-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 4 luglio 2018

Wall Street: luci e ombre. Economia ok, ma ci sono vari rischi


Dopo aver terminato le contrattazioni in anticipo ieri, la piazza azionaria americana oggi è rimasta chiusa per la festività dell'Independence Day. Wall Street tornerà regolarmente agli scambi domani e nelle ultime due sessioni della settimana dovrà misurarsi con alcuni importanti dati macro, citando tra tutti il cruciale report sull'occupazione, con riferimento al mese di giugno.

Le indicazioni che arriveranno dal mercato del lavoro saranno seguite con molta attenzione dagli operatori, visto che le stesse potranno impattare sulle prossime decisioni della Fed in materia di politica monetaria. 
Difficilmente però si dovrebbero avere sorprese in tal senso visto che il sentiero di rialzo dei tassi di interesse appare in qualche modo già segnato, salvo eventi avversi dell'ultimo minuto.


L'economia americana del resto continua a crescere ad un ritmo sostenuto e come evidenziato dagli analisti di UBS, gli Stati Uniti restano l'unica area geografica in cui la crescita non sta perdendo slancio rispetto allo scorso anno. Nelle ultime settimane c'è stta una frenata dell'economia a livello globale che però si mantiene solida e al di sopra del trend, ma la banca elvetica evidenzia che gli Usa rappresentano l'unico mercato in cui si registra un continuo aumento dei prezzi e nel quale gli analisti sono convinti che vedremo produttività a lungo termine e crescita della domanda.  
Ad esprimersi in termini positivi sull'economia Usa, almeno nel breve, è anche il Fondo Monetario Internazionale che, a conclusone delle consultazioni con gli Stati Uniti, ha diffuso la sua valutazione.


Nel breve lo scenario è positivo con una crescita economica vicina al 3% quest'ano, per poi scendere al 2,7% nel 2019, a fronte di un tasso di disoccupazione prossimo ai minimi da 50 anni. A cio si aggiunge la previsione di un'accelerazione della crescita e di una spinta dallo stimolo fiscale, unitamente ad una graduale ripresa dell'inflazione e della dinamica salariale.
L'FMI però punta l'accento alcune su alcuni fattori di fragilità nel medio termine, legati soprattutto alle politice dell'amministrazione Trump.

L'aumento del deficit federale infatti potrebbe rivelarsi una minaccia per il sentiero dei tassi di interesse, per i flussi di capitale e per la sostenibilità del debito.
Non stupisce del resto che le incertezze legate proprio alle politiche commerciali portate avanti dalla Casa Bianca stiano pesando sull'andamento dei listini azionari a stelle e strisce e non solo.  
A tal proposito Peter Cardillo, chief market economist di Spartan Capital Securities, segnala che il conflitto commerciale sta peggiorando, prescindendo dalle evoluzioni giornalieri, e questo fa sì che ogni rally di Wall Street incontrerà un soffitto molto basso.


Da non dimenticare che fino a quando non ci saranno segnali di distensione nello scontro commerciale in atto tra Stati Uniti e resto del mondo, la volatilità continuerà ad essere elevata. 
Ne è convinto Mark Haefele, chief investment officer di UBS Global Wealth Management, il quale consiglia agli investitori di rimanere sul mercato, adottando però alcune accortezze.

La prima è quella di cercare alterative di investimento, ma anche di coprirsi dall'esposizione all'azionario, consigliando in aggiunta a ciò di diversificare a livello settoriale e geografico e di assumere una view a lungo termine. 
Del resto è opinione diffusa che l'anno in corso non permetterà di replicare i risultati positivi conseguiti nel 2017, quando l'S&p500 ha guadagnato oltre il 18%.


Dall'inizio di quest'anno ad oggi, questo indice presenta un bilancio positivo di appena un punto e mezzo percentuale e se si considera che il target di Goldman Sachs per fine 2018 è fissato a 2.850 punti, se questa stima sarà rispettata l'S&P500 andrà ad aggiungere appena un rialzo del 5% dai livelli correnti, con un saldo finale inferiore al 10% e ben lontano da quello del 2017.  
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.