-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 31 agosto 2018

Spread e BTP: reazione eccessiva?


Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte SIM, spiega che Trump minaccia la partenza di dazi per 200Mld€ al 25% entro la prossima settimana contro la Cina.
Lo stesso Trump si è detto insoddisfatto dell’offerta della Ue di azzerare del tutto i dazi da entrami i lati dal momento che le abitudini dei consumatori europei sono di acquistare le loro auto, non le nostre”.
Trump si è detto insoddisfatto anche del comportamento di Erdogan sul tema liberazione del pastore Usa detenuto in Turchia.
ITALIA: da indiscrezioni di stampa emerge l’intenzione di Tria in tema di aggiornamento della nota del DEF:
  • Contenere il deficit/Pil 2019 all’1,5% (Gentiloni si era impegnato per un rapporto allo 0,9%).
  • Anticipare la presentazione della nota rispetto alla data limite del 27 settembre.
BUFFET: ha dichiarato di aver ultimamente leggermente incrementato la quota in Apple  rispetto al 5% detenuto a fine giugno.
FITCH: atteso stasera l’esito della review sul rating italiano.

A fine ottobre vi saranno S&P (26 ottobre) e Moody’s (entro fine ottobre).

SPUNTI OPERATIVI

SPREAD e BTP: L’esito e la reazione dei mercati successivi alle aste italiane di ieri sono stati particolarmente emblematici - spiega Antonio Cesarano -. A fronte del fortissimo incremento del bid to cover sul nuovo Btp a 5 anni.
Più modesto è risultato l’esito sulla riapertura del comparto a 10 anni, malgrado vi fosse al scadenza di circa 9,5Mld€ di cedole. Il risultato nel complesso non è sembrato così negativo come la reazione dei mercati ha poi fatto emergere. Si è trattato probabilmente più di una carenza  di spessore di mercato in assenza di corposi compratori piuttosto che di vendite marcate.

Gli indizi in tal senso sono i seguenti , raffrontati soprattutto con quella che fu la reazione dei mercati ad esempio a fine maggio:
  • I volumi sul Btp future sono arrivati a circa 200.000 lotti a fronte di volumi scambiati sul future Btp short (per scadenza) pari a poco più della metà.
    A fine maggio i volumi dei due contratti future erano invece molto simili, ed addirittura il 25 maggio il future short scambiò più del long.
  • Ieri lo spread  btp 2-10 anni si è ridotto di circa 8 pb (da 193 a 185). A fine maggio la riduzione dello spread fu fortissimo.
In sintesi: queste considerazioni portano ad ipotizzare che la reazione di eri sui Btp possa essere stata eccessiva - spiega Antonio Cesarano -.

Nel mese di settembre è attesa la riunione Bce il 13 settembre e la presentazione della nota di aggiornamento di Tria che potrebbe arrivare prima della data limite del 27 settembre. Draghi potrebbe essere particolarmente morbido, alla luce anche del rallentamento dell’inflazione euro ad agosto (da 2,1% a 2%).
Inoltre le prossime due aste a m/l sono collocate proprio in corrispondenza di queste due date chiave ossia 13 e 27 settembre. In altri termini il mese di settembre potrebbe far emergere ricoperture in attesa di verificare sia le parole di Draghi sia il contenuto del DEF aggiornato.
DAZI: la minaccia di ulteriori 200Mld$ di dazi su merci cinesi - spiega Antonio Cesarano -.

È di fatto già scontata dal livello di 6,90 circa dello yuan che la Cina ha già fatto intendere di non voler far forare al rialzo. Uno yuan non in fase di indebolimento potrebbe contribuire a segnali di maggiore tranquillità sui mercati dopo le tensioni emerse dopo la dichiarazione di minaccia di Trump ad agosto.
Da considerare inoltre che l’implementazione dei 200Mld$ di dazi potrebbe essere effettuate non tutta insieme ma a tappe. 
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.