-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 16 aprile 2018

Nuove tensioni dopo l'attacco USA-UK-Francia alla Siria


Un'azione militare coordinata di Stati Uniti, Regno Unito e Francia *la notte del 14 aprile 2018 ha portato al bombardamento di tre postazioni siriane in risposta al presunto attacco chimico di *Duma del 7 aprile scorso. Sono stati 105 i missili lanciati dai tre alleati da postazioni nel Mar Nero, nel Golfo Persico e nel Mediterraneo orientale, secondo quanto confermato dal generale Kenneth McKenzie portavoce del Pentagono che calcola in 45 i morti dell'attacco di Duma e in centinaia gli intossicati e accusa direttamente Bashir Assad di quanto accaduto.

I bersagli sarebbero stati le infrastrutture dell'armamento chimico siriano e sarebbero stati tutti colpiti.
Nessun bersaglio russo sarebbe stato colpito in territorio siriano, secondo le indiscrezioni anzi, una telefonata avrebbe preventivamente avvisato Mosca dell'azione al fine di limitarne al massimo il coinvolgimento.
La Russia *e l'Iran *hanno comunque condannato l'attacco di sabato notte, mentre la *Turchia *e (cautamente) *Israele *lo hanno approvato.
La *Commissione Europea *ha preso atto di quanto accaduto, ribadito la condanna all'impiego delle armi chimiche e ricordato che non è la prima volta che accade in Siria.

"Dopo 8 anni di conflitto la Siria ha un disperato di bisogno di un ultimo cessate il fuoco rispettato da tutte le parti - ha affermato Jean Claude Juncker presidente dell'Esecutivo UE - che prepari la via per una soluzione politica negoziata tramite un processo guidato dalle Nazioni Unite a Ginevra e porti pace al Paese una volta per tutte".
*Angela Merkel *- la Germania, come l'Italia non ha sostenuto direttamente l'attacco alleato - ha definito l'azione sui tre bersagli siriani necessaria e appropriata, ricordando che "ogni cosa ci porta a ritenere" che Assad abbia la responsabilità per l'attacco chimico di Duma.
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la sede ufficiale del confronto internazionale dove di recente senza successo gli Stati Uniti avevano chiesto l'avvio di un'indagine sui fatti di Duma - ha rigettato la richiesta della Russia di una condanna ufficiale degli attacchi condotti da Francia, Regno Unito e Stati Uniti nel week end in Siria.
L'azione è stata comunque mirata e ha cercato dunque di escludere al massimo il coinvolgimento diretto della Russia (o dell'Iran che ha però registrato ieri delle strane esplosioni in postazioni siriane). Da ciò deriva probabilmente la reazione odierna più che composta dei mercati.
(GD - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.