-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 2 maggio 2018

STM spicca il volo grazie ad Apple, ma gli analisti sono cauti


In una giornata positiva come quella odierna a Piazza Affari, non passa certamente inosservato il rally messo a segno da STM che mette a segno la seconda migliore performance tra le blue chips. Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di lunedì con un calo di oltre un punto percentuale, quest'oggi recupera terreno con decisione.
Negli ultimi minuti STM viene scambiato a 19,09 euro, a ridosso dei massimi intraday, con un rialzo del 5,3% e oltre 8,2 milioni di azioni trattate, più del doppio della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 3,9 milioni di pezzi.

STM sale con dollaro forte: il 15 maggio il Capital Markets Day

Una dimostrazione quest'ultima della frenetica attività su STM che la scorsa settimana ha diffuso i conti del primo trimestre, accolti positivamente dal mercato.

Il prossimo catalizzatore di breve è in agenda il 15 maggio, quando la società italo-francese incontrerà a Londra la comunità finanziaria in occasione del Capital Markets Day. Intanto a spingere in avanti STM è in primis il rafforzamento del dollaro nei confronti dell'euro e dello yen, con ricadute positiva sul gruppo che esprime il suo fatturato proprio nella divisa statunitense.

Shopping vivace dopo la trimestrale di Apple: focus sulla guidance

La molla che sta facendo scattare una pioggia di acquisti sul titolo arriva dall'opposta sponda dell'Atlantico e ci riferiamo in particolare ai conti diffusi ieri a mercati chiusi da Apple.


Le azioni della società americana oggi viaggiano in salita di oltre il 4%, dopo che il gruppo ha chiuso il secondo trimestre dell'esercizio fiscale in corso con un utile netto in rialzo da 11 a 13,8 miliardi di dollari, con un risultato per azione di 2,73 dollari, al di sopra dei 2,62 dollari del consensus.
I ricavi sono saliti del 16% a 61,1 miliardi di dollari, poco oltre le previsioni fissate a 60,9 miliardi.
A deludere le vendite di iPhone che si sono attestate a 52,5 milioni, contro i 53 milioni messi in conto dal mercato, segnalando il minore prezzo medio di vendita, bilanciato da un maggiore contributo da ricavi da servizi. Questa divisione, che include Apple Musici, App Store e iCloud, ha chiuso il periodo in esame con ricavi in rialzo del 31% a 91 miliardi di di dollari, contro gli 8,3 miliardi stimati dagli analisti.
Per il trimestre in corso Apple prevede di realizzare un fatturato compreso tra 51,5 a 53,5 miliardi di dollari, da confrontare con i 51,5 miliardi su cui scommette la comunità finanziaria.

Il commento di Equita SIM 

Secondo gli analisti di Equita SIM, la guidance fornita da Apple è positivamente influenzata dal buon momentum del segmento dei servizi più che dalle vendite di iPhone, anche se quest'ultimo non dovrebbero calare su base sequenziale nel terzo trimestre molto oltre la normale stagionalità.


La SIM milanese ritiene che la notizia sia positiva per tutta la supply chain di Apple, inclusa STM, per la quale nel 2017 il gruppo americano è stato il primo cliente, rappresentando il 10,5% del fatturato.

Nei giorni scorsi buone notizie da Intel

Ancor prima di Apple, sempre dagli Stati Uniti indicazioni positive per il settore sono arrivate da Intel che ha diffuso una trimestrale superiore alle attese, accompagnata da una revisione al rialzo della guidance per l'intero esercizio in corso.
Secondo Equita SIM i numeri di Intel dopo i buoni risultati consegnati da texas Instruments, evidenziano come il ciclo dei semiconduttori rimanga positivo in molti segmenti, fatta eccezione per le applicazioni smartphone, in larga parte a causa delle minori vendite di iPhone.
Gli analisti fanno notare inoltre che Mobileye, recentemente acquisita da Intel, ha visto le sue vendite aumentate del 30% nel primo trimestre.

Si tratta di una notizia positiva per STM che è partner di Mobileye, essendo il fornitore dei chip per i sistemi EyeQ di guida assistita/autonoma.

La SIM milanese resta cauta su STM: ecco perchè

Anche in presenza di queste indicazioni positive dagli Stati Uniti e nonostante le buone notizie arrivate dalla trimestrale della stessa STM, gli analisti di Equita SIM, che nei giorni scorsi hanno il prezzo obiettivo del titolo del 2% a 21,7 euro, mantengono invariata la raccomandazione "hold".
La view neutrale è giustificata alla luce del fatto che la SIM milanese vede dei rischi nel canale distributivo, in particolare nei microcontrollori, a causa di doppi ordinativi che potrebbero gonfiare artificialmente il backlog.


A ciò si aggiunga che le fabbriche sono saute e quindi il margine incrementale è in discesa, senza dimenticare che c'è bassa visibilità sul recupero dei volumi di iPhone, anche se STM dovrebbe beneficiare della proliferazione dei sensori 3D.    
Fonte: News http://www.trend-online.com

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.