buona notizia secondo Mediobanca Securities che assegna al titolo una raccomandazione "outperform", con un target price a 24,2 euro.
Bullish anche la view di Kepler Cheuvreux che suggerisce di acquistare con un fair value a 23,5 euro. Il broker ha accolto con favore l'accordo per l'acquisizione da parte di Buzzi Unicem del 50% della brasiliana Bcpar, apprezzando in particolare la diversificazione geografica e il potenziale di crescita in Brasile.

Bullish le indicazioni per Leonardo

Infine, un'opportunità da cogliere è offerta anche da Leonardo che secondo Mediobanca Securities è destinato a sovraperformare il mercato, con un prezzo obiettivo a 14 euro.

Un valore che offre un potenziale di upside di quasi il 40% dai livelli attuali, tenendo presente che secondo gli analisti il titolo viaggia a sconto del 50% rispetto ai competitors.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.