-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 14 settembre 2018

Draghi resta ottimista sul ciclo Eurozone nonostante i rischi

 
Il Beige Book Fed ha riportato un livello di attività economica lievemente più debole delle attese,  con alcuni distretti che ad agosto hanno marginalmente rallentato. A pesare un immobiliare meno brillante, e l'impatto sulle attese e  le decisioni di investimento delle frizioni commerciali con la Cina e gli altri partners. Il mercato del lavoro viene ancora rappresentato come "tirato".
Detto questo, la "giornata delle banche centrali" è iniziata con un buon tono in Asia, principalmente  grazie alle indiscrezioni del  WSJ citate ieri sulla ripresa delle trattative tra Cina e USA. D'altronde, una reazione più robusta che in US ha senso,  visto che l'impatto delle frizioni è stato decisamente più marcato nell'area.
Protagoniste del rimbalzo, le "H" shares, dense di grosse banche e imprese statali, mentre le "A" shares hanno mostrato minor vigore. Tra le  altre piazze,  spicca la  forza di Tokyo,  aiutata, oltre che dalla recente debolezza dello Yen,  da un inatteso balzo degli ordinativi di macchinari (+11% a  luglio vs attese per +5.5%). Per inciso, il  quadro tecnico del Nikkey si fa interessante.
L'Indice ha tenuto meglio delle  altre  piazze asiatiche e occidentali (USA esclusa) la recente fase di volatilità, e  si trova a  poca  distanza dal livello di 23.000, testato 3 volte quest'anno. Dovesse il sentiment generale  migliorare, Tokyo sembra una buona candidata per un "long". In ogni caso, prima di trarre conclusioni aspettiamo di avere un breakout.
La seduta europea è partita col  tipico tono incerto delle grandi occasioni, un occhio all'asta BTP a metà mattinata, un altro al meeting della Banca Centrale Turca, e con Draghi e il  CPI USA di agosto in arrivo nel primo pomeriggio.
Il  run up verso l'asta è stato turbato da indiscrezioni, su La Stampa, che Tria avrebbe minacciato dimissioni, a causa delle pressioni dei Movimento per destinare risorse al reddito di cittadinanza (indiscrezioni poi smentite dal Ministero). In realtà poi l'asta è andata bene, ma senza squilli, con domanda robusta solo sul  3 anni.
Il Presidente Erdogan ha pensato bene di movimentare l'attesa per il  meeting della Banca Centrale turca lanciandosi in aspre critiche sul  suo  operato e affermando che i tassi dovrebbero essere tagliati (*ERDOGAN: WE SHOULD CUT THIS HIGH INTEREST RATE). Poichè tutti erano in attesa di conoscere le misure che le autorità avrebbero messo in campo per difendere la  divisa (il  consenso si aspettava un rialzo di 325 bps) queste affermazioni hanno causato una brusca discesa della Lira turca e un sussulto  di risk aversion. In realtà, si è trattato di un diversivo. Alle 13 la CBT ha alzato il Repo  settimanale addirittura di 625 bps, al  24%. Contrordine, compagni, Lira turca il  rialzo e sentiment in recupero in attesa di Draghi.
Alle 13.45, la comunicazione ECB ha rispettato alla lettera le  attese. Tassi invariati, acquisti che scendono a 15 bln da ottobre e saranno arrestati (reinvestimento dei proventi di portafoglio a  parte) a dicembre, se il  quadro macro  rispetta  le  attese  ECB.
Prima di affrontare la  Conference, smaltiamo  il CPI USa di agosto. Il dato ha deluso, sia come headline (+0.2% vs 0.3% atteso) che come core (+0.1% vs +0.2% atteso), depresso da un brusco calo del vestiario e medical care. Nulla di particolarmente preoccupate (il vestiario è volatile) ma è evidente che al momento i timori di un'accelerazione fuori controllo dell'inflazione in US sono ingiustificati. Lieve arretramento del Dollaro, e sospiro  di sollievo degli emergenti.
Venendo a Draghi, anche la  conferenza ha riservato poche sorprese. Come atteso,  le  previsioni macro dello staff sono state lievemente limate, e quelle sull'inflazione sono state lasciate invariate, ma,  contrariamente alle attese di alcuni analisti, il bilancio dei rischi è stato lasciato in equilibrio, pur con una maggiore sottolineatura di quelli al ribasso  (protezionismo, volatilità e  emergenti).
Nel Q&A, il Presidente ECB ha usato toni ottimisti, citando, a fronte dei rischi, anche fattori potenzialmente positivi come politiche fiscali più espansive, e la forza del trend macroeconomico. Insomma in generale Draghi  è  sembrato fiducioso nella tenuta della ripresa Eurozone, nonostante i rischi imposti dal  quadro globale.
I mercati hanno reagito positivamente alla conference. L'azionario continentale ha guadagnato ulteriore  respiro,  senza farsi intimidire dalla comprensibile  forza  dell'€. I tassi hanno accelerato al rialzo, il che ha favorito il  settore bancario. Domanda di matrice estera ha offerto  supporto ai BTP, e solo Piazza Affari è  rimasta parziamente ostaggio delle tensioni nell'esecutivo. Una partenza positiva di Wall  Street e l'effetto CPI-Dollaro sugli emergenti hanno cementato il  quadro di ripartenza  del  risk appetite.
Tutti felici e contenti quindi? Nossignore.
Ci ha pensato Washington a sgambettare il sentiment, poco  prima della chiusura europea, prima annunciando nuove dure sanzioni contro la Russia (*U.S. PLANS `SEVERE' RUSSIA SANCTIONS BY NOV., OFFICIAL SAYS) e poi con un tweet di Trump (vedi sotto) con il quale  il  Presidente ha inteso, a modo suo, calmare gli  entusiasmi sul fronte trade e cancellare qualsivoglia impressione che Washington sia oggetto di pressioni per giungere ad un accordo con la  Cina.
Cosi (NasdaqCM: COSI - notizie) i mercati azionari hanno generalmente ritracciato (e i progressi degli indici continentali sono stati pressoche azzerati), il  dollaro ha recuperato un po' di terreno, e i bonds sono un po'  rimbalzati. Il mood ha risentito  parzialmente anche del brusco calo dell' oil dopo la comunicazione del balzo ai massimi da 9 mesi della  produzione dell'OPEC ad agosto.
Al  momento l'effetto  delle news sul trade si è un po' attenuato, segno che gli investitori hanno fatto un po' il callo alle  esternazioni del POTUS. Troppo tardi per ridare lustro  alla seduta  europea (dove  le  banche hanno comunque ben figurato) ma comunque in tempo per riportare Wall Street sui massimi di seduta. Vediamo come la  prende l'Asia,  domani.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.