-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 22 maggio 2018

Piazza Affari tenta un rimbalzo: diversi i market mover domani


Anche la seduta odierna si è conclusa in positivo per le Borse europee che, dopo i rialzi di ieri hanno continuato a muoversi lungo la via dei guadagni. Il Cac40 e il Ftse100 si sono accontentati di un progresso rispettivamente dello 0,05% e dello 0,23%, preceduti dal Dax30 che è salito dello 0,71%.
In luce verde anche Piazza Affari che dopo i i cali delle ultime giornate è riuscita a dare vita ad un parziale recupero, con il Ftse Mib fermatosi a 23.216 punti, in progresso dello 0,54%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 23.298 e un minimo a 23.024 punti.

Il Ftse Mib risale un pop la china, ma i rischi restano

L'indice delle blue chips ha vissuto una seduta molto altalenante, riuscendo a mantenersi sopra la soglia dei 23.000 punti, già messa sotto pressione nella giornata di ieri.


L'incognita politica continua a dominare la scena ed è probabile che gli investitori difficilmente si sbilanceranno in una direzione o nell'altra prima di ulteriori indicazioni sul futuro del nuovo Governo.
Dal punto di vista tecnico, fino a quando il Ftse Mib riuscirà a mantenersi al di sopra di area 23.000, ci saranno le condizioni per assistere ad ulteriori recuperi nel breve.

Al rialzo il prossimo target è in area 23.400/23.500, superata la quale il Ftse Mib potrà allungare il passo verso i 23.700/23.800 punti, per poi tentare un attacco alla soglia psicologica dei 24.000 punti.
La mancata riconquista di area 23.400/23.500 potrebbe mettere in pericolo la tenuta dei 23.000/22.950 punti, sotto cui sarà inevitabile una flessione del Ftse Mib verso i 22.700 prima e i 22.500 in seguito.


Negativo sarà l'abbandono di quest'ultima soglia che aprirà le porte a ripiegamenti più marcati verso i 22.200 prima e i 22.000 punti nella peggiore delle ipotesi.
Al momento si registra un primo timido allentamento delle tensioni ribassiste sul Ftse Mib, ma saranno necessarie conferme nelle prossime giornate, quando l'evoluzione dell'indice dipenderà in buona parte dagli sviluppi sul fronte politico.

I market movers in America

Sul versante macro Usa domani si conoscerà l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari e in agenda troviamo il dato preliminare dell'indice PMI manifatturiero che a maggio dovrebbe salire da 56,5 a 56,8 punti, mentre l'indice PMI servizi, sempre riferito a maggio, è atteso in rialzo da 54,6 a 55 punti. 
Per le vendite di nuove case ad aprile le previsioni parlano di una frenata da 694mila a 679mila unità.

Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia. 
Due ore prima della chiusura di Wall Street saranno diffuse le minute del FOMC relative alla riunione della Fed di aprile. 
In calendario un discorso di Neel Kashkari, presidente della Fed di Minneapolis.
Sul versante societario da seguire prima dell'avvio degli scambi a Wall Street i risultati degli ultimi tre mesi di Lowe's Companies e di Tiffany & Co., dai quali ci si attende un utile per azione pari rispettivamente a 1,22 e a 0,83 dollari.

Alla prova dei conti anche Target Corp. con un eps atteso a 1,39 dollari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa si conoscerà il dato preliminare dell'indice PMI composito che a maggio dovrebbe attestarsi a 55,1 punti, in linea con la lettura precedente, mentre l'indice PMI manifatturiero è visto in calo da 56,2 a 56 punti e l'indice PMI servizi è atteso invariato a 54,7 punti.

Nel pomeriggio sarà reso noto il dato preliminare dell'indice relativo alla fiducia dei consumatori che a maggio è visto a 0,4 punti, in linea con la lettura precedente.
In Germania la lettura preliminare dell'indice PMI manifatturiero di maggio è stimata a 57,8 punti dai 58,1 punti di aprile, mentre l'indice PMI servizi dovrebbe rimanere invariato a 53 punti.


In Francia l'indice PMI manifatturiero nella versione preliminare di maggio dovrebbe scendere da 53,8 a 53,5 punti, mentre l'indice PMI servizi da 57,4 a 57 punti. Sempre in Francia sarà reso noto il tasso di disoccupazione del primo trimestre cbe dovrebbe passare dall'8,9% all'8,8%.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari saranno da seguire i titoli del settore oil in vista del report sulle scorte strategiche Usa che sarà diffuso nel pomeriggio.


Da segnalare le assemblee di Class Editori e Datalogic per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio. 
Sotto i riflettori anche Fiera Milano che sarà impegnata nella presentazione del piano industriale 2018-2022.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.