-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 23 aprile 2018

Lettera finanziaria. Di nuovo tira e molla


In un clima, certo più sereno a livello mondiale, almeno di facciata, ha preso il comando dei mercati il binomio dollaro e (aspettative) tassi.
Il dollaro contro euro e Yen si è rafforzato passando nettamente sotto gli 1,23 e  sopra i 107,50 rispettivamente.
Ne hanno beneficiato, subito aiutati dalla politica iperinflattiva, il rendimento dei Treasury di tutte le scadenze ed in particolare quella decennale, giunta oltre i massimi assoluti di oltre il 2,95%, con i titoli continuamente ben venduti.
La curva comunque si è appiattita ancora, assistendo ad un fenomeno di tensione dei prezzi molto pericolosa.

Fra il 2 anni ed il trentennale c'è ora un rendimento di meno di 3/4 di punto percentuale.
Quindi l'Oro e l'Argento ritornati riflessivi. Così pure il petrolio wti  leggermente sopra 68$ ed il Brent sotto i 74$, con anche la guerra di Trump contro i produttori, per "aiutare" così il nazionale shale oil.
SP500 VIX di nuovo sopra i 17, dopo aver toccato in settimana anche 15. Attenzione al superamento dei 18 e sopratutto alla zona rossa dei 22.
Tutto ritorna ...e di nuovo il tira e molla fra le due sponde dell'Atlantico, con il Giappone che respira un po' e ne beneficia per il suo export, con lo yen in continua svalutazione verso i 109 dai 104  del mese scorso.
Ma probabilmente non sarà finita qui.

Il tiro alla fune continuerà per buona pace e godimento dei traders più attenti e smaliziati.
Il nostro future giugno è quindi rimasto stabile sulle resistenze dei 23300, l'indice sui 23800, entrambi senza direzionalita apparente, sostenuti dalla debolezza dell'euro,appunto, mentre il Dow lasciava poi quasi un 1% andando ben sotto i 24500 e sopratutto il Nasdaq con oltre l'1,5%, appesantita da Apple, con oltre il 4%.
Asia tutta in rosso.
Con questi presupposti la settimana europea dovrebbe aprire in rosso, a meno di aperture ad una formazione plausibile di un nuovo governo in Italia Ma non ci crediamo poi molto, considerando che in ogni caso sarebbe un governo a tempo, più che di scopo,  con tutti gli attori scontenti e pronti comunque ad andare al voto , come da noi anticipato subito dopo  il 4 marzo ai nostri abbonati.

O ad ottobre o a marzo 2019. Cosi scrivevamo.
Per quando riguarda la pace improvvisa, scoppiata fra Corea del Nord ed Usa, seguiremmo piuttosto l' evolversi delle puntate successive, prevedendo solo un modesto sell on news e reazioni comunque contenute.
Attenzione invece al fuoco sotto la cenere, mai sopito, della Siria, quando a fine mese i contendenti Usa, alleati e Russia saranno giunti al completo, presenti nell'area prospiciente.
Ed a quello che di conseguenza e sopratutto potrà accadere fra Iran ed Israele.
Raccomandiamo quindi massimi prudenza e continuare con la traccia indicata da un mese ai nostri abbonati, spostando il portafoglio degli assett, titoli ed opzioni, con un ottica, i primi a lungo termine, 2019 comunque e le seconde a Marzo e Giugno 2019.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.