-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 6 luglio 2018

Prevale l'ottimismo alla vigilia dell'imposizione dei dazi


Abbastanza movimentato il rientro degli USA sul mercato dopo il 4 di luglio.
Al solito, la seduta  asiatica è  stata dominata dalla debolezza  dei mercati cinesi,  alla  vigilia dell'imposizione di dazi. Il resto dei mercati si è fatto contagiare in misura decrescente a seconda di quanto è esposto al  trade (Sydney positiva e Mumbai solo marginalmente negativa).
Il Ministero del  Commercio Cinese ha dichiarato che la  Cina non eleverà  i dazi per prima, ma non è disposta a trattare sotto minaccia. I dazi USA danneggeranno le supply chains globali,  incluse le aziende estere (leggi USA) che operano in Cina. Tornando al tema del  "parlare coi fatti" illustrato  ieri, il  Washington Post oggi riporta che molte aziende US che operano in Cina stanno notando un crescente ostruzionismo da parte dei regulators cinesi.

Altro food for thought per il Congresso, se non per Trump.
L'apertura europea ha visto il  sentiment trarre supporto dalle indiscrezioni, raccolte dal Handelsblatt, di un offerta di transazione sulla disputa per i dazi sul settore auto, portata dall'Ambasciatore USA in Germania. L'idea sarebbe di cancellare sia il  2.5% imposto dagli USA sulle  auto  EU che il  10% imposto dall'Europa su quelle  USA.
Un accordo eviterebbe l'apposizione dei dazi del 20% sulle  auto  europee, la cui minaccia ha tanto depresso  il  settore. Comprensibile il  vigoroso rimbalzo  dei principali produttori EU. Personalmente, vi vedo una potenziale conferma che il vero  obiettivo dell' Amministrazione USA sono accordi negoziali e non uno scontro di dazi.
Un secondo catalyst positivo è stato prodotto dall'impatto,  sul settore  bancario, delle  indiscrezioni raccolte da Bloomberg ieri sul disagio di alcuni membri ECB circa il  pricing  implicito nella curva Eurozone (primo rialzo interamente scontato nel 2020).

Personalmente, trovo  divertente che il Governing Council si preoccupi di quanti basis points prezza la curva tra 18 mesi.  Ma appare  evidente che, in particolare dopo gli ultimi dati, l'ECB non vuole  che la dovishness dell'ultimo meeting venga sovrappesata.
Cosi, i tassi  hanno aperto la  seduta in rialzo, l'€ ha recuperato ulteriormente e le  banche europee sono partite di slancio, trainando, insieme al  settore auto, gli indici generali, che hanno accumulato buoni progressi in mattinata.
Ieri parlavo del fatto che per diventare più  ottimisti sul quadro macro  europeo bisogna che gli "hard data" mostrino di migliorare, come hanno fatto le  survey e gli  aggregati sul  credito  ECB.

Un piccolo passo è stato fatto oggi con i Factory orders tedeschi di maggio (+2.6 vs attese per +1.1% e con revisione di aprile  da  -2.5% a -1.8%). La cosa non è  certo dispiaciuta al  Dax.
In questo contesto di robusto risk appetite, ha destato un po' di sorpresa il  fatto che i Btp abbiano progressivamente perso supporto, finendo con mostrare robusti rialzi di rendimento e spread, in un contesto di curva in appiattimento.
Alla scarsa vena dei titoli nostrani può aver contribuito la  comparsa su Bloomberg di un intervista a Tria, dai toni meno ortodossi rispetto al  recente passato. Il Ministro dell'Economia ha dichiarato che il programma del Governo deve essere gradualmente attuato,  altrimenti non vi  sarà   discontinuità coi precedenti esecutivi, e la crescita non arriverà.
Il movimento di allargamento dello spread ha subito una brusca accelerazione nel pomeriggio, apparentemente con l'arrivo sul mercato di un flusso in vendita da 125 milioni di 3 anni, che ha prodotto una fiammata  sul  rendimento.

Il fatto che un flusso del genere abbia potuto creare tanto scompiglio è una dimostrazione della  fragilità del mercato,  anche se bisogna considerare che oggi questo era già  cedente. La fiammata  di  volatilità sul  BTP ha ridato supporto alla carta tedesca, e attenuato un po' il  risk appetite, senza peraltro azzerarlo.
Nel  pomeriggio in US era prevista la pubblicazione di dati importanti:
  • L'ADP survey di giugno è uscita marginalmente sotto attese (177.000  vs attese per 190.000), ma non a sufficienza da cambiare la previsione per il dato di domani.
  • L'ISM non manufacturing di luglio ha sorpreso in positivo (59.1 da prec 58.6 e vs attese per 58.3).

    La  forza è confermata dai sottoindici New orders (+2.7 a 63.2) e business activity (+2.6% a 69.3).
Il livello di crescita è solido negli USA in questa fase, e questo non è un mistero per nessuno. Esistono i rischi derivanti dalla trade war,  difficili da quantificare in questa fase.
Non ci fossero, l'azionario USA e globale viaggerebbe su altri livelli (vedi studio di DB nel Lampi di ieri) .  Peraltro, nel pomeriggio l'US Trade Representative ha comunicato che i dazi su 34 bln di importazioni cinesi entrano in vigore stanotte a mezzanotte (le  6 italiane). A seguire arriverà  la  risposta cinese.
La volatilità  su tassi e spread e la forza dell'€ non sono riusciti a disperdere totalmente la  positività dell'azionario europeo, che chiude un po' distante dai massimi ma mostrando buoni guadagni.

Interessante che il  settore bancario Eurozone abbia conservato una buona performance nonostante il ritorno dei rendimenti tedeschi sui livelli di ieri (più  o meno). Forse qui stiamo prezzando un po troppo pessimismo.
Wall Street ha accelerato dopo la chiusura e recupera al momento con gli interessi le perdite di martedi.
Alle 20, le  minute FOMC ci forniranno qualche elemento in più su come il  Committee vede il  quadro macro e inflattivo US (in particolare ora che ildoppio obiettivo in termini di disoccupazione e inflazione risulta raggiunto a tutti gli effetti) e l'impatto delle  frizioni commerciali  su ciclo e prezzi.
Autore: Giuseppe Sersale Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.