-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 13 settembre 2018

3 dividendi ad alto rischio e alta resa


Solitamente nessun dividendo è senza rischi, forse nemmeno i tanto blasonati aristocratici. La differenza sta nella percentuale di quel rischio. Sì, perché esistono alcune cedole che sono più pericolose di altre. In questo caso, però, c'è la “consolazione” di un premio altrettanto alto in rapporto ad un costo relativamente (ma non sempre) basso.
Come sottolinea Dana Blankenhorn sulle colonne di InvestorPlace.

CenturyLink (NYSE: CTL)

Mix tra una classica compagnia telefonica e un fornitore di servizi web.

Offre un rendimento sui dividendi del 9,6% con cedola trimestrale. Troppo? Forse, pero guardando ai suoi flussi di cassa operativi pari a $ 1,582 miliardi il livello di dividendi potrebbe essere ancora sostenibile. Una sostenibilità che potrebbe essere rafforzata, secondo gli analisti, con alcune acquisizioni mirate come quella di Level 3, un operatore di fibre ottiche acquistato per $ 34 miliardi nel 2016.

Ford (NYSE: F)

In questo caso si tratta del già citato aristocratico che tra le altre cose offre dividendi al 6,4%.

Eppure è in calo, un calo motivato dal piano quinquennale che ha suscitato qualche perplessità, ma intanto le azioni sono sorprendentemente convenienti rispetto ad altri titoli ad alto rendimento. Guardando i numeri riportati da Blankenhorn, Ford ha avuto un utile netto di $ 1,06 miliardi nel secondo trimestre e pagato $ 586 milioni in dividendi.
Il dividendo è stato quindi coperto quasi due volte. Il problema sono i suoi 12,2 miliardi di dollari di debito a lungo termine, e la necessità di continuare ad aggiungere debito per rimanere aggressivi su un mercato che, in piena evoluzione, necessita di investimenti nella ricerca verso l'auto elettrica.

Banco Bilbao Vizcaya Argentaria (NYSE: BBVA)

Meglio noto come BBVA, è una banca spagnola molto attiva nei mercati emergenti, settore sempre piuttosto fragile e che adesso, tra Turchia, Argentina, Brasile e Messico torna ad agitare i sonni degli investitori.

Il che spiega il prezzo basso e il dividendo alto, al 12,2%. Anche perché i numeri, qui, sono al limite del pareggio. Tecnicamente, fa notare il report, la banca ha bisogno di 1,23 miliardi di dollari ogni trimestre per pagare il dividendo con guadagni che arrivano solo a 1,14 miliardi di euro per il secondo trimestre e a 1,34 miliardi nel primo.
Insomma un gioco che si fa sul sottile filo di lama di una proposta azzardata.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.