-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 19 luglio 2018

Piazza Affari non riesce ad avanzare: nuove vendite in arrivo?


Nuova chiusura in rialzo per le Borse europee terminando la seduta in positivo. Il Cac40 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,46% e dello 0,65%, preceduto dal Dax30 che ha guadagnato lo 0,82%. 

Fuori dal coro Piazza Affari dove il Ftse Mib si è fermato a 21.972 punti, in frazionale calo dello 0,03%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 22.065 e un minimo a 21.905 punti.

L'indice oggi si è mosso in un range di prezzo di circa 150 punti e dopo aver tentato nuovamente di riposizionarsi al di sopra di area 22.000 si è fermato appena sotto questo livello.


La fase di compressione in atto per il Ftse Mib prelude ad un movimento direzionale di ampia portata, ma non è facile dire se lo stesso sarà al rialzo o al ribasso. 
Il consiglio è di seguire con attenzione alcuni livelli chiave, al superamento dei quali si potrebbe delineare uno scenario più chiaro per le prospettive di breve del nostro mercato.
Oltre i 22.000 punti il Ftse Mib andrà a premere sul livello successivo dei 22.200 punti, superati i quali si aprirà un varco per un allungo verso i massimi di giugno in area 22.500.


In caso di rottura di questo ostacolo l'indice potrà spingersi in avanti in direzione dei 22.700/22.800 prima e dei 23.000 punti in un secondo momento. 
Al ribasso il primo sostegno da monitorare è in area 21.800/21.700, sotto cui si sposterà lo sguardo sul sostegno dei 21.500 punti.
Al cedimento di tale soglia l'indice proseguirà la sua discesa verso i minimi dell'anno in ara 21.150/21.100, la cui tenuta sarà essenziale per evitare approfondimenti ribassisti più pesanti verso i 20.500 punti prima e i 20.000 in seconda battuta. 
 
Sul fronte macro Usa oggi si conosceranno le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire da 214mil a 220mila unità.

Per l'indice Philadelphia Fed di luglio le attese parlano di un rialzo da 19,9 a 21,5 punti. Da segnalare anche il Superindice che a giugno dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,3% rispetto allo 0,2% di maggio.
Da segnalare un discorso di Randal Quarles, membro della Federal Reserve.


Prima dell'apertura di Wall Street si conosceranno i risultati del secondo trimestre di Bank of New York e di Philip Morris dai quali ci si attende un utile per azione pari rispettivamente a 1,02 e a 1,23 dollari. A mercati chiusi si guarderà ai conti di Microsoft che per non deludere le attese dovrà centrare l'obiettivo di un eps pari a 1,08 dollari.



In Europa non sono previsti dati macro di rilievo, ma sarà da seguire in Francia l'asta dei titoli di Stato con scadenza nel 2021, 2024 e 2025 per un ammontare compreso tra 6,5 e 7,5 miliari di euro, mentre in Spagna saranno collocati titoli con scadenza nel 2023, 2026, 2028 e 2033 per un importo tra 4 e 5 miliardi di euro.


A Piazza Affari si segnala un'assemblea di Piquadro per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio e della modifica dello Statuto.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.