-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 18 aprile 2018

L'M&A in Brasile non smuove Enel, ma gli analisti dicono buy


La seduta odierna procede senza variazioni di rilievo per Enel che, dopo aver guadagnato circa un punto e mezzo percentuale ieri, fatica ad allontanarsi dai valori della parità oggi. Il titolo dopo un avvio cauto ha perso inizialmente terreno, salvo poi risalire la china e presentarsi negli ultimi minuti a 5,168 euro, con un frazionale rialzo dello 0,16% e oltre 8 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a quasi 31 milioni di pezzi.

Enel lancia Opa totalitaria su Eletropaulo 

Enel non reagisce alla notizia diffusa ieri in serata, da cui si è appreso che il gruppo ha lanciato un'Opa da 1,1 miliardi di euro sul 100% di Eletropaulo, una delle maggiori società di distribuzione brasiliane.


L'offerta è stata lanciata in particolare dalla controllata Enel Brasil per un corrispettivo di 28 real brasiliani per azione, ed è condizionata all'acquisizione di un numero totale di azioni rappresentative di oltre il 50% del capitale stesso.
Secondo quanto si legge nella nota diffusa ieri, l'operazione è coerente con l'attuale piano strategico di Enel e, in caso di esito positivo, rappresenterebbe un altro passo avanti nel rafforzamento della presenza del gruppo nel settore della distribuzione in Brasile.

Il commento di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM segnalano che l'offerta sul 100% di Eletropaulo è un rilancio sulle precedenti di Energisa e di Iberdrola e contempla un premio di circa il 60% sul prezzo trattato da Eletropaulo il 5 aprile, ossia il giorno precedente la prima offerta di Energisa.


L'Opa, come spiegato prima, è condizionata al raggiungimento del 51% del capitale e secondo le stime di Equita il prezzo implica multipli pari a circa 8,8 volte l'enterprise value/Ebitda aggiustato del 2017, 7,8 volte quello aggiustato 2019 e circa 1,8 volte la Rab 2017, stimata dalla SIM milanese in circa 1,6 miliardi di euro euro.
Gli analisti evidenziano che l'operazione è in linea con il piano Enel, che prevedeva M&A nel settore distribuzione ed E.solutions per 2 miliardi di euro euro.


Il multiplo potrebbe apparire elevato, ma Equita SIM ritiene che ci sia un alto valore strategico nella gestione dell'asset. Ipotizzando efficienze pari al 5% dei costi operativi di gruppo, il multiplo scenderebbe a 6-7 volte l'enterprise value/Ebitda 2019-2020.
Nella nota della SIM milanese si legge inoltre che Enel avrà la possibilità di fare cross selling su 7 milioni di clienti in un'area fortemente urbanizzata quale quella di San Paolo in Brasile, attualmente non presidiata.


Da valutare quindi le opzioni di sviluppo di Eletropaulo, fermo restando che l'operazione appare potenzialmente interessante: in primis si tratta di un asset regolato, in secondo luogo è accrescitiva in termini di utile per azione, inoltre è realizzata in un'area fortemente urbanizzata, con possibilità di risparmi e di cross-selling su una massa rilevante di clienti.
Gli analisti ricordano che l'operazione è ancora aperta, quindi sono ancora possibili controfferte da parte di Iberdrola ed Energisa nei prossimi 15 giorni.

In attesa di novità Equita SIM conferma una view bullish su Enel, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 6 euro.

La view di Kepler Cheuvreux

Identica la strategia di Kepler Cheuvreux che invita ad acquistare al pari di Equita SIM, con lo stesso target price a 6 euro.
Il broker definisce corretto il prezzo dell'Opa lanciata da Enel su Electropaulo e afferma che la transazione è in linea con la strategia del gruppo.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.