-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 30 maggio 2018

Piazza Affari: è panic selling e non è detto che si fermi!


Nuova seduta in flessione per le Borse europee che anche oggi hanno terminato gli scambi in calo, con il Ftse100 e il Cac40 in rosso rispettivamente dell'1,26% e dell'1,29%, seguiti dal Dax30 che è sceso dell'1,53%.
Ben più copiose le vendite che hanno colpito Piazza Affari, nuovamente in maglia nera oggi, con il Ftse Mib fermatosi su nuovi minimi dell'anno a 21.350 punti, in flessione del 2,65%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 21.665 e un minimo a 21.122 punti.

Il Ftse Mib riuscirà a mantenersi sopra area 21.000?

L'indice delle blue chips ha avviato gli scambi già in gap-down, coperto solo in minima parte in seguito, scendendo sotto i precedenti minimi del 2018 del 5 marzo scorso a 21.460 punti, per poi scivolare in direzione dei 21.100 prima di rimbalzare a 21.350 in chiusura di sessione.
Il quadro del mercato si conferma estremamente fragile e rende difficile fare previsioni attendibili, visto che l'indice travolge i supporti con estrema facilità, dando vita a movimenti erratici poco legati a motivazioni di carattere tecnico.


A dominare la scena è la paura per il ritorno alle urne e più in generale per la difficile situazione politica nel nostro Paese.
L'ipervenduto raggiunge sugli oscillatori suggerirebbe un rimbalzo dei corsi che andrà seguito con molta cautela, visto che la volatilità resta su livelli molto elevati e questo favorisce anche repentini cambi di rotta difficile da gestire.

Fino a quando le quotazioni si manterranno al di sopra dei 21.000 punti, il Ftse Mib potrà tentare un recupero verso i 21.500 punti prima e in seguito in direzione dei massimi odierni in area 21.650. 
Al di sopra di questo livello l'indice potrà ambire ad ulteriori rimbalzi verso i 21.900/22.000 punti, oltre i quali ci saranno margini di upside nel breve fino ai 22.400/22.500 punti.
Nuove incursioni ribassiste costringeranno inevitabilmente a rivedere i minimi odierni in area 21.100, con un facile passaggio sulla soglia psicologica dei 21.000.

L'eventuale rottura di questo sostegno aprirà le porte a ripiegamenti più estesi verso i 20.500 punti prima e in seguito in direzione dei 20.200/20.000 punti.

I market movers in America

Domani sul fronte macro Usa oltre all'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari si conoscerà l'indice Redbook riguardante le vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.

In calendario anche la stima ADP che in riferimento al mese di maggio dovrebbe evidenziare la creazione di 190mila nuovi posti di lavoro nel settore privato, in frenata rispetto ale 204mila unità di aprile.
Per la seconda lettura del PIL del primo trimestre si prevede una variazione positiva del 2,4% rispetto al 2,3% della prima rilevazione, in frenata in confronto al 2,9% della versione definitiva degli ultimi tre mesi del 2017.


Due ore prima della chiusura di Wall Street sarà diffuso il Beige Book, il tradizionale report della Fed sullo stato di salute dell'economia a stelle e strisce.
Sul versante societario da seguire dopo la chiusura di Wall Street i risultati degli ultimi tre mesi di Analog Devices e di Broadcom che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 1,38 e a 4,78 dollari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa sarà diffuso l'indice relativo alla fiducia economica che a maggio dovrebbe calare da 122,7 a 111,9 punti, mentre l'indice della fiducia delle imprese dovrebbe scendere da 7,1 a 6,3 punti e l'indice della fiducia servizi da 14,9 a 14,3 punti.


Per il dato finale dell'indice relativo alla fiducia dei consumatori a maggio si stima una rilevazione pari a 0,2 punti, in linea con l'indicazione preliminare e in frenata rispetto alla versione definitiva di aprile fermatasi a 0,4 punti.
In Germania saranno resi noti i prezzi import di aprile che dovrebbero mostrare un calo dello 0,1%, mentre le vendite al dettaglio di aprile sono viste in rialzo dello 0,7% dopo la flessione dello 0,6% precedente.

Per il tasso di disoccupazione a maggio si prevede una conferma dell'indicazione di aprile al 5,3%, mentre il dato preliminare dell'inflazione a maggio dovrebbe evidenziare una variazione positiva dello 0,2%, rispetto alla lettura invariata di aprile.
In Francia sarà reso noto il dato finale del PIL del primo trimestre che dovrebbe salire dello 0,3%, in linea con la lettura preliminare e in frenata rispetto allo 0,6% degli ultimi tre mesi del 2017.

Le spese per consumi ad aprile dovrebbero evidenziare un calo dello 0,2%, rispetto al rialzo dello 0,1% precedente.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si conosceranno i risultati del primo trimestre di quest'anno e dell'intero 2017 di IT Way. 
In agenda le assemblee di Netweek e Toscana Aeroporti per il via libera ai dati di bilancio dell'ultimo esercizio.
Da seguire l'asta dei titoli di Stato visto che saranno offerti BTP con scadenza nel 2023 e nel 2028 per un ammontare compreso tra 1 e 1,75 miliardi di euro nel primo caso e tra 1,5 e 2,25 miliardi nel secondo.


In asta anche i CCTeu con scadenza nel 2025 per un importo tra 1,25 e 2 miliardi di euro.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.