-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 16 maggio 2018

Ftse Mib: -2,4% dopo bozza Lega-M5S. Analisti: paure esagerate


Proprio nel momento in cui a Piazza Affari il Ftse Mib sembra intenzionato a testare nuovamente i massimi del 2018, con una chiusura ieri distante appena un punto percentuale da questi top, una nuova ondata di vendite si è abbattuta sul nostro mercato. L'indice delle blue chips sin dalle prime battute ha imboccato la via del ribasso, ampliando progressivamente le perdite, tanto da presentarsi negli ultimi minuti in caduta del 2,4% a 23.713 punti, quindi al di sotto dei  23.871, corrispondenti ai minimi intraday registrati nella giornata di giovedì scorso.


Il rally messo a segno oggi da Saipem e Tenaris, che guadagnano rispettivamente il 9,62% e il 2,2%, non è certo sufficiente a bilanciare le vendite che colpiscono i bancari, con ribassi superiori anche ai tre punti percentuali, come nel caso di Unicredit e Banco BPM. 
Al calo del mercato azionario si accompagnano non poche tensioni sul fronte obbligazionario, visto il sell-off che sta interessando i BTP.
Il rendimento del decennale è salito oltre la soglia del 2% e precisamente al 2,04%, contestualmente ad un rally dello spread BTP-Bund che si è spinto anche oltre i 142 punti base negli ultimi minuti. 
Il nervosismo degli investitori viene alimentato dalle novità che arrivano dal fronte politico, dopo che ieri la stampa ha diffuso la bozza di contratto di Governo tra Movimento 5 Stelle e Lega che, a detta dei rispettivi leader, sarebbe stata già modificata e quindi la stessa dovrebbe considerarsi superata.


Nel documento è prevista la richiesta di un meccanismo per portare l'Italia fuori dall'euro e quella della cancellazione di 250 milioni di euro di debito pubblico italiano da parte della BCE. 
L'intervento finalizzato a smantellare la legge Fornero prevede un tetto di 5 miliardi di euro per finanziare quota 100, ossia il pensionamento con almeno 41 anni di anzianità contributiva, oltre alla proroga di "opzione donna".

Si parla inoltre di uno stanziamento da 17 miliardi di euro all'anno per il reddito di cittadinanza, da finanziare nelle intenzioni anche con il Fondo Sociale Europeo. 
Secondo gli economisti di Intesa Sanpaolo, la riforma dell'imposta sul reddito è presente in forma molto sfumata e questo rende impossibile capire cosa si intenda fare.


Gli esperti affermano che per quanto le indicazioni diffuse ieri dalla stampa abbiano suscitato molto rumore, le istanze contenute nella bozza diffusa ieri non possono concretizzarsi se non attraverso decisioni comunitarie o di terzi, quali ad esempio la BCE. 
Non sono allarmati neanche gli strategist di Mps Capital Services, secondo cui le proposte emerse dalla bozza di Governo sono solo politiche e rappresentano sostanzialmente solamente propaganda.  
L'esperto però evidenzia che il mercato è sulla difensiva e legge ogni notizia come un segnale, guardando con timore ad alcune proposte, come quella relativa al sistema pensionistico, che potrebbero mettere in pericolo la disciplina di bilancio del nostro Paese.


I colleghi di Nomura mantengono la calma e spiegano che quando si leggono notizie come quelle circolate nelle ultime ore sul fronte politico, è necessaria molta cautela. Il broker ricorda che Movimento 5 Stelle e Lega sono ancora in trattativa e quindi è bene attendere un accordo che dovrebbe arrivare prima della fine della settimana.  
Nessun allarme infine da UBS che mantiene una view positiva sull'Italia, convinta che i vantaggi della crescita economica in miglioramento bilancino i rischi legati alla formazione del nuovo Governo da parte di Lega e Movimento 5 Stelle.


Per gli strategist della banca elvetica è ancora prematuro dire se le ultime indicazioni dal fronte politica possano mettere in discussione la loro visione sull'Italia. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.