-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 7 maggio 2018

Telecom in rialzo. La nuova governance creerà valore: buy corale


In una giornata in cui a Piazza Affari il Ftse Mib si muove in positivo, ma senza particolare slancio, spicca la performance di Telecom Italia, che occupa una delle prime posizioni tra le blue chips. Il titolo, dopo aver guadagnato oltre due punti percentuali venerdì scorso, continua a spingersi in avanti quest'oggi, passando di mano a 0,8694 euro, con un rialzo dell'1,68% e volumi di scambio sostenuti, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 130 milioni di azioni, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 148 milioni di pezzi.

Elliott vince la sfida con Vivendi: oggi il Cda per le deleghe

Venerdì scorso si è tenuta l'assemblea degli azionisti di Telecom Italia che ha votato in favore della lista di amministratori presentata dal fondo Elliott.

A quest'ultimo sono da ricondurre quindi 10 membri del nuovo Cda, mentre i rimanenti 5 sono da ricondurre ai francesi di Vivendi.
Per oggi è prevista la prima riunione del nuovo Cda che dovrebbe conferire ad Amos Genish le deleghe come AD, dopo che nel weekend lo stesso Genish ha scritto una lettera ai dipendenti per confermare il proprio impegno.

Equita SIM: i benefici della nuova governance

Secondo gli analisti di Equita SIM, la nuova governance di Telecom Italia porta con sè diversi benefici: in primis riduce il rischio di conflitto di interesse emerso in più occasioni nel recente passato sotto la guida di Vivendi, inoltre  riduce il rischio di ripercussioni legate all'esercizio del golden power e pone le condizioni per un miglioramento dei rapporti con il Governo e le istituzioni, essenziale in particolare per negoziare condizioni non penalizzanti per la rete e per il possibile consolidamento dell'infrastruttura di rete fissa.

Infine, si spera che la nuova governance ponga fine ad un periodo di forte contrasto all'interno del Cda dell'ex monopolista italiano.
Inoltre, secondo la SIM milanese la struttura azionaria di Telecom Italia resta ancora fluida e gli analisti non vedono Elliott o Vivendi interessati a disimpegnarsi nel breve dal gruppo telefonico.
A detta degli analisti il fondo attivista opererà affinchè siano valutate le proprie proposte di creazione di valore, mentre la posizione di Vivendi con un 24% del capitale e 5 posti nel Cda resta molto rilevante.
L'idea è che il gruppo francese sia interessato quanto Elliott all'apprezzamento del titolo, acquistato a un prezzo medio di 1,07 per azione.


Equita Sim ritiene inoltre che la nuova Governance possa portare a guardare alla società in una nuova prospettiva e possa portare da una parte nuovi azionisti a entrare nel capitale di Telecom Italia e dall'altra spingere gli attuali azionisti a incrementare la partecipazione.
Nel complesso, gli analisti ritengono che la nuova governance farà emergere pienamente il valore del titolo che tratta ancora su multipli contenuti.
Nello scenario di separazione della rete il prezzo obiettivo di Telecom Italia arriverebbe a 1,14 euro per azione. 
Nel frattempo la SIM milanese mantiene una view bullish su Telecom Italia, con una raccomandazione "buy" e un target price a 1,02 euro.

La view di Deutsche Bank e Bca IMI

Non molto diversa la posizione di Deutsche Bank secondo cui la permanenza di Genish nelle vesti di CEO del gruppo telefonico sia anche nell'interesse di Vivendi, così come in quello del mercato.
La banca tedesca crede inoltre che il piano di Genish, sostenuto da un Cda indipendente, possa innescare un forte recupero del titolo in Borsa, attraverso la separazione legale della rete che potrebbe essere seguita da un'eventuale IPO, una possibile fusione della rete con Open Fiber, un miglioramento della regolamentazione, un upgrade del rating creditizio, la conversione delle azioni di risparmio in ordinarie e il ritorno del dividendo.

Per questi motivi gli analisti credono che Telecom Italia sia da acquistare con un fair value a 1,29 euro.
La stessa strategia viene suggerita da Banca IMI, con un prezzo obiettivo a 1,05 euro, scommettendo su una graduale separazione della rete e su una potenziale cessione di Sparkle.

Kepler Cheuvreux: la vittoria di Elliott può creare valore in 4 modi

Secondo i colleghi di Kepler Cheuvreux, la vittoria di Elliott nel Cda di Telecom Italia può creare valore in quattro modi.

Il primo è il miglioramento della corporate governance, il secondo riguarda la conversione delle azioni di risparmio in ordinarie, il terzo la possibilità di monetizzare meglio il portafoglio asset e il quarto è relativo alla riduzione del rischio di bilancio del gruppo, che porterebbe a ripristinare il dividendo.
Gli analisti hanno deciso di rivedere al rialzo le stime di Ebitda di Telecom Italia nell'ordine di circa il 3%, alzando di conseguenza il target price da 0,9 a 1 euro, con una raccomandazione ferma a "buy".

Bernstein ottimista su Telecom Italia

Infine, bullish anche le indicazioni che arrivano da Bernstein, i cui analisti assegnano al titolo un rating "outperform" e un fair value a 0,95 euro.

Secondo il broker, il prezzo di Telecom Italia in Borsa potrebbe raddoppiare se venisse eseguito l'attuale piano strategico. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.