-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 22 giugno 2018

3 titoli che festeggerebbero con una guerra commerciale Usa-Cina


L'intensificarsi della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina ha impensierito i mercati anche se alcuni titoli potrebbero invece festeggiare. Will Healy suggerisce 3 esempi. 

Micron (NASDAQ: MU)

Titolo ancora a buon mercato nonostante la crescita massiccia dovuta all'altrettanto massiccia domanda di supporti per la memoria.
Ma trattandosi di un titolo ciclico, con l'entrata in scena della concorrenza, anch'essa massiccia,i prezzi dei chip come anche quelli delle azioni, sono crollati in massa. Attualmente le azioni della MU scambiano a un rapporto prezzo/utili (P/E) di poco più di 7. Una guerra commerciale, però permetterebbe alla società di vedere aumentati i prezzi dei suoi chip rimuovendo la concorrenza in massa.

Nokia (NYSE: NOK)

Dalla Finlandia la Nokia dovrebbe essere tendenzialmente neutrale in una guerra che coinvolge Usa e Cina.

Il suo vantaggio però arriva dall'aggiornamento alla tecnologia 5G ormai imminente. Infatti se un tempo Nokia era leader delal telefonia, adesso la società si è reinventata come società di apparecchiature 5G, il che le permette di lavorare con tutte quelle società, come Verizon (NYSE: VZ ), AT & T (NYSE: T ) e T-Mobile (NASDAQ: TMUS ) che investiranno decine di miliardi di dollari nei prossimi anni per costruire una rete 5G.
Una guerra commerciale con la Cina escluderebbe la sua concorrente principale, Huawei Technologies Co., Ltd. otterrebbe molto poco di questo business. Inoltre le valutazionei di NOK sono ancora basse: dai $ 40 per azione del 2007 è scesa ai $6 di oggi mentre gli utili stimati del 2018 si attestano a 29 centesimi per azione.

Ciò pone il P/E forward di Nokia a poco più di 20, rendendolo uno dei titoli tecnologici più convenienti.

Hubbell (NYSE: HUBB)

Poco conosciuto al grande pubblico, il suo vantaggio arriverebbe da una sorta di partita a scacchi. La ditta di Shelton, nel Connecticut, produce componenti elettronici utilizzati principalmente in applicazioni edili, industriali e di pubblica utilità.
Pur avendo la maggior parte dell'attività in Usa, l'azienda ha alcuni stabilimenti ed uffici in Cina che in caso di guerra commerciale dovrebbero essere chiusi, a tutto vantaggio di quelli in territorio statunitense che vedrebbero aumentare le commissioni. Guardando ai numeri di Hubbell, i profitti annuali, che sono arrivati a $ 5,53 per azione nel 2017, sono previsti a $ 7,08 per azione nel 2018, il che porta il forward P/E delle azioni HUBB a circa 14, rendendolo uno dei titoli tecnologici più economici.

Parte di questa crescita è dovuta all'acquisizione di Aclara, ditta specializzata nella tecnologia di misurazione e nel software.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.