-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 24 aprile 2018

Lo show politico di Trump sui dazi

di Gary North


Trump sa come negoziare.

La posta in gioco è minuscola se perde. Questo perché tutte le chiacchiere riguardo una guerra commerciale sono solo retorica. Non c'è possibilità di una guerra commerciale. Quei giorni sono finiti sin dal 1945.

Sembra che stia negoziando con il presidente Xi. Questa è un'illusione. Sta negoziando con i democratici e con tutti i repubblicani al Congresso che odiano il suo coraggio. Sta facendo call al loro bluff. Dimostrerà ai suoi sostenitori che (1) ha spina dorsale e (2) i suoi avversari sono smidollati. Sarà facile da dimostrare. I suoi avversari sono davvero imbranati.

Non ci sarà nessuna guerra commerciale. Ma c'è una guerra politica.



LA CAUSA DELLE RECESSIONI

I media generalisti hanno subito sventolato il feticcio di una guerra commerciale dopo il declino di 724 punti del Dow Jones Industrial Average il 22 marzo. Il calo successivo di 424 punti è stato anch'esso attribuito alla minaccia di una guerra commerciale. Questa spiegazione è una combinazione di economia keynesiana ed ostilità nei confronti di Trump.

Questa è stata la linea di partito dell'Organizzazione Mondiale del Commercio per tutto il mese scorso. Ecco il titolo di NewsweekDonald Trump's Trade War Will Cause 'Deep' Global Recession, Says WTO Director. Sciocchezze.

Mercoledì il Federal Open Market Committee ha aumentato il tasso pagato sulle riserve in eccesso. Il Dow è sceso giovedì e venerdì. Ma nessuno ha incolpato il FOMC.

È tempo di ripassare la teoria Austriaca del ciclo economico. Le depressioni e le recessioni non sono causate dai dazi. Sono causate dalle politiche della banca centrale.

Ci possono essere vendite sul mercato azionario che ricordano quelle del 1929 in risposta alla firma dello Smoot-Hawley Act. Ma lo Smoot-Hawley non causò la Grande Depressione. Fu invece la politica monetaria della Federal Reserve a causarla. Ciò è stato dimostrato nel 1963 con il libro di Murray Rothbard, America's Great Depression. Potete scaricarlo gratuitamente. Cliccate qui. Nel 2001, l'economista Austriaco Roger Garrison della Auburn University, ha commentato il libro di Rothbard e la sua tesi, la quale era impopolare quando fu pubblicato. Ha scritto:

Incolpare gli stati per i cicli economici era difficile negli anni '60 -- il decennio in cui il keynesismo regnava supremo -- sia nelle sedi del potere che nelle aule accademiche. A Rothbard viene attribuito il merito di aver tenuto in vita (durante un periodo in cui la Scuola Austriaca era quasi completamente scomparsa) le idee chiave su come il processo di mercato procede bene se lasciato in pace e come va storto quando la banca centrale induce più crescita che i risparmiatori sono disposti a finanziare.

Nota: la sua tesi non è mai stata popolare. Passa attraverso cicli di impopolarità, da meno intensa a più intensa.

Quando arriverà la prossima recessione -- e arriverà -- i keynesiani e gli economisti non Austriaci andranno dritti ai dazi di Trump come prima linea di difesa contro l'analisi economica Austriaca. La Federal Reserve è l'istituzione economica centrale negli Stati Uniti. Controlla la base monetaria. Imposta il tasso d'interesse pagato sulle riserve in eccesso detenute dalle banche commerciali. I membri del Federal Open Market Committee, il quale definisce la politica monetaria, sono keynesiani. Gli altri keynesiani non li biasimeranno mai. Daranno la colpa a Trump.

Rispetto all'influenza della Federal Reserve, i dazi sono economicamente periferici.



COMMERCIO ESTERO

La maggior parte del commercio estero negli Stati Uniti è in materie prime. Il più grande componente nel deficit della bilancia commerciale degli Stati Uniti era quello delle importazioni di petrolio. Questo si è ridotto a causa delle tecnologie del fracking. Possiamo vedere l'effetto qui. Il grafico inizia nel 2006.

https://www.census.gov/foreign-trade/statistics/graphs/PetroleumImports.html

Ecco cosa importano gli americani

https://atlas.media.mit.edu/en/profile/country/usa

Ecco le nazioni verso le quali esportiamo.

https://atlas.media.mit.edu/en/profile/country/usa

Importiamo di più dalla Cina rispetto a qualsiasi altra nazione: il 22%.

https://atlas.media.mit.edu/en/profile/country/usa

Ma i dazi proposti finora sono solo sull'acciaio cinese e l'alluminio. Non c'è ancora nessun elenco di altri prodotti. Ciò aumenterà leggermente i prezzi per quei segmenti della produzione negli Stati Uniti che dipendono dall'acciaio e dall'alluminio. Quanto è importante per il PIL la produzione manifatturiera? Non molto. La produzione manifatturiera come quota del PIL reale negli Stati Uniti non è cambiata molto dal 1947.

https://www.stlouisfed.org/on-the-economy/2017/april/us-manufacturing-really-declining

In tutto il mondo, la produzione manifatturiera costituisce il 17% e diminuisce costantemente.

https://data.worldbank.org/indicator/NV.IND.MANF.ZS

La maggior parte dell'economia mondiale è condotta a livello nazionale: niente importazioni o esportazioni.

Il PIL dell'Occidente è dominato dai servizi. I dazi non si applicano ai servizi.

I dazi sono pressoché irrilevanti dal punto di vista economico. Sono molti rilevanti, invece, dal punto di vista politico.



TRUMP CONTRO XI

Negli Stati Uniti la componente commerciale ricoperta dalla Cina è il 22% delle importazioni statunitensi. Stiamo parlando perlopiù di prodotti finiti, non materie prime come acciaio e alluminio. Esportiamo principalmente prodotti agricoli in Cina. Ci sono altri mercati a cui rivolgersi se la Cina applica dazi al cibo proveniente dagli Stati Uniti. Inoltre non tutti gli acquisti di cibo cesseranno a causa dei dazi. In ogni caso, solo l'8% delle esportazioni americane va in Cina.

Il commercio estero rappresenta circa il 27% dell'economia statunitense. La Cina è un importante partner commerciale, ma nessuno sta suggerendo che il commercio con la Cina cesserà. Ci saranno tasse sulle vendite imposte su alcuni prodotti.

I dazi proposti per l'acciaio e l'alluminio cinesi rappresenteranno dazi doganali per $50 miliardi di importazioni. Nota: non si tratta di $50 miliardi in dazi totali. Si tratta di dazi doganali per importazioni da $50 miliardi. I titoli dei giornali sono fuorvianti: Trump firma un ordine che prevede quasi $50 miliardi di dazi sulle importazioni cinesi.

I dazi proposti sono del 25% per l'acciaio e del 10% per l'alluminio. Se le importazioni dei due metalli sono 50-50 (sto facendo un esempio, non lo so a quanto ammontino), questo significa un aumento dei prezzi da $6.2 miliardi per gli acquirenti di acciaio, con gli acquirenti di alluminio che pagano un extra di $2.5 miliardi.

Le importazioni di acciaio e alluminio da tutte le nazioni, non solo dalla Cina, rappresentano circa il 2% delle importazioni totali. Questo è un bip sullo schermo di un computer.

Nel frattempo, la Cina ha risposto con una minaccia di dazi doganali per $3 miliardi di importazioni americane. Quali percentuali? Ci può essere un dazio del 25% sulla carne di maiale. Oppure sui tubi di acciaio: il 15%. O un dazio del 15% su frutta e vini.

Gli Stati Uniti hanno un'economia da $19,000 miliardi.

Stiamo parlando di una tempesta in una piccola teiera.

I media anti-Trump hanno usato un linguaggio sproporzionato.

Trump rafforzerà il supporto con la sua base con un gesto simbolico.

Non ci sarà nessuna guerra commerciale.

C'è una battaglia politica sui dazi. Trump è probabile che vinca.



LA STRATEGIA VINCENTE DI TRUMP

Su quale base giuridica Trump ha minacciato di imporre dazi? Il 27 aprile 2017 ha annunciato che avrebbe indagato sulle esportazioni negli Stati Uniti senza fare il nome delle nazioni. Ha invocato il Trade Expansion Act del 1962.

Il Trade Expansion Act aveva lo scopo di ridurre i dazi, non di aumentarli. Leggete qui.

Ha annunciato questa inchiesta lo scorso aprile. Questo gli ha fornito i 270 giorni che richiede la prassi. Per legge, il segretario al commercio deve condurre l'inchiesta. Il segretario Wilbur Ross ha completato le indagini.

Ecco l'annuncio della Casa Bianca l'8 marzo 2018. (Ho creato un PDF di questo documento, dato che scomparirà quando Trump lascerà la carica. È qui.)

Sta usando il Trade Expansion Act per contrarre il commercio.

Adesso questa storia diventa ancor più bizzarra. Ha nell'effettivo sospeso temporaneamente i dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio dai seguenti Paesi: Argentina, Australia, Brasile, Canada, Messico, Paesi membri dell'Unione Europea e Corea del Sud. Potete leggerlo sul sito web della Casa Bianca. Inizierà i negoziati il ​​1° maggio. Questo comunicato stampa non è menzionato dai media generalisti. È qui. Poiché questa pagina verrà rimossa quando Trump lascerà la carica, ne ho realizzato un PDF. È qui.

Il Congresso può rovesciare questo ordine esecutivo con un voto di due terzi.

Se i democratici votano in blocco, e sono supportati da repubblicani filo-commerciali -- ci sono pochi repubblicani che a parole non sono sostenitori del libero scambio -- il Congresso potrà facilmente rovesciarlo. Ma se i democratici lo faranno, perderanno voti a novembre tra i lavoratori. D'altra parte, se rimangono in silenzio, faranno in modo che Trump se la cavi. I repubblicani alla Camera potranno stare sereni. I democratici non saranno in grado di incolpare Trump quest'estate e falliranno se i servitori della Pelosi rimarranno muti.

Avrà vinto la trattativa -- non con la Cina, ma con i democratici ed i repubblicani favorevoli al commercio. Se il Congresso porrà il veto, avrà vinto lo stesso tra la sua base elettorale. Praticamente non può perdere.

Tutto questo riguarda la politica nazionale, non la sicurezza nazionale. Non vi è alcuna minaccia alla sicurezza nazionale da parte di acciaio e alluminio cinesi. In ogni caso, come sarà salvata l'America con un aumento del 10% dei dazi sull'alluminio? L'intera sciarada è ridicola dal punto di vista economico. È logica dal punto di vista politico. Sembra che Trump vincerà questa battaglia. Non vedo come possa perdere.

È il maestro della contrattazione.

È Trump contro il Congresso. Sono i New England Patriots contro la Hawthorne Country Day School.



CONCLUSIONE

Tutte le chiacchiere su una recessione mondiale a seguito di piccoli rialzi dei prezzi interni di alcuni beni importati dalla Cina sono assolutamente prive di senso.

Ci sarà sicuramente una recessione. Non sarà il risultato dei mini-dazi di Trump. Sarà il risultato delle politiche del Federal Open Market Committee sin dal 2008.

Se i democratici incolperanno i dazi per la recessione, Trump potrà dire: "Allora perché i democratici del Congresso non hanno chiesto un voto per scavalcare il mio ordine esecutivo? Il Congresso può scavalcare i miei veti. Invece non c'hanno nemmeno provato. Perché non l'hanno fatto?"

Trump non può perdere.

Visita il sito https://francescosimoncelli.blogspot.it/
[*] traduzione di Francesco Simoncellihttps://francescosimoncelli.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.