-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 16 agosto 2018

Piazza Affari vedrà nuovi minimi 2018 a breve: i prossimi target

 
Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Antonello Marceddu, trader di Protrader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sui principali indici azionari, con una particolare attenzione rivolta a Piazza Affari.
L'indice Ftse Mib continua a scivolare verso il basso, aggiornando i minimi dell'anno. Cosa si aspetta nel breve a Piazza Affari?
Dopo lo sfondamento di area 21.000 da parte del Ftse Mib, non vedo al momento possibilità di un ritorno verso l'alto delle quotazioni. L'indice ora sta mettendo sotto pressione la soglia dei 20.500 che rappresenta un livello di supporto. Al di sotto di tale livello troviamo un gap che deve essere ancora chiuso e che è abbastanza distante nel tempo visto che risale ad aprile 2017.
La seduta del 21 di quel mese è stata archiviata a 19.741 punti e quella del 24 aprile ha visto un'apertura a 20.197 punti. Temo che il mercato possa andare a chiudere questo gap-up e se il trend in atto dovesse proseguire nelle prossime sedute avremo un primo step ribassista a 20.200 punti, con un target successivo in area 20.000.
La mia view al momento rimane orientata al ribasso, con lo sguardo rivolto alla chiusura del suddetto gap, credendo poco ad un recupero del Ftse Mib almeno nell'immediato.
Se l'indice però dovesse avere la forza di rimbalzare da quota 20.500 raggiunta in queste ore, manterrebbe scoperta la figura del gap-up di cui parlavo prima, ma ripartirebbe da un forte supporto che si è già opposto ad uno sviluppo ribassista tra maggio e giugno dello scorso anno.
Prendo però le distanze da uno scenario di questo tipo perchè sono più propenso a credere che il supporto dei 20.500 punti venga rotto al ribasso, con conseguente discesa verso area 20.000.
L'euro-dollaro sta provando a risalire la china dopo la forte pressione ribassista delle ultime sedute che lo ha portato su nuovi minimi dell'anno. Quali le sue attese per questo cross?
Partiamo dicendo che i movimenti dei prezzi di qualsiasi asset statisticamente vanno sempre a toccare le cosiddette deviazioni standard. Osservando l'euro-dollaro sul grafico mensile, ho notato che ad agosto è stata rotta al ribasso la mediana delle bande di Bollinger, perforata a 1,16/1,159.
Sulla base dei valori che ho settato, la banda inferiore la possiamo individuare a 1,08/1,079 di euro-dollaro. Non è detto che tale livello venga raggiunto in tempi così brevi, ma sto considerando che un simile scenario possa materializzarsi, forse anche più velocemente del previsto, vista la crisi della Turchia.
La violenza con cui è sceso l'euro-dollaro questo mese, dando seguito ad un ribasso già partito due mesi, è da leggere a mio avviso come una volontà di del mercato di spingersi su valori più bassi. Non sto certo parlando di un approdo del cross sulla parità e probabilmente neanche di un ritorno sui minimi assoluti a 1,04, ma a mio avviso l'area di 1,08 potrebbe essere un obiettivo più prossimo di quello che ci si sarebbe potuti attendere in altri momenti.
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) breve non mi aspetto grandi recuperi che potrebbero anche avvenire a livello intraday, ma non dovrebbero manifestarsi in maniera più decisa per ora.
Ammetto che non mi piace vedere movimenti nella stessa direzione da parte di euro-dollaro e dollaro-yen, come sta accadendo ad esempio nella sessione odierna in cui i due cross si muovono entrambi in rialzo, ma non possiamo negare che in questo momento il dollaro si conferma molto forte contro le principali valute.
L'oro si sta ulteriormente indebolendo al di sotto di area 1.200. Il ribasso in atto è destinato a proseguire nel breve?
La flessione dell'oro risente inevitabilmente della forza del dollaro, al quale è correlato negativamente. Il gold potrebbe proseguire lungo la via del ribasso, avvicinandosi progressivamente all'importante supporto mensile di area 1.120 dollari.
Sul grafico monthly stiamo assistendo all'uscita del prezzo dalla parte bassa delle bande di Bollinger e questo a mio avviso conferma un sentiero ribassista per l'oro. Nulla mi vieta di pensare che i corsi possano scivolare fino ai 1.120 dollari, primo livello di supporto rotto il quale si dovrà spostare l'attenzione su un'area di prezzo ben più bassa a 1.036 dollari.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.