-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 27 aprile 2018

EUR/USD sui minimi da gennaio: attese e strategie degli analisti


Sul mercato valutario si continua a seguire con grande attenzione l'andamento dell'euro-dollaro che nelle ultime giornate ha continuato a perdere terreno, scendendo anche al di sotto di importanti livelli tecnici. 
Quest'oggi il cross è arrivato a segnare nell'intraday un minimo a 1,2055, un livello che non si vedeva ormai dalla prima metà di gennaio.
Da questa soglia si è avuto un recupero che vede ora il cambio a ridosso di area 1,21, grazie ad un recupero della moneta unica che si è concretizzato malgrado le positive indicazioni dal fronte macro Usa. 
Il dato sul PIL del primo trimestre oggi non ha riservato particolari sorprese, mostrando un progresso del 2,3%, in linea con le previsioni, mentre è stata migliore delle attese la lettura finale della fiducia Michigan.
L'euro prova intanto a risalire la china, dopo essere stato ulteriormente penalizzato ieri a seguito della riunione della BCE.

Dopo una reazione iniziale positiva infatti, la moneta unica ha indietreggiato contro il dollaro, visto che l'Eurotower non ha fornito indicazioni sulla fine del piano di quantitative easing, ribadendo che un rialzo dei tassi di interesse appare ancora lontano nel tempo. 
Il Board guidato da Draghi ha voluto lasciarsi aperte tutte le porte per capire meglio l'evoluzione dello scenario macro in Europa, dove l'economia ha mostrato dei segnali di frenata.

Secondo gli analisti di Societè Generale, proprio l'indebolimento della crescita nell'area euro dovrebbe spingere la BCE ad attendere prima di prendere decisioni in materia di politica monetaria, per guadagnare tempo fino a giugno o luglio. 
Alla luce di ciò gli esperti di Societè Generale credono che il principale driver per l'euro-dollaro saranno i rendimenti del Treasury Bond a 10 anni.

nei giorni scorsi c'è stata un'impennata fino al 3,035%, da cui però si è avuto un ripiegamento e ora si viaggia poco sopra il 2,96%, sempre comunque a poca distanza dalla soglia del 3%. considerata da più parti come spartiacque.  
E' innegabile che il recente apprezzamento del dollaro nei confronti non solo dell'euro, ma delle principali valute, sia stato favorito anche dall'aumento dei rendimenti del T-Bond.

A scommettere su un ulteriore rafforzamento del biglietto sono gli analisti di HSBC, i quali non escludono che l'euro-dollaro possa scivolare fino a quota 1,15. L'idea è che il dollaro, dopo essere rimasto a lungo confinato in un range laterale, stia per venirne fuori con grande forza.

Hsbc crede che la valuta statunitense sia destinata a rafforzarsi non solo contro l'euro, ma rispetto alle divise di tutti quei Paesi in cui le Banche Centrali esitano ad alzare i tassi di interesse, a differenza di quanto accade in America dove la Fed ha già avviato da qualche tempo la sua stretta monetaria.

Non diversa la posizione dei colleghi di ING i quali riconducono la ragione del rafforzamento del dollaro al continuo rialzo dei tassi a breve termine negli Stati Uniti. 
Secondo la casa olandese la discesa dell'euro-dollaro potrebbe proseguire ancora un po' per poi fermarsi nell'area di supporto tecnico tra 1,2 e a 1,205, che dovrebbe rappresentare il terreno di scontro del trimestre in corso.


A supportare questa previsione troviamo l'andamento del Dollar Index che ha provato a superare la resistenza a 91,7. Secondo ING, con una rottura confermata di questo livello, il biglietto verde avrà un margine di salita per un altro punto percentuale. 
Guardando più avanti nel tempo però gli analisti credono che l'euro sia destinato a riprendersi nel corso del 2018 e a rafforzarsi contro il dollaro.
Una view rialzista che però, come spiegato da ING, deve essere alimentata o dall'azione protezionista del presidente trump o dalla conferma che la BCE è intenzionata a concludere il piano di quantitative easing verso la fine dell'anno.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.