-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 12 settembre 2018

Fatti & effetti

BANCHE - Avanti con la cessione di altri crediti in sofferenza 11/09/2018 23:57 - WS

FATTO
La stampa riporta che alcune piccole banche popolari e casse di risparmio, stanno finalizzando la cessione di 1,7 miliardi di crediti in sofferenza. Circa la metà, 800 milioni di euro, sono relativi a Banca Popolare Bari: 73,4% derivante da crediti garantiti e il 26,6% da crediti non garantiti.

In vista vi sarebbe un'altra cessione da 1 miliardo di euro, da parte di un pool di piccole banche: operazione da chiudere entro marzo 2019, in modo da poter utilizzare la garanzia statale sulle tranche senior delle notes (GACS).

Unicredit (UCG.MI), nel frattempo, starebbe procedendo alla cessione di 2 miliardi di Npl entro fine anno per portare l'esposizione ai crediti deteriorati (NPE lorda) a 19 miliardi di euro.

EFFETTO
Secondo le nostre stime, il sistema bancario italiano sarà in grado di riportare, entro fine 2018, le sofferenze lorde ai livelli di fine 2011. Tra le principali transazioni in attesa di finalizzazione ricordiamo Intesa Sanpaolo (ISP.MI) (10,8 miliardi di euro), Banco BPM (BAMI.MI) (3,5/9 miliardi di euro) e Ubi Banca (UBI.MI) (2,75 miliardi).
www.websim.it www.websimaction.it

LEONARDO - Prove di pace con Fincantieri, dopo lo strappo su Vitrociset 11/09/2018 23:57 - WS

FATTO
Dopo la decisione di Leonardo di esercitare il diritto di prelazione su Vitrociset (di cui Fincantieri (FCT.MI) aveva annunciato l'acquisizione ad inizio agosto), la stampa riporta di un incontro tenutosi ieri a Roma tra i due amministratori delegati, Alessandro Profumo (Leonardo) e Giuseppe Bono (Fincantieri).

Non sarebbero tuttavia emerse novità circa il coinvolgimento di Fincantieri in Vitrociset; Leonardo avrebbe offerto una quota di minoranza nella società.

I due gruppi sono alleati in due gare, da 1,6 miliardi di euro ciascuna, indette dalla Marina rumena e dalla Marina brasiliana che dovrebbero essere assegnate entro l'anno.

EFFETTO
La decisione di Leonardo ha reso evidente il contrasto tra due aziende controllate dallo stato (72% Fincantieri posseduto da Fintecna/CDP, 30% di Leonardo dal MEF che detiene l'83% di CDP).
Il governo italiano è chiamato a valutare l'accordo sulla cantieristica navale militare tra Fincantieri e Naval Group (posseduta al 35% da Thales).

Riteniamo che l'esercizio della prelazione su Vitrociset possa portare ad un maggiore chiarezza nella strategia del governo, relativamente alla Difesa.
Confermiamo la raccomandazione INTERESSANTE su Leonardo (LDO.MI) con target price a 11,6 euro.
www.websim.it
www.websimaction.it

ATLANTIA - Il governo vuole togliere la concessione per decreto 11/09/2018 23:57 - WS

FATTO
Il governo starebbe preparando due decreti legge con i quali togliere la concessione ad Autostrade per l'Italia ed estromettere il gruppo dalla ricostruzione del ponte.
E' quanto riporta oggi il quotidiano La Stampa.

I decreti legge permettono di aggirare il rischio di sospensive di breve termine, richieste da Atlantia nel caso in cui il governo decidesse di affidarsi a semplici provvedimenti amministrativi per la revoca della concessione.

Il governo vuole usare il decreto legge perché la vuole tirare lunga, infatti, l'eventuale lite giudiziaria basata su questo tipo di norma, passa per la Corte Costituzionale. Al contrario, gli eventuali provvedimenti amministrativi, con i quali revocare la concessione, potrebbero essere sospesi in tempi molto più brevi dai giudici regionali del TAR.


Atlantia punterebbe al declassamento dei decreti a semplici provvedimenti contro una specifica azienda, con l'automatica richiesta di sospensione in tempi brevi.

EFFETTO
Oltre a tentare di far declassare le norme eventualmente approvate dal governo, Aspi potrebbe anche richiedere l'emissione di un decreto ingiuntivo per il pagamento dell'indennità.
Per quanto riguarda la concessione riteniamo ancora che i due scenari principali rimangano quello della conferma ad Aspi ma sulla base di un nuovo sistema tariffario (con accordo bilaterale) oppure la revoca con successiva gara.
Comunque sia, l'attitudine di alcuni esponenti del governo e l'incertezza giuridica richiedono ancora cautela sul titolo.

Raccomandazione POCO INTERESSANTE per Atlantia (ATL.MI), con target price a 20 euro (la nostra stima non prevede la revoca della concessione).
www.websim.it www.websimaction.it

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.