-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 23 maggio 2018

Bper Banca in vetta al Ftse Mib. L'AD indica le prossime mosse


Tra le blue chips che oggi sono riuscite a muoversi in controtendenza rispetto al mercato troviamo Bper Banca che è stato l'unico protagonista del settore bancario a chiudere gli scambi in positivo. Il titolo, dopo aver guadagnato oltre un punto e mezzo percentuale ieri, si è spinto in avanti anche oggi, occupando la prima posizione nel paniere del Ftse Mib.
Bper Banca, dopo una fase di ribasso iniziale, è riuscito a cambiare direzione di marcia ed è stato fotografato a fine giornata a 4,723 euro, con un rialzo dell'1,09% e oltre 6 milioni di azioni transitate sul mercato. 
Bper Banca si è mosso oggi sull'onda delle indicazioni arrivate dalla stampa e in particolare dal Sole 24 Ore, che ha riportato alcune dichiarazioni del CEO del gruppo, Alessandro Vandelli che confermando l'impegno nella riduzione dei crediti non performanti, attraverso cessioni per 4,5 miliardi di euro.


Quanto ai principali elementi dell'intervista realizzata all'AD di Bper Banca, gli analisti di Equita SIM segnalano il no comment sulle dichiarazioni del CEO di Unipol, presente nella banca emiliana con una quota del 10%, che aveva auspicato una accelerazione del derisking anche attraverso un aumento di capitale.

La sensazione secondo la SIM milanese e? che si stia costituendo un polo alternativo a Unipol, nel quale le fondazioni controllano al momento il 10% del capitale, percentuale che potrebbe secondo gli analisti accrescersi di un altro 5% dopo il riacquisto delle minorities di Banco di Sardegna, a cui si aggiunge il 7%-8% controllato da imprenditori privati.
L'Ad Vandelli ha confermato che 1 miliardo di euro di cessioni di crediti non performanti verra? realizzato sul portafoglio Banco di Sardegna entro giugno, visto che c’e? una trattativa per la vendita delle tranche junior e mezzanine della cartolarizzazione.


Per quanto riguarda invece la cartoralizzazione relativa al portafoglio da 2 miliardi di euro della capogruppo, il manager ha sottolineato che la stessa è a buon punto e sarà portata a termine entro fine anno. 
E' stato inoltre confermato l'obiettivo di un NPE ratio al 10% entro il 2021, rispetto al 19,3% registrato alla fine del primo trimestre di quest'anno, e secondo gli analisti di Equita SIM l'orizzonte temporale previsto può essere anticipato di qualche anno.


Tra gli obiettivi di Bper Banca c'è quello di aumentare il contributo delle fee di bancassurance al 10% del totale rispetto al 6% attuale e al 5% stimato dalla SIM milanese, i cui analisti segnalano che ipotizzando il raggiungimento del target, si otterrebbe un beneficio di almeno il 5% sull’utile 2020.

Infine, Vandelli ha spiegato che al momento non e? prevista la cessione della piattaforma di servicing, che conta su 170 dipendenti e gestisce uno stock di crediti non performanti di 7 miliardi di euro. 
Gli analisti di Equita SIM ritengono che molto probabilmente in futuro alla suddetta piattaforma di Bper Banca potrebbe essere attribuita una valutazione di 100 milioni di euro, ipotizzando un multiplo sulle masse simile a quanto pagato da Intrum a Intesa Sanpaolo.


In questa ipotesi si otterrebbe un beneficio sul Common Equity Tier 1 di Bper Banca nell'ordine di 30 punti base. 
Dopo le dichiarazioni dell'Ad Vandelli, gli esperti di Equita SIM hanno deciso di confermare la loro strategia sul titolo, con una raccomandazione ferma a "hold" e un prezzo obiettivo a 5,6 euro.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.