-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 3 maggio 2018

3 azioni date per spacciate troppo presto


A volte la comunità degli analisti di Wall Street decreta lo stop su vari titoli. In alcuni casi, sbagliando. L'esempio arriva dai tre nomi suggeriti dagli esperti di The Motley Fool.

Teva Pharmaceutical (NYSE: TEVA)

Todd Campbell guarda a Teva Pharmaceuticals nonostante siano solo quattro dei 26 analisti che seguono Teva Pharmaceutical a considerarlo degno di un Buy.

Come ricorda l'analisi, la società è ancora il più grande produttore di farmaci generici sul pianeta, un fattore determinante, soprattutto se unito alla strategia adottata, fatta di vendite di asset e riduzione dei costi che gli permetterebbe di liberare 3 miliardi di dollari l'anno per il prossimo futuro.
Grazie a questo, infatti, Teva potrebbe sul lungo periodo reggere anche la pressione dei competitor, quella del suo elevato indebitamento (33 miliardi di dollari per lo più a causa della discussa acquisizione di Allergan) e altri venti contrari che, per quanto irritanti, non saranno insormontabili.

Ancora di più se si pensa all'interesse dimostrato finora dalla Berkshire Hathaway di Warren Buffett ( NYSE: BRK-A ) ( NYSE: BRK-B ) e che potrebbe continuare



Fitbit (NYSE: FIT)

Tim Green preferisce dare fiducia a Fitbit.
In realtà il titolo ha perso il 90% del suo valore dopo aver raggiunto il picco toccato con la IPO del 2015. A poco è servito il primo tentativo dell'azienda di entrare nel mercato degli smartwatch, rivelatosi un fallimento . Eppure Fitbit può contare su un ottimo bilancio: la società aveva 679 milioni di dollari in contanti e nessun debito alla fine del 2017.

Quella liquidità rappresenta più della metà della capitalizzazione di mercato di Fitbit e dà all'azienda ossigeno da utilizzare nel frattempo che non non si ripresenta un'occasione di crescita. Quale potrebbe essere? Forse il suo nuovo smartwatch Versa: al prezzo annunciato di $ 199 potrebbe conquistare per questo motivo il mercato.
Effettivamente una rinascita di Fitbit può richiedere ancora anni ma darla per spacciata, stando alle previsioni di Green, è ancora troppo presto.


Cirrus Logic (NASDAQ: CRUS)

Rich Smith vota per Cirrus Logic, produttore di semiconduttori "fabless" (ovvero una società di chip che esternalizza la produzione effettiva dei suoi pezzi) e che frnisce componenti presenti in oggetti di uso quotidiano a marca LG, Nikon, Samsung e, naturalmente, Apple, solo per citarne alcuni.

La società ha registrato un calo delle vendite dell'8% nel suo ultimo trimestre e del 72% sui profitti. Il motivo di una diffidenza della comunità di analisti? Una pendenza troppo forte da Apple. L'anno scorso, Cirrus ha riferito che Apple rappresentava il 79% delle sue vendite ma ciò nonostante Cirrus ha registrato un flusso di cassa positivo negli ultimi 12 anni, arrivato a generare ben 284 milioni di dollari nel 2017. A dare una mano al titolo potrebbero essere le previsioni degli analisti per una crescita degli utili annui del 15% nei prossimi cinque anni.

Un futuro incoraggiante che potrebbe far perdonare le recenti performance non eccelse.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.