-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 19 giugno 2018

Le borse mondiali galleggiano minacciosamente sui supporti


L'apparente quiete dei mercati nasconde delle increspature che possono diventare significative. Intanto per la seconda volta, quest'anno, il Dow Jones perde terreno per cinque sedute di fila. Nulla di drammatico, per carit?, per? abbastanza da evidenziare come il mercato azionario USA faccia fatica a decollare, se si esclude il plotoncino delle solite megasociet? tecnologiche.
Il decano degli indici di Wall Street, al pari degli omologhi, ? ripartito brillantemente dopo la sollecitazione dell'orbita della media mobile a 200 giorni, occorsa fra l'inizio di febbraio e l'inizio di maggio; ma non ? andato oltre la resistenza indicata a suo tempo a 25400 punti. Lo scenario resta ad ogni modo benigno, fino a quando il Dow si manterr? sopra quota 24000 punti.
Ma se la borsa americana, che pur risulta la pi? tonica delle ultime sei settimane (miglior piazza nel G25, subito dietro Taiwan), nei giorni pi? recenti fa fatica a confermarsi, il resto dei mercati azionari mondiali risulta ancora pi? in affanno.

L'Eurostoxx50 ? sceso vistosamente per la seconda seduta di fila, trascinato verso il basso dalla Germania e in generale da un persistente deterioramento macro, che segnaliamo sin dalla fine di novembre. L'indice citato sembra aver ora disegnato una "bandiera" ribassista, e andrebbe incontro ad un ulteriore e ancor pi? problematico ridimensionamento, dovesse venire meno il minimo di ieri.
Questo suggerisce come, in un mondo che escluda gli Stati Uniti (o che pur lo includa, avendo l'accortezza di rimuovere il FANG nelle varie sfumature), non ? che le performance siano state finora radiose; al contrario: il rapporto di oggi mostra il MSCI World ex USA.

Insomma, tutte le borse mondiali, tranne quella americana. E che cosa ne ricaviamo? ne ricaviamo un quadro tutt'altro che confortante: dopo il minimo di febbraio l'indice ha semplicemente galleggiato, incapace di ripartire; e adesso minaccia concretamente l'abbattimento della media mobile a 200 giorni, reduce da ben quattro sollecitazioni.
Si comprende bene come la perdita di questa soglia avrebbe implicazioni significative nel medio periodo; soprattutto per un portafoglio azionario che non contempli l'investimento nelle momentum stock americane che - lo ricordiamo - hanno da sole prodotto tutta la performance positiva di Wall Street da inizio anno.
Nota.

Il presente commento ? un estratto sintetico del Rapporto Giornaliero, pubblicato tutti i giorni entro le 8.20 da AGE Italia; pertanto eventuali riferimenti a studi tecnici vanno intesi riferiti ai grafici ivi riportati.
Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.