-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 22 agosto 2018

L'Angolo del Trader


Il Wall Street Journal scrive che i dazi su auto e componenti annunciati dal presidente USA Trump potrebbero essere rimandati: ne trae beneficio, tra gli altri, Brembo. Il titolo ha toccato un massimo a 11,42 euro dopo aver terminato lunedi' a 11,18 euro. Il rimbalzo permette alle quotazioni di allontanarsi dal supporto critico offerto dai minimi di marzo a 10,89 euro avvicinato venerdi' scorso con il test di quota 11,05.
Se i prezzi riusciranno a salire oltre area 11,56, dove transita la media mobile esponenziale a 20 giorni, le prospettive di un proseguimento del rimbalzo diverranno concrete. Target in quel caso a 12,06, area di transito della trend line che scende dai massimi di maggio e della media mobile standard a 100 giorni.

La rottura anche di questa duplice resistenza aprirebbe la strada a movimenti verso i 12,70/80 euro. Sotto 11,20 invece rischio di discese verso il citato supporto critico di area 10,90. In caso di violazione di quei livelli il target si sposterebbe sui 10,38/40 euro.
Netta accelerazione rialzista ieri per i bancari italiani: l'indice FTSE Italia Banche ha chiuso a +2,44% contro il +1,45% dell'EURO STOXX Banks.
I titoli delle banche tricolori hanno approfittato della massiccia flessione di spread e rendimenti dei titoli di Stato italiani: il BTP a 10 anni alla chiusura di ieri rendeva il 2,97%, -11 bp rispetto alla precedente, lo spread sul Bund è sceso a 265 bp, -13 bp (dati MTS). Si segnala che Moody's ha rimandato a fine ottobre (dopo la legge di bilancio), dal 7 settembre precedentemente calendarizzato, la revisione del rating dell'Italia (attuale: Baa2, in "negative watch").

Tra i titoli migliori del comparto Intesa Sanpaolo (+3,39% a 2,2425 euro) che ha sfruttato il supporto fornito dal 61,8% di ritracciamento del rialzo dal minimo di giugno 2016, riferimento posizionato sui 2,17/2,18 euro. Si tratta del penultimo supporto utile a scongiurare l'inversione di tendenza e il conseguente ritorno in area 1,50/1,55: l'ultimo appoggio è rappresentato dal minimo del febbraio 2017 a 2,0640.
Le possibilità di assistere nel brevissimo a un'estensione del rimbalzo di ieri dipendono dalla capacità del titolo di oltrepassare l'ostacolo a 2,29/2,30, operazione che se portata a termine con successo favorirebbe un test dal basso dell'importante ex supporto a 2,40 circa. In caso di ritorno in pianta stabile oltre questo ultimo riferimento assisteremmo a un miglioramento del quadro grafico di breve/medio periodo e a un eventuale attacco alle fondamentali resistenze a 2,65.
Astaldi prolunga il rimbalzo delle ultime sedute e si avvicina agli ex supporti a 1,82 euro: i prezzi hanno toccato martedi' un massimo intraday a 1,791 euro (close lunedi' a 1,68).

Il titolo beneficia ancora delle dichiarazioni di Giancarlo Giorgetti, sottosegretario leghista alla presidenza del consiglio, al Messaggero nel fine settimana: a settembre il governo intende varare una grande operazione di messa in sicurezza infrastrutturale a tutto campo nel Paese. Ricordiamo anche le indiscrezioni di inizio settimana scorsa riguardo novita' attese a breve in merito al dossier della vendita della quota nel terzo ponte sul Bosforo: l'incasso di almeno 185 milioni dall'operazione e' necessario per mandare avanti il piano di rafforzamento approvato a fine giugno dall'assemblea.

Il superamento di area 1,81/82, area di minimi tra la meta' di luglio e l'inizio di agosto, cancellerebbe il recente segnale di debolezza inviato con la violazione proprio di quei supporti e farebbe sperare in una estensione del rimbalzo avviatosi dai minimi di meta' agosto a 1,555 euro. Oltre 1,91, media mobile a 50 giorni, le attese favorirebbero il proseguimento della fase di ripresa fino in area 2,45/48 almeno, dove si colloca il lato alto del canale ribassista (porzione di grafico compresa tra due linee parallele) disegnato dai massimi di gennaio 2018.

La rottura del lato alto del canale sarebbe da leggere come un segnale di forza valido anche per il medio periodo. Sotto 1,65 invece probabile un nuovo test dei minimi della scorsa ottava, a 1,555 euro, situati sulla base del canale ribassista citato. Supporto successivo a 1,35 circa.
(SF - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.