-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 24 agosto 2018

Criptovalute: ETF Bitcoin negato, antipasto aspettando VanEck


La Securities and Exchange Commission (SEC), Autorità americana equivalente in Italia alla Consob, ha negato nelle ultime ore il via libera all'ETF di ProShares su Bitcoin (BTC). Si tratta di certo di una notizia negativa che rappresenta un vero e proprio antipasto in vista del via libera, o allo stesso modo alla negazione, per l'ETF VanEck sul Bitcoin con decisione che potrebbe arrivare sul filo di lana in data 30 settembre del 2018.

La decisione della SEC accolta con freddezza sul mercato delle criptovalute

La decisione negativa della SEC, con ogni probabilità ampiamente attesa, non ha generato alcuna ripercussione sul mercato delle criptovalute a partire proprio dal Bitcoin (BTC).

Nella serata di oggi, giovedì 23 agosto del 2018, infatti, l'oro digitale passava di mano a $ 6.430 con un rialzo di poco superiore all'1% rispetto ai prezzi della vigilia (segui qui il trend di BTC in tempo reale).

Frodi e rischio manipolazioni Bitcoin tolgono il sonno alla Securities and Exchange Commission 

Tra l'assenza di un'adeguata regolamentazione, e l'elevata volatilità, ormai tutti hanno capito che negli States la SEC non sembra avere alcuna intenzione di dare il via libera a ETF sul Bitcoin nonostante esistano già sull'oro digitale strumenti derivati come i contratti futures.

Principalmente, la Securities and Exchange Commission sembra temere, in accordo con quanto riportato da cryptodaily.co.uk,  atti e pratiche fraudolente, nonché possibili manipolazioni sui prezzi del Bitcoin che mal si sposano con uno strumento finanziario quotato su un mercato regolamentato.

Senza ETF il mercato delle criptovalute continuerà ad esistere

Adrian Barkley su cryptodaily.co.uk, tra l'altro, sottolinea come la mancata approvazione del primo ETF sul Bitcoin non porterà alla fine del mercato delle criptovalute.

Ma non mancano coloro che pensano gli Exchange-traded fund sull'oro digitale possano rappresentare il primo passo per poter rivedere, magari tra qualche mese, le quotazioni sui massimi storici registrate, a cavallo tra dicembre 2017 e gennaio 2018, per il Bitcoin stesso e per le altre valute virtuali più capitalizzate.
Autore: Filadelfo Scamporrino Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.