-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 28 agosto 2018

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata


Piazza Affari continua ad essere debole (h16 non andava oltre il -0,4% con 20.718 punti), pressata sempre dal fattore politico. Al centro della questione, oggi, le dichiarazioni del Vice Primo Ministro Luigi di Mario che, a nome del governo italiano, avrebbe dichiarato l’intenzione di superare il tetto del 3% nel rapporto deficit Pil nella prossima legge di bilancio.

La questione politica

Dichiarazioni che, qualora fossero state confermate avrebbero riacceso le forti polemiche fra l’attuale esecutivo e i vertici europei.

A stemperare la tensione ci ha pensato il ministro dell’economia Giovanni Tria secondo cui alla base ci sarebbe, invece, una erronea interpretazione di quanto detto da Di Maio. In realtà, secondo il rappresentante del dicastero, il rapporto deficit Pil sarebbe stato criticato come qualcosa di fortemente negativo, un concetto che appare molto diverso dalla volontà di superarlo.
In realtà, continua Tria, il governo lavorerà per ridurre il rapporto debito Pil. Non solo, ma lo stesso ministro ha confermato di non essere preoccupato per i continui incrementi dello spread: l’Italia avrebbe fondamentali solidi che non giustificherebbero questi rialzi, che in realtà sarebbero da attribuire ad una fase di incertezza estiva.

T

I dati macro

ra gli altri elementi che hanno caratterizzato la mattinata è da segnalare il brusco calo della fiducia ad agosto. L’istituto di statistica (Istat) ha infatti previsto per questo mese un calo del clima di fiducia dei consumatori: dal livello di 116,2 luglio si dovrebbe, infatti, arrivare a 115, 2, risultato dettato dal costante deterioramento della componente economica( in questo caso si parla di una riduzione da 141, 136,6).

Clima di fiducia in calo anche per le imprese, in particolare nel settore manifatturiero dove il precedente 106,7 e si è trasformato in 104,8; in calo anche il risultato dei servizi arrivato a 104,7 invece del precedente 105. Chi invece si sente fiducioso è il settore del commercio al dettaglio: da 102,7 si è arrivati a 104,2.

I protagonisti

Tra i protagonisti della seduta è da segnalare Snam che può vantare la chiusura di un maxi accordo in Cina, con State Grid Corporation of China la più grande utility energetica al mondo: l’accordo mira alla produzione di elettricità da fonti rinnovabili nelle zone rurali della Cina oltre a opportunità di collaborazione in progetti congiunti.

Importante ricordare anche la situazione di Fiat: dopo la chiusura dell’accordo commerciale tra Stati Uniti e Messico, accordo permette di mandare in soffitta il vecchio Nafta firmato nel 1994, di fatto vengono a cadere le tariffe maggiorate del 25% su acciaio e alluminio volute dal presidente statunitense Donald Trump.
L’accordo permetterà perciò a tutto il settore automobilistico di evitare la guerra commerciale tanto temuta, non solo, ma potrebbe anche essere vsto come un vantaggio dell’amministrazione statunitense in vista delle elezioni di medio termine previste per il 6 novembre.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.