-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 10 maggio 2018

Enel affonda per vari motivi, ma gli analisti sono ottimisti


Una seduta decisamente pesante quella odierna per Enel che, dopo aver ceduto circa lo 0,3% ieri, ha perso terreno per la terza giornata consecutiva, ma oggi ad un ritmo decisamente più rapido. Il titolo, che ha occupata una delle ultime posizioni nel paniere del Ftse Mib, si è fermato a 5,074 euro, con un affondo del 3,17%, alimentato da volumi di scambio molto vivaci, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 56 milioni di azioni, più del doppio della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 27,5 milioni di pezzi.


Enel ha risentito della negativa intonazione del mercato e in particolare del settore delle utilities che ha pagato pegno al rally dello spread BTP-Bund salito oltre quota 137 punti base.  
L'aumento del differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco è da ricondurre all'incertezza sul fronte politico, dove sembra più probabile assistere ora alla formazione di un Governo guidato da Lega e Movimento 5 Stelle.

E' noto che il programma dei grillini prevede lo stop alla liberalizzazione dei clienti tutelati, ma secondo gli analisti di Equita SIM questo avrebbe impatti minori per Enel. 
Intanto il titolo quest'oggi non ha trovato alcun sostegno nei risultati del primo trimestre diffusi ieri dalla società a mercati chiuso.

Enel ha archiviato il periodo in esame con un utile netto consolidato pari a 1,169 miliardi di euro, in crescita del 18,9%, ance se al netto delle voci straordinarie il dato si attesta a 1,04 miliardi di euro. 
La crescita, stando a quanto spiegato in una nota, è avvenuta per il miglioramento del risultato operativo, per i minori oneri finanziari netti derivanti dall'efficiente gestione delle passività finanziarie, nonchè per il minor carico fiscale in particolare in Italia
I ricavi invece sono scesi del 2,2% a 18,946 miliardi di euro, e la flessione  è da ricondurre principalmente all'evoluzione negativa dei tassi di cambio, specie in Sud America.


L'Ebitda è salito del 3,1% a 4,037 miliardi di euro, mentre l'Ebit ha mostrato un frazionale rialzo dello 0,5% a 2,538 miliardi di euro. 
Alla fine del primo trimestre l'indebitamento finanziario netto è pari a 37,871 miliardi di euro, contro i 37,41 miliardi della fine del 2017.

Gli analisti di Equita SIM esprimono un giudizio complessivo positivo sulla trimestrale di Enel che a loro dire ha presentato conti in linea con le attese, accompagnati dalla conferma della guidance per l'anno in corso. 
Gli esperti si focalizzano su alcune indicazioni emerse dalla conference call che suggerirebbero numeri più aggressivi per quest'anno.  
Enel si attende un forte recupero nella generazione considerate le buone risorse Hydro e Wind e i prezzi energia più alti.

Inoltre gli IFRS potrebbero avere un impatto positivo di 100 milioni di euro sull’Ebitda e il retail continua a crescere nel trimestre.
A ciò si aggiunga che la cessione di REftinskaya potrebbe arrivare a breve e potrebbero esserci ulteriori risvolti positivi. Questi ultimi non sono stati precisati, ma gli analisti di Equita SIM ritengono possa trattarsi di considerazioni complessive sul posizionamento in Russia.
La SIM milanese parla nel complesso di buone indicazioni, ma gli analisti non si aspettano significative revisioni delle stime e del consensus, pur segnalando che Enel potrebbe raggiungere prima del previsto gli obiettivi fissati per quest'anno.


Anche pe questo motivo Equita SIM mantiene una view positiva sul titolo, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 6 euro. 
Lo stesso rating è stato confermato oggi da Kepler Cheuvreux, con il medesimo target price a 6 euro. Il broker ha definito buoni i risultati trimestrali di Enel e la conferma della guidance, ricordando che Enel è tra le sue best pick italiane e rientra anche nella lista delle utilities preferite a livello europeo.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.