-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 24 aprile 2018

Il mercato dei farmaci biologici supererà i 300 miliardi $


Secondo una recente analisi di Frost & Sullivan intitolata Global Biologics Market—Companies-to-Action le principali aziende farmaceutiche, tra cui Roche, Amgen, Sanofi, AbbVie, Novo Nordisk, si stanno concentrando sempre più sui farmaci biologici in seguito alla crescente richiesta di terapie innovative e all’aumento dei “patent cliff” (le scadenze dei brevetti).
Frost & Sullivan prevede che la terapia cellulare e genica mostrerà un notevole potenziale, specialmente nel segmento delle malattie rare. Le aziende farmaceutiche, come Amgen, Sanofi e Pfizer, stanno investendo in molecole nelle prime fasi dello sviluppo clinico in questa terapia. Se approvate, queste molecole potrebbero dare impulso al mercato della medicina rigenerativa con un aumento di quasi il 7%, superando così la soglia dei 10 miliardi di dollari.
La nuova analisi di Frost & Sullivan fornisce un profilo dettagliato delle 10 principali aziende biofarmaceutiche a livello globale, inclusi i primi 5 prodotti e pipeline per fase di sviluppo.

Lo studio inoltre prevede che il mercato supererà i 300 miliardi di dollari entro il 2022 con un tasso di crescita annuo (CAGR) di quasi il 10%.
Per far fronte alla crescente richiesta di terapie nuove e avanzate, le aziende adottano modelli di business ibridi oppure realizzano partnership o acquisizioni al fine di conseguire competenze tecnologiche e terapeutiche specifiche - afferma Aarti Chitale, Senior Research Analyst del gruppo Transformational Health di Frost & Sullivan -.

Di conseguenza, le aziende farmaceutiche virtuali stanno venendo alla ribalta grazie alla collaborazione con i grandi operatori farmaceutici e alla fornitura, a questi partner, di servizi specifici in termini di scoperta, sviluppo o produzione di farmaci.
Gli imperativi strategici per le aziende mondiali produttrici di farmaci biologici includono:
  • Concentrarsi sulle richieste non ancora soddisfatte investendo nei segmenti più promettenti, tra cui l’oncologia, i disturbi neurologici, le malattie infettive, il diabete e l’immunologia, che hanno mostrato un elevato grado di accettabilità tra le varie regioni.
  • Cogliere le opportunità di investimento creando partnership con gli operatori di nicchia.
  • Intraprendere collaborazioni strategiche:  le aziende farmaceutiche di piccole e medie dimensioni si stanno concentrando sulla scoperta e lo sviluppo di farmaci biologici attraverso la collaborazione con grandi produttori di farmaci di marca e di generici, organizzazioni di sviluppo e produzione a contratto (CDMO) e organizzazioni di ricerca a contratto (CRO).
  • Adottare le nuove tecnologie di sviluppo e produzione, compresi i progressi nei test bioanalitici.
Parallelamente alle collaborazioni con il mondo industriale e con la ricerca universitaria, le aziende si stanno concentrando sulle partnership con gli operatori IT, come IBM Watson Health e GE Healthcare Life Sciences, che forniscono soluzioni tecnologicamente avanzate per lo svolgimento di studi clinici e il supporto di complessi processi di produzione dei farmaci - osserva Chitale.

Mentre queste collaborazioni dovrebbero ridurre alcune difficoltà di produzione e creare modelli di business integrati, i costi di produzione più elevati potrebbero influenzare il prezzo di queste molecole e conseguentemente il rispettivo tasso di adozione, specialmente nei mercati emergenti con servizi di rimborso inadeguati.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.