-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 27 agosto 2018

Ferie finite: sul mercato arriva il caso Italia


Quello che attende la nazione è un autunno di estrema volatilità con un Governo la cui credibilità è ancora in fase di prova.

Italia tra Def e Legge di Bilancio

Un banco rappresentato dalla presentazione del Documento di economia e Finanza e dalla Legge di Bilancio.
La corsa ad ostacoli inizierà infatti la settimana prossima quando il 31 agosto l'agenzia di rating Fitch si pronuncerà sul debito italiano e sula sua affidabilità mentre, il 26 ottobre sarà la volta di S&P. Moody's ha addirittura preferito posticipare il suo giudizio a dopo la presentazione del Def, in modo da avere più elementi per capire le mosse del governo in materia finanziaria.

Una cosa è certa: reddito di cittadinanza e flat tax non solo assorbiranno molte risorse, soprattutto monetarie ma rischieranno di esacerbare un clima di costante conflittualità con l'Europa. L'Italia è, infatti, una nazione caratterizzata da un'estrema fragilità dei conti pubblici oltre che una enorme lentezza nelle riforme strutturali.
Il panorama che si andrà delineando, inoltre, non aiuterà né Roma (intesa come politica), né Milano (intesa come finanza): tensioni con lo spread Bund/Btp, incertezze sulla situazione geopolitica internazionale (il rischio di un acutizzarsi della questione coreana è solo la punta dell'iceberg) chiusura dei programmi di allentamento monetario da parte di Fed e Bce.

I portafogli 

Saranno elementi che impatteranno notevolmente sulla fiducia degli investitori sui mercati, oltre che sulle politiche di investimento verso i paesi più fragili come, appunto l'Italia che, però, in caso di ritorno delle incertezze (quindi con il possibile Def pro-europa oppure la presentazione di un bilancio meno aggressivo del previsto) tornerebbe a correre.

Per questo motivo dli esperti stanno consigliando portafogli di differenti gradi di rischio, gradi che vanno da quello più elevato di Edmond De Rothschild (caratterizzato da una suddivisione tra il 75% di azioni e il restante in bond e una prevalenza delle preferenze per il mercato Usa), finendo per quello di Amundi, a baso rischio perché incentrato su una suddivisione incentrata sui titoli di stato (anche questi con una spiccata preferenza per gli Usa) e solo in secondo piano le azioni, il tutto aiutato dalla presenza del dollaro statunitense.

La corsa di Wall Street

 Dall'altra parte dell'oceano invece, Wall Street festeggia la corsa più lunga della storia, con il mercato toro che ha superato i 3.455 giorni, arrivando ad essere il più longevo della storia: da quel 9 marzo 2008, quando l'S&P500 non arrivava a 666 punti, sono passati oltre 10 anni e il guadagno è stato del 324%.

Consumi Discrezionali e IT sono stati i cavali vincenti con un saldo finale pari rispettivamente a +623% (con l'aiuto inatteso di un colosso come Amazon che in 10 anni è stato in grado di creare e reggere in borsa un intero settore di investimento) e +523%. Terzo e quarto posto per il settore finanziario (+460% dopo un generale riassesto dei fondamentali) e per quello degli industriali a +384%.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.