-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 18 giugno 2018

Trend ribassista a Wall Street: settori IN e OUT


In molti, dopo un mercato toro di quasi 10 anni, temono che il toro di Wall Street sia sulla strada del tramonto. La decisone della Fed di rialzare nuovamente i tassi di interesse portandoli nel range compreso tra 1,75% e 2% ha dato il via ad un cambio di rotta che prevede un rientro a livello internazionale, di tutte le politiche di stimolo monetario messe in campo dopo la crisi del 2018.
Altri, come ad esempio Jeffrey Mills di PNC Financial ritengono che in realtà si stia entrando semplicemente in una nuova fase sui mercati e che non vi sia motivo di diventare negativi sulle azioni.

La previsione

Stando a quanto da lui dichiarato alla CNBC, per quanto sia innegabile che sarà difficile replicare i guadagni record dello scorso anno, il 2018 è da considerare come una sorta di anno di reset in cui il mercato sta prendendo fiato.

In altre parole, a fronte di guadagno forti, sarà possibile vedere anche una pausa di mercato nel breve termine, ma Mills non pensa che gli investitori debbano essere eccessivamente difensivi. Un esempio per chi volesse continuare a cercare buone occasioni, lo si potrebbe avere nel settore energetico.
La sua strategia, infatti, prevede l'aggiunta di asset in caso di indebolimento con una stabilizzazione che, sul petrolio, dovrebbe avvenire intorno ai $ 66 al barile. Altro settore interessante è quello finanziario, un gruppo che nel 2018 ha visto un calo del 2%. Lo stratega consiglia di puntare sulle banche, non tanto per un rialzo in arrivo quanto per la prossima deregulation e l'aumento dei prestiti.

Per quanto riguarda il resto del mercato, non sembrerebbe il caso di sventolare una bandiera bianca ma l'S&P500 rimarrà pressocchè stabile quest'anno (attualmente è a +4% circa nel 2018). Il target da lui previsto, infatti, è compreso tra il 4 e il 7%.

La view di Morgan Stanley

Recentemente anche Morgan Stanley ha cambiato la sua visione sul mercato Usa e ha considerato le sue raccomandazioni overweight ormai insostenibile preferendo un più rassicurante equal weight .

La motivazione sarebbe da ricercarsi nel trend ribassista che la borsa Usa starebbe attraversando, trend che, fanno sapere in una nota firmata da Mike Wilson, potrebbe durare fino al 2019. Ma anche per Morgan Stanley esiste un distinguo: mercato ribassista non è un mercato in cui è previsto un calo del 20% ma solo un ambiente più arduo, caratterizzato da una più ampia volatilità e dove è più importante scegliere accuratamente i settori su cui puntare.

Per questo motivo Wilson consiglia di stare alla larga da beni di prima necessità, costruttori e semiconduttori, settori ciclici per eccellenza e, quindi, in difficoltà.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.