-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 30 maggio 2018

Cottarelli flop! Di Maio e Salvini ci riprovano. Lo spread!

Ieri all’improvviso una tempesta perfetta si è abbattuta sul nostro Paese, sembra davvero di essere tornati indietro di circa sette anni, a quel tragico 2011, l’attacco speculativo scatenato dalla decisione di Deutsche Bank di disfarsi all’improvviso di quasi sette miliardi di nostri titoli di Stato.
Questa volta però, per l’ennesima volta lo spread decolla anche grazie alla completa assenza dal book dei nostri titoli della BCE di Mario Draghi e di Constancio, il quale in giornata recapita un pizzino “minaccia” al futuro governo italiano, come hanno fatto con una Grecia, qualunque…
Qualsiasi intervento della Banca Centrale Europea deve essere compatibile con il nostro mandato.

È quanto ha detto il Vice-presidente uscente Vitor Constancio nel corso di un’intervista concessa alla rivista tedesca “Spiegel” parlando della situazione del nostro Paese. Misure da parte dell’Eurotower destinate ad aiutare l’Italia in caso di problemi di liquidità “devono essere in linea con il nostro mandato e rispettare determinate condizioni”.
Alla domanda se la BCE interverrebbe nel caso in cui l’esecutivo italiano dovesse decidere di eludere le regole fiscali di Eurolandia, Constancio ha rimarcato che “l’Italia conosce le regole, forse dovrebbero rileggerle”.
Di questo dovrebbero preoccuparsi principalmente Di Maio e Salvini, delle minacce della BCE, ripeto oggi, completamente assente per un istante fatale dai book dei nostri titoli di Stato, minacce che come ricordava Luigi Zingales hanno letteralmente distrutto la Grecia.
Quella di dare liquidità alle banche è una decisione che prende qualsiasi banca centrale nel momento in cui stabilisce che le banche sono solventi ma illiquide.

Questo perché la funzione principale di una banca centrale è quella di essere disponibile a fare prestiti in situazioni di tensioni di mercato alle banche che sono solventi. Ora, nel caso della Grecia, abbiamo la certificazione fornita dalla stessa Bce qualche mese fa, che le sue banche sono solventi.
Perché allora la Bce non fornisce loro liquidità illimitata? Perché la ELA(fornitura di liquidità di emergenza, ndr) è stata centellinata di giorno in giorno e poi bloccata (il 1° luglio La Bce ha fissato a 89 miliardi il livello massimo stabilito per l’erogazione di Ela alle banche greche, ndr)? In sostanza, la Bce tiene la Grecia appesa a un filo.
… non delle dichiarazioni di uno stupido idiota come il responsabile europeo al bilancio Oettinger, un tedesco che ha nel sangue e nella storia la concezione di RAPPRESAGLIA, quando qualcuno non fa quello che vogliono loro, loro auspicano RAPPRESAGLIE…
Se ancora c’è qualcuno che non ha capito il significato di solidarietà in questa Europa, da parte dei tedeschi, si svegli ed esca dalla sua campana di vetro, l’egemonia e la rappresaglia per molti tedeschi ma per fortuna non per tutti, sono nel sangue da sempre…
Günther Oettinger, commissario Ue al budget, non ha detto quello per cui si sta scatenando una bufera politica in Italia e in Europa supportata dai titoli di alcuni siti di informazione: la frase incriminata «la caduta dei mercati insegnerà agli italiani a votare» non è mai stata pronunciata, scrive il Sole24Ore ma anche un bambino capirebbe il senso del significato delle parole di Oettinger…
Tenetevi forte perchè il prossimo anno, questo signore Weidmann, tenterà di prendersi in mano la BCE, sempre che qualcuno lo lascia fare, sempre che alla fine del prossimo anno esisti ancora l’euro, dicevamo il ricatto dello spread in pochi minuti un manipolo di psicopatici con poco o nulla scatena l’inferno, per manipolare lo spread serve davvero pochissimo…
In realtà più che agli italiani, i mercati stanno insegnando a Deustche Bank e Commerzbank, cosa significa fallire ed essere nazionalizzate...
Ma lasciamo un attimo da parte lo spread e occupiamoci di Cottarelli il mago dell’austerità dei sicari dell’economia, del Fondo Monetario Internazionale, uno che deve avere nel sangue la religione calvinista della Merkel, visto che nel suo libro parla di redenzione dei peccati, come se tutto il popolo italiano avesse peccato e non alcune generazioni di ladri, evasori, elusori, speculatori politici, banchieri criminali, economisti incapaci e falliti…
Loro vi spiegano come redimervi dai vostri peccati, comunque credetemi è uno spettacolo osservare il Partito Democratico che chiede di astenersi al sostegno di questo governo della troika… Martina propone astensione Pd su fiducia… hanno capito l’andazzo, Forza Italia è già stata messa in riga da Salvini e la Meloni ora si dichiara disponibile a supportare il nuovo Governo partecipandovi!
Comunque la notizia del giorno è che circola voce che al Tesoro vorrebbe metterci un famosissimo euroscettico come l’ex rettore della Bocconi, si della Bocconi la quale sta per trasformare la propria sede in un immenso gabinetto…
E’ preferibile l’uscita dall’euro piuttosto che una ristrutturazione del debito, ma non solo, pure …
…entrare fu un errore, un po come se un malato di cancro decidesse di tenersi il suo tumore, cercando di debellarlo con qualche regoletta.
L’augurio è che il presidente Mattarella, non conosca il pensiero di questo famoso euroscettico, perchè al confronto il dottor Savona è un fuoriclasse.
Mattarella ha compiuto tre disastri simultanei con una sola decisione, scrive Munchau..:
  1. Ha trasformato le prossime elezioni in un referendum sul futuro dell’eurozona.

    Nessuno farà apertamente campagna sull’euro. Non è questo il punto.
  2. E’ riuscito a trasformare le prossime elezioni in un confronto tra la UE contro la democrazia. Ha nominato un burocrate che segue in religioso silenzio le regole della UE e ha frustrato un governo che avrebbe ottenuto il sostegno democratico dal parlamento.
  3. Ha prolungato l’incertezza tra gli investitori che ora avranno l’opportunità di considerare la questione dell’uscita dell’euro in Italia per molto tempo senza alcuna soluzione.

    Darà loro il tempo di ridurre la loro esposizione. Abbiamo sempre sostenuto nel nostro briefing che la probabilità di una uscita dall’euro italiana non è banale. Non ci occupiamo di fare previsioni o allegare false probabilità agli eventi. Ma possiamo dire con sicurezza che qualunque sia stata la probabilità di un’uscita dall’euro, oggi è più alta.
In molti erano scettici, ben pochi credevano possibile una simile accelerazione nella caduta dell’euro e nel volo dei treasuries australiani e americani, in molti hanno forse dimenticato quello che vi aveva raccontato il nostro Machiavelli ovvero che negli ultimi dieci anni, l’accelerazione del dollaro e la caduta dell’euro hanno registrato fasi molto più veloci di qualunque altra correlazione del mondo occidentale.
Chi ha avuto la fortuna di entrare sui massimi, comprando titoli a due anni, che rendevano il 2,5 %, credendo in quello che raccontavamo, oggi si ritrova con performance di oltre il 7 % in meno di un mese grazie all’effetto cambio.
I rendimenti a 10 anni in America sono collassati ad un minimo giornaliero del 2,76% e quelli trentennali addirittura sono scesi sino al 2,95 % intraday, un recupero spettacolare che ha premiato tutti quelli che hanno avuto fiducia nel nostro lavoro, nelle nostre analisi.
La serenità finanziaria di cui godono in questi giorni i nostri lettori e gli amici di Machiavelli è impagabile!
Autore: Andrea Mazzalai Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.