-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 18 luglio 2018

Powell: poche parole, tanta fiducia


I mercati ieri hanno aperto la seduta europea un po’ titubanti, sull’onda dell’imbarazzante abbraccio tra Trump e Putin, i due ex nemici che hanno dichiarato il loro amore ad Helsinki.
Ma hanno ben presto dimenticato la cerimonia dell’outing e si sono focalizzati sul ben più interessante (per loro) intervento del Presidente della FED Jerome Powell davanti al Congresso.
Si è infatti tenuta ieri al Senato l’audizione semestrale del Presidente FED sullo stato dell’economia USA, e per Powell è stata la prima volta. Oggi farà il bis alla Camera e probabilmente non aggiungerà nulla di nuovo. Casomai potrà puntualizzare qualche concetto, anche se l’intervento di ieri è stato così pacato e rassicurante che difficilmente necessiterà di chiarimenti.
Il quadro delineato da Powell è di quelli che piacciono gli investitori.

Economia USA in accelerazione nel secondo trimestre; disoccupazione ai minimi ma prevista in ulteriore calo; inflazione al target del 2%; consumi ed investimenti che aumentano a passo salutare, grazie anche ai tagli alle tasse regalati da Trump. Il migliore dei mondi possibile, che la FED accompagnerà con rialzi graduali dei tassi e con l’attenzione a non guastare il momento magico.
Sul protezionismo è stato piuttosto vago, forse per non irritare Trump, l’unica “variabile indipendente” dell’economia USA. Si è limitato a dire l’ovvietà che insegna qualunque professore di storia alle scuole medie, cioè che l’esperienza passata dimostra che le economie aperte tendono a crescere di più di quelle chiuse.

Comunque non si è mostrato per nulla preoccupato delle mattane di Trump. 
Con una foto di questo genere quali dubbi sono rimasti ai mercati?
Nessuno. Infatti sulle ali del discorso di Powell Wall Street ha cominciato a macinare rialzo e SP500 ha finalmente rotto anche la resistenza di area 2.800, ultimo diaframma che ancora lo separava dal massimo storico di 2.873 del 26 gennaio scorso.
Il Nasdaq100, partito male, in calo di quasi -1% per colpa di Netflix, ha messo a segno un rally spettacolare, disegnando un pattern rialzista (bullish engulfing) e registrando il nuovo massimo storico a 7.418.
 Il Vix, che misura la percezione del rischio da parte dei mercati, è tornato a 12, nella zona dei minimi registrati da febbraio in poi. 
Ovvio che le dolci parole di Powell abbiano anche stimolato il dollaro, che ha ricacciato l’euro fino a 1,1650, praticamente in centesimo sotto i massimi della mattinata. 
La verve americana ha rimesso di buonumore gli indici europei, che nel pomeriggio hanno cavalcato anch’essi il discorso di Powell e l’indebolimento dell’euro, passando dal segno negativo della mattinata ad incrementi in qualche caso anche significativi, come quelli del Dax tedesco (+0,8%) e del nostro Ftse-Mib (+0,71%). 
In particolare il Dax è riuscito a scavalcare 12.640, l’ostacolo che il 10 luglio scorso aveva arrestato il recupero verso i valori di maggio, abbandonati a causa delle turbolenze politiche del governo Merkel e dei timori protezionistici.

Ora la strada si riapre verso il prossimo obiettivo rialzista di 13.100.
Eurostoxx50, pur chiudendo in positivo (+0,3%) non ha dato l’impressione di grande vivacità e sente il peso della trendline ribassista, che non è riuscito per ora a violare, e dei massimi del 10 luglio di 3.480.
E’ probabile che quel che non è riuscito ieri possa essere ritentato oggi.
Anche il nostro Ftse-Mib, similmente a Eurostoxx50, pare ancora ingabbiato in laterale e finché non supererà quota 22.200 non si libererà dal peso delle resistenze.
Come si può comprendere oggi per qualche indice sarà il giorno delle conferme, per altri la seconda occasione per fare quel che ieri non è riuscito.
Le trimestrali USA dovrebbero aiutare, e difficilmente Powell si metterà di traverso.

Se Trump non ne combina un’altra delle sue, la strada per ripristinare la coralità rialzista, persa a febbraio, potrebbe riaprirsi.

Autore: Pierluigi Gerbino Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.