-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 12 settembre 2018

Bond News: Euromacro


Interessanti le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.
In Spagna l'istituto di statistica INE ha annunciato che ad agosto l'indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,1% su base mensile, inferiore alle attese e alla rilevazione precedente fissate su un indice dello 0,2%. Rispetto allo stesso periodo del 2017 l'indice è cresciuto dello 2,2%, pari alla rilevazione del mese precedente.L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (HICP) è cresciuto del 2,2% rispetto ad agosto 2017, in lieve calo rispetto alla rilevazione precedente (+2,3%).
In Italia l'Istat ha comunicato che a luglio 2018 stima che l'indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dell'1,8% rispetto a giugno.

Nella media del trimestre maggio-luglio il livello della produzione registra una flessione dello 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti.L'indice destagionalizzato mensile mostra diminuzioni congiunturali in tutti i comparti: variazioni negative segnano i beni strumentali (-2,2%), i beni di consumo (-1,7%) e i beni intermedi (-1,2%); in misura più contenuta diminuisce l'energia (-0,8%).Corretto per gli effetti di calendario, a luglio 2018 l'indice è diminuito in termini tendenziali dell'1,3% (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di luglio 2017).

Nella media dei primi sette mesi la produzione è cresciuta del 2,0% su base annua.Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a luglio 2018 una lieve crescita tendenziale solamente per il raggruppamento dei beni strumentali (+0,7%); variazioni negative si registrano, invece, per i beni intermedi (-2,2%), i beni di consumo (-1,9%) e l'energia (-1,4%).I settori di attività economica che registrano la maggiore crescita tendenziale sono l'attività estrattiva (+2,8%), la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+1,8%) e la fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a.

(+1,3%). Le maggiori flessioni si registrano invece nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-6,4%), nella industria del legno, della carta e stampa (-5,8%), nella metallurgia e prodotti in metallo (esclusi macchine e impianti) (-2,8%) e nella fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-2,8%).
Eurostat ha reso noto che nel mese di luglio la produzione industriale della Zona Euro e' diminuita dello 0,1% su base annua (consensus +1%).

A giugno la produzione era cresciuta del 2,3% (rivista al ribasso da +2,5%). Su base mensile la produzione industriale ha registrato una flessione dello 0,8% superiore alle attese fissate su un calo dello 0,5%. A giugno la produzione industriale era diminuita dello 0,8% (rivisto da -0,7%).
Secondo Bloomberg il successore di Mario Draghi alla presidenza della BCE potrebbe essere francese.
In base a un sondaggio condotto dall'agenzia, tra i 10 potenziali candidati ben 3 sono transalpini: Francois Villeroy De Galhau (governatore della Banque de France), Benoit Coeure (membro del comitato direttivo della BCE) e Christine Lagarde (direttore generale dell'FMI). Quest'ultima ha però dichiarato al Financial Times di non essere interessata a incarichi alla BCE o alla Commissione UE.

Mario Draghi concluderà il proprio mandato nell'ottobre 2019.
Aste in Europa:
- Il Tesoro ha collocato 6,000 miliardi di euro di Bot a 12 mesi (Isin IT0005344855) con rendimento a +0,436%, in calo di 24 punti base dall'asta di metà agosto. Buona la domanda con un bid to cover a 1,91.
- Questa mattina la Germania ha collocato Bund a 30 anni con scadenza agosto 2048 (ISIN DE0001102432) per 768 milioni di euro (oltre a 232 milioni riservati a operazioni di mercato secondario) con un rendimento dell'1,1%, in crescita rispetto allo 0,94% dell'asta precedente.

Le richieste sono state pari a 2 volte il quantitativo offerto.
In calo i depositi overnight presso la Bce. L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 671,144 miliardi di euro, dai 675,456 miliardi della lettura precedente.
Salgono a 240 milioni di euro i prestiti marginali da 41 milioni di euro precedenti.
Spread BTP/Bund a 242 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 2,82%.
Positivi i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di dicembre sale a 159,72 punti (+0,27%) ed il Bobl future si attesta a 131,16 punti (+0,09%).
(CC - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.