-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 7 settembre 2018

EUR/USD: chi avrà la meglio tra i due? La view degli analisti


In quest'ultima seduta della settimana torna qualche acquisto sull'euro-dollaro che, dopo la debolezza di ieri, quando la giornata si è conclusa comunque al di sopra della soglia di 1,16, prova a spingersi in avanti oggi. La moneta unica viene scambiata ad un passo da area 1,165 contro il biglietto verde, in attesa dell'importante report sull'occupazione Usa che sarà diffuso nel primo pomeriggio.

L'aggiornamento sui nuovi posti di lavoro nel settore non agricolo potrebbe impattare positivamente o negativamente sul cross, specie se ci saranno valori con scostamenti rilevanti rispetto alle previsioni del mercato. 
Intanto a condizionare l'andamento dell'euro-dollaro è anche l'attesa per gli sviluppi sul fronte della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, visto che incombe la minaccia di nuove tariffe Usa su beni e servizi importati da Pechino.


Da non trascurare inoltre i movimenti dello spread BTP-Bund, visto che un ulteriore calo dello stesso giocherà a favore della moneta unica. 
A tal proposito gli analisti di Unicredit segnalano che se da una parte il recente trend di forza del dollaro sembra ancora intatto, dall'altro la distensione della situazione politica in Italia pare aver offerto spazio per un recupero dell'euro.

In attesa di notizie che riducano la propensione al rischio, secondo gli esperti la moneta unica non dovrebbe registrare indebolimenti e qualsiasi notizia positiva dall'Italia o dal fronte Brexit potrebbe favorire un calo del biglietto. 
Su quest'ultimo Unicredit mantiene una view moderatamente ribassista, pur evidenziando che almeno nel breve i rischi al ribasso per l'euro stiano crescendo.

Una decisa escalation sul fronte del commercio tra Stati Uniti e Cina invece potrebbe favorire un nuovo rilevante sell-off. 
In generale gli esperti di Unicredit ritengono che le correlazioni tra le maggiori valute rimangano molto instabili per ora, con la possibilità di un rafforzamento o di un indebolimento anche su base giornaliera.

Al pari di Unicredit, anche gli analisti di Columbia Threadneedle Investments hanno un orientamento ribassista sul dollaro, ritenendo che la divisa Usa dovrebbe sottoperformare a fronte dell'appiattimento delle curve dei tassi durante cicli di inasprimento. 
Gli esperti segnalano che un supporto cruciale al biglietto verde è arriva dalla forza della crescita americana e dalla debolezza di quella europea, rivelatesi sorprendentemente superiori alle loro aspettative e a quelle del consensus.


Per gli analisti di Columbia Threadneedle Investments però la configurazione della curva dei tassi e altri fattori di breve terine fanno presagire un indebolimento del dollaro. 
Non la pensano così gli analisti di Fitch, i quali si aspetta che la divisa statunitense prosegua nel suo percorso di rafforzamento.
A guidare questa tendenza è il differenziale sempre più ampio tra la crescita economica negli Stati Uniti e quella in Europa e nel resto del mondo. 
Rispetto al Vecchio Continente questa dinamica è rafforzata anche dalla divergenza tra le politiche monetarie e fiscali delle due opposte sponde dell'Atlantico.


Anche Societè Generale si aspetta un biglietto verde forte anche in futuro, vista la superiore performance dell'economia americana rispetto a quella europea. Se oggi arriveranno numeri forti dal mercato del lavoro Usa, si avrà la conferma del fatto che la congiuntura non sta rallentando e ciò permetterà alla Fed di proseguire nel suo percorso di rialzo dei tassi di interesse, a tutto vantaggio del dollaro.
Non si aspettano invece movimenti di rilievo gli analisti di Raiffesen, i quali ritengono non ci siano grandi impulsi che possano portare ad un apprezzamento o ad una svalutazione della moneta unica contro il dollaro nel breve.


Spunti in tal senso sarebbero dovuti arrivare dalla Fed o dalla BCE, ma entrambe le Banche Centrali non dovrebbe riservare sorprese nei mesi a venire. Per questo motivo gli esperti di Raiffesen dichiarano che sia aumentata la probabilità di un prolungato movimento laterale dell'euro-dollaro.

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.