-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 24 settembre 2018

Bond oggi: fra i Btp il 2,8% 2028 diventa il trainer


E’ il Btp che riproduce meglio l’andamento del Future e il mercato l’ha adottato come tale, con volumi di tutto rilievo. Stabilmente con oltre 20 milioni di euro di controvalore quotidiano e picchi anche del doppio nelle giornate più calde, il 2,8% scadenza 2028 (Isin IT0005340929) sta battendo l’altro 2,8% ma scadenza 2067 (Isin IT0005217390), ex campione per vari motivi a favore del primo: una replica nettamente più precisa delle performance del derivato, una minore esposizione alla “duration” (8,9 contro 26 del secondo) nonché una volatilità che si annuncia maggiore, sebbene non sia ancora possibile determinarne il valore, essendo stato immesso sul secondario solo il 31 luglio scorso. 

La verifica dei numeri

I movimenti sono inequivocabili nell’esprimere il sentiment dei mercati e lo conferma l’analisi tecnica in parallelo del 2028 e del Btp Future.

Il 2,8% ha registrato un periodo ribassista fino al 3 settembre (minimo a 95,2 – chiusura a 95,57); il giorno dopo è partito un consistente rialzo, con apertura in gap (a 96,93) e una seduta volatile, caratterizzata da un long-logged doji, tipico pattern in cui apertura e chiusura sono coincidenti ma con un ampio range di movimento daily.
Ciò ha indicato una marcata corsa al rialzo dei prezzi, sebbene con non poche incertezze. Subito dopo è partita comunque una fase rialzista, sostenuta dalla media mobile a 10 sedute nonché dal SuperTrend positivo e proseguita fino a venerdì (chiusura a 99,9). Analizzando il Future si constata un andamento esattamente identico: il 4 settembre lunga candela rialzista, sostenuta fino all’ultima seduta dalla stessa m.m.

10 e dal SuperTrend. Identico comportamento anche per vari indicatori tecnici. 

Quel ritorno a quasi 100

Un altro aspetto positivo del 2,8% scadenza 2028 sta nel fatto che ha come riferimento il valore 99,54 di emissione, con il quale sta combattendo nella fase attuale. Si possono quindi identificare fasi ribassiste sotto tale livello e rialziste sopra, nelle presenti condizioni di tassi Bce.
Interessante poi la dinamica giornaliera delle quotazioni, con frequenti “upper” e “lower shadows” che consentono di identificare abbastanza bene livelli di entrata e uscita. Decisivo però – come detto – il supporto della media mobile a 10 sedute, puntuale nell’individuare fasi correttive e accumulative.

Proprio per questo il 2028 è stato adottato dai trader, ora meno convinti dell’utilizzo dei Btp lunghi, più esposti non tanto al tema della politica economica del Governo quanto a quello delle pressioni da Bund e quindi da rialzo tassi Bce. 

Possibili evoluzioni

Visto che la media mobile a 10 sedute si colloca a 99,35, un ritorno sotto quota 99 in chiusura di giornata costituirebbe un segnale di nuova debolezza, mentre la rottura dei 100, manifestatasi per ben quattro sedute della scorsa settimana seppur solo martedì anche in chiusura, sarebbe un galvanizzante sintomo di forza.

La compressione dei valori è netta e già nelle prossime ore si potrebbe determinare un chiarimento sulle evoluzioni future del singolo titolo e quindi dell’intera famiglia dei Btp. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.