-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 15 maggio 2018

Borse poco mosse: deludono i dati macro. Pirelli tonico a Milano


La seduta odierna procede in maniera contrastata per le Borse europee che dopo un avvio in calo sono riuscite a risalire la china, ma non tutte. Il Dax30 resta in calo dello 0,11%, mentre il Cac40 e il Ftse100 salgono rispettivamente dello 0,08% e dello 0,26%.
Sul fronte macro sono stati diffusi diversi aggiornamenti, molti dei quali hanno deluso le attese degli analisti.

In Europa la seconda lettura del PIL del primo trimestre ha mostrato una variazione positiva dello 0,4%, in linea con l'indicazione preliminare e con le attese degli analisti, ma in frenata rispetto allo 0,6% degli ultimi tre mesi del 2017. Sempre in Europa la produzione industriale a marzo ha evidenziato un incremento dello 0,5%, in recupero rispetto alla flessione dello 0,9% di febbraio, ma il mercato si attendeva un rialzo più marcato dello 0,7%.
In Francia l'indice dei prezzi al consumo ad aprile ha registrato un rialzo dello 0,2%, rispetto allo 0,1% della lettura preliminare e allo 0,1% messo in conto dagli analisti.


In Germania la lettura preliminare del PIL del primo trimestre ha riportato una variazione positiva dello 0,3%, in calo rispetto allo 0,6% dei tre mesi precedente e al di sotto dello 0,4% stimato dalla comunità finanziaria. 
Nessuna sorpresa invece dall'indice Zew che a maggio si è attestato a -8,2 punti, in linea con l'indicazione di aprile e con le previsioni degli analisti.
Intanto si muove in positivo Piazza Affari dove il Ftse Mib, pur avendo ritracciato dai massimi intraday, si mantiene al di sopra della parità in area 24.280, con un vantaggio dello 0,24%.
La migliore performance tra le blue chips è quella di Pirelli che mette a segno un rally di quasi il 3%, dopo che la società ha archiviato il primo trimestre dell'anno con un utile netto di 89,1 milioni di euro, rispetto alla perdita di 27,1 milioni dello stesso periodo del 2017, mentre i ricavi sono saliti del 5,7% a 1,31 miliardi di euro.
In evidenza STM che progredisce dell'1,96% nel giorno del Capital Markets Day a Londra, in occasione del quale è emerso che la società italo-francese si aspetta per quest'anno un incremento dei ricavi più alto delle previsioni del mercato.
Ben intonata anche Telecom Italia che sale dell'1,37% alla vigilia del Cda per l'approvazione dei dati del primo trimestre.
In recupero Azimut che dopo i forti ribassi delle ultime sedute si apprezza di circa un punto.


Tra i bancari Bper Banca, Intesa Sanpaolo e Ubi Banca guadagnano circa mezzo punto, seguiti da Banco BPM che sale dello 0,33%, mentre Unicredit resta sulla parità e poco sotto troviamo Mediobanca con un frazionale calo dello 0,09%.
Il rialzo dei prezzi del petrolio verso area 71,5 dollari al barile favorisce gli acquisti sui titoli del settore oil con Saipem in ascesa dello 0,82%, seguito a distanza da Tenaris ed ENI che crescono dello 0,28% e dello 0,21%.
Segno meno per gli assicurativi con UnipolSai in flessione del 2,06%, seguito da Generali e UnipolSai che arretrano dello 0,97% e dello 0,77%.
Infine, da segnalare l'andamento negativo di Mediaset che perde lo 0,42% in attesa dei conti del primo trimestre.
Oggi in America oltre all'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene statunitensi, si segnalano le vendite al dettaglio che ad aprile dovrebbero salire dello 0,4% rispetto allo 0,6% precedente, mentre al netto della componente auto si prevede un incremento dello 0,5% dopo lo 0,2% di marzo.
Per l'indice New York Empire State Manufacturing di maggio le previsioni parlano di un dato a 15 punti rispetto ai 15,8 punti di aprile, mentre le scorte delle imprese a marzo dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,3% dopo lo 0,6% del mese precedente.
In calendario anche l'indice Nahb che a maggio dovrebbe rimanere invariato a 69 punti.


Da segnalare un discorso di Robert Kaplan, presidente della Fed di Dallas, oltre al quale parlerà anche John Williams, a capo della Fed di San Francisco.
Da segnalare i conti del primo trimestre dell'esercizio 2018-2019 di Home Depot, dai quali ci si attende un utile per azione pari a 2,05 dollari.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.