-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 11 aprile 2018

L'avvertimento di Trump alla Russia spaventa Wall Street


Dopo i rialzi messi a segno nelle ultime du sedute, le vendite tornano a dominare la scena sulla piazza azionaria americana. I futures sui principali indici viaggiano tutti in rosso e vedono il contratto sull'S&p500 in calo dello 0,83%, tallonato da quello sul Nasdaq100 che scende dello 0,8%.
Il mercato non ha dato vita ad alcuna reazione dopo la diffusione dell'aggiornamento relativo all'indice dei prezzi al consumo che ha evidenziato una variazione negativa dello 0,1%, in frenata rispetto al rialzo dello 0,2% precedente.

Il dato ha deluso le attese degli analisti che si erano preparati ad un incremento dello 0,1%, 
La versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentai ed energia, è salita dello 0,2%, in linea con la lettura precedente e con le stime del mercato. 
Da segnalare che alle 16.30 ora italiana si guarderà ai prezzi del petrolio visto che sarà diffuso il report sulle scorte strategiche da parte del Dipartimento dell'energia.


Due ore prima della chiusura di Wall Street è prevista la diffusione delle minute del FOMC, ossia dei verbali dell'ultima riunione di politica monetaria tenutasi a marzo.
Intanto ad appesantire il sentiment degli investitori sono le crescenti tensioni geopolitiche legate alla Siria, dopo che il presidente Trump tramite un tweet ha avvertito la Russia che sta preparando una risposta al presunto attacco chimico avvenuto sabato scorso in Siria.
Tanto basta per favorire un ritorno dell'avversione al rischio, con il petrolio ancora in rialzo in direzione dei 66 dollari al barile, ma a galoppare altrettanto velocemente è l'oro che si spinge in area 1.353 dollari l'oncia.


Sul fronte valutario invece il dollaro ha imboccato la via delle vendite contro lo yen, scendendo poco sotto i 106,8, ma il biglietto verde perde quota anche rispetto all'euro che ora si presenta a 1,2374 dopo aver tentato di attaccare la soglia di 1,24.
Tra i vari titoli da seguire ancora Facebook dopo il rally di ieri seguito all'audizione al Congresso del fondatore Zuckerberg.
Nel settore high-tech segnaliamo anche Google che secondo alcuni rumors avrebbe avviato dei colloqui con Nokia Oyj per acquisire il suo business della banda larga per aerei.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.