-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 28 maggio 2018

Mattarella chiama Cottarelli: troika ed impeachment!

Questa è una guerra, una vera e propria guerra civile, mediatica combattuta a colpi di bombardamenti da parte dell’intera stampa italiana, a reti unificate, in un’unica direzione, contro il Governo del cambiamento.
Tanto per dare un’idea del livello di manipolazione mediatica in corso, sabato in serata mentre impazzava l’hastag #vogliamoSavona, i telegiornali delle reti di Stato e private, andavano in onda suggerendo che i favorevoli al presidente della Repubblica stavano vincendo il confronto.

In realtà in quel momento era quasi di oltre 10 volte il numero di chi sosteneva il cambiamento, con 55.500 tweet contro i soli 6.555 dei sostenitori di Mattarella.
All’improvviso, mentre i giornali diramavano la notizia, dalla classifica delle tendenze è letteralmente sparito, il sostegno a Savona, cancellato dalla censura di Twitter.
Questo è solo un esempio, ma potrei continuare a lungo, ciò che conta è che il prossimo giro, perché al prossimo giro non ci sarà storia, il nuovo Governo si occupi anche delle tasse che Twitter non paga nel nostro Paese!
Andrea Mazzalai
@icebergfinanza
 A tempo debito è giunto il momento di occuparsi di @Twitter Ragazzi  che nel 2015 ha pagato solo 112mila euro di imposte e 32mila nel 2014 a fronte di un fatturato di milioni e milioni di euro @matteosalvinimi @luigidimaio @riccardo_fra #VogliamoSavona https://twitter.com/icebergfinanza/status/1000468397581324296 …
Ma partiamo da qui, dalla scelta del Presidente Mattarella, che ha creato un caso senza precedenti, violando la Costituzione, ma si sa, in Italia sono tutti Costituzionalisti, giornali e televisioni che raccontano come Mattarella, aveva tutto il diritto di opporsi al nome di Savona per l’economia.
Noi invece vi raccontiamo come un illustre padre della nostra Costituzione, uno che la Costituzione ha contribuito a scriverla…
Andrea Mazzalai
@icebergfinanza
Costantino Mortati, uno dei padri della nostra Costituzione, uno che la nostra Costituzione l'ha scritta nel suo 'Istituzioni di diritto pubblico, ed.

1975, a pagina 568 scrive 'la proposta dei ministri deve ritenersi strettamente vincolante per il capo dello Stato! #Mattarella
Giusto per tranquillizzare quelli che diranno che è una fake news, questo è il testo …
“…la proposta dei ministri deve ritenersi strettamente vincolante per il capo dello Stato!”
Ricordo a tutti che siamo una Repubblica parlamentare e non presidenziale, poi ci sta che un presidente e le istituzioni, alterino il gioco costituzionale, decidendo di infrangere le regole, per quello che loro considerano l’interesse nazionale.
Ma qui facciamo una premessa, raccontandovi quello che ha detto in sintesi il Presidente della Repubblica, uno che mentre il Parlamento approvava il demenziale “BAIL IN” faceva finta di nulla, “BAIL IN” letteralmente, “cauzione interna” , un sistema di risoluzione di un’eventuale crisi bancaria che prevede l’esclusivo e diretto coinvolgimento di azionisti, obbligazionisti, correntisti della banca stessa.
Andrea Mazzalai
@icebergfinanza
Mattarella : "Crescita spread e perdite in borsa bruciano risorse e risparmi.

È mio dovere essere attento alla tutela dei risparmi degli italiani."Caro Presidente dove era quando fu approvato il #bailin per mettere le mani sui risparmi degli italiani? Non pervenuto! “Crescita spread e perdite in borsa bruciano risorse e risparmi. È mio dovere essere attento alla tutela dei risparmi degli italiani.”
Caro Presidente, lei è davvero distratto anche perché non solo ha assecondato il bail-in che ha distrutto buona parte dei risparmi degli italiani mettendo in crisi molte banche all’inizio del 2016, ma ha anche firmato il decreto “SALVA BANCHE” salva Boschi, che ha azzerato molti risparmi degli italiani.
@icebergfinanza
Difenderanno i risparmi degli italiani coloro che hanno imposto il decreto salva banche che ha azzerato il risparmio e sottoscritto il bailin Ipocriti! https://twitter.com/emanuelefiano/status/1000831981041651712 …
Emanuele Fiano
@emanuelefiano
Difenderemo il Presidente dagli attacchi di queste ore, difenderemo la costituzione e la Democrazia, lo faremo con i  nervi saldi.

Qui non è in gioco la  carriera di Salvini, sono in gioco i risparmi degli italiani e la nostra libertà. Ciascuno di noi si senta mobilitato.
Non è un problema, ormai sono rimasti quattro gatti, il problema è che la prossima campagna elettorale di giocherà nuovamente sul fronte del terrorismo finanziario, come accadde con il referendum costituzionale e la Brexit, proveranno a farvi credere che andando contro l’Europa, rischierete di perdere tutti i risparmi, ma noi vi racconteremo nei prossimi giorni come in realtà è una balla, lo spread e tutti le fesserie che vi raccontano, ma soprattutto vi racconteremo come è possibile, mettere al sicuro “temporaneamente” i Vostri risparmi e capitali, senza portarli all’estero.
Alessia Morani
@AlessiaMorani
A me invece questa mattina in diversi hanno detto che stanno pensando di spostare i loro risparmi all’estero.

Continuate a giocare col fuoco sulla pelle dei più deboli #vergogna https://twitter.com/albertobagnai/status/1000291930901831680 …
Andrea Mazzalai
@icebergfinanza
Ricordatevi che non serve spostare i risparmi e capitali all'estero, ve lo sto raccontando dal 2012, si può difendersi temporaneamente restando nel nostro Paese utilizzando un semplice deposito titoli! Questi sono solo terroristi finanziari per lo più ignoranti!
Parole, forti, concezione elitaria e mafiosa della democrazia, la democrazia non ha bisogno di padrini.
MinisteroDellaPaura
@MinisteroPaura
Il messaggio di Mattarella è semplice: non potete decidere di uscire dall'euro.

Neanche in maggioranza.
Andrea Mazzalai
@icebergfinanza
Silenzio, abbassiamo i toni e riempiamo le piazze democraticamente milioni e milioni in silenzio, non passiamo dalla parte del torto, ora gli eversivi sono loro! @matteosalvinimi @luigidimaio @riccardo_fra #Mattarella
Numeri quasi impossibili per un governo Cottarelli – Corriere.it
Lunedì mattina Carlo Cottarelli (ecco chi è) presumibilmente riceverà dal Presidente Sergio Mattarella l’incarico per formare un governo tecnico, «neutrale» come l’aveva definito lo stesso Mattarella, che possa dare una guida al Paese dopo la rinuncia all’incarico del professore Giuseppe Conte.

Ma chi lo vota? Ci sono i numeri in Parlamento per una maggioranza alternativa? A guardare le forze sia alla Camera sia al Senato, sembra difficile che un governo Cottarelli possa ottenere la fiducia.
Una maggioranza con dentro tutti i partiti tranne Lega e M5S non sarebbe sufficiente.
Ricordtevi che pure Fratelli d’Italia è contraria a Cottarelli e favorevole all’impeachment, un governo Cottarelli potrebbe puntare esclusivamente ai voti di due partiti defunti come il Partito Democratico e Forza Italia, più cespugli vari.
Questo è il Governo che Mattarella vuole riproporre agli italiani!
Comunque sia, non c’è alcun complotto, l’euro è una religione, come diceva il nostro John Perkins, si tratta di uomini e donne…
L’euro è una religione…
…il capitalismo finanziario – e le banche che ne sono l´organo principale – funziona giocando sul credito – cioè sulla fede – degli uomini.
Ma ciò significa, anche, che l´ipotesi di Walter Benjamin, secondo la quale il capitalismo è, in verità, una religione e la più feroce e implacabile che sia mai esistita, perché non conosce redenzione né tregua, va presa alla lettera.

La Banca – coi suoi grigi funzionari ed esperti – ha preso il posto della Chiesa e dei suoi preti e, governando il credito, manipola e gestisce la fede – la scarsa, incerta fiducia – che il nostro tempo ha ancora in se stesso.
E lo fa nel modo più irresponsabile e privo di scrupoli, cercando di lucrare denaro dalla fiducia e dalle speranze degli esseri umani, stabilendo il credito di cui ciascuno può godere e il prezzo che deve pagare per esso (persino il credito degli Stati, che hanno docilmente abdicato alla loro sovranità).

In questo modo, governando il credito, governa non solo il mondo, ma anche il futuro degli uomini, un futuro che la crisi fa sempre più corto e a scadenza.
E se oggi la politica non sembra più possibile, ciò è perché il potere finanziario ha di fatto sequestrato tutta la fede e tutto il futuro, tutto il tempo e tutte le attese.
Finché dura questa situazione, finché la nostra società che si crede laica resterà asservita alla più oscura e irrazionale delle religioni, sarà bene che ciascuno si riprenda il suo credito e il suo futuro dalle mani di questi tetri, screditati pseudosacerdoti, banchieri, professori e funzionari delle varie agenzie di rating.
Autore: Andrea Mazzalai Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.