-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 23 aprile 2018

Cryptomining: la seconda minaccia al mondo per i computer


Il Bitcoin, e più in generale il settore delle crypto, resta un'interessante opportunità di guadagno sebbene, proprio a causa delle continue oscillazioni di prezzo, di sicuro non è tra le più facili da gestire.

Il criptomining etico e quello doloso

Indubbio che, per seguire regolarmente l'andamento delle valutazioni, sia necessario monitorare sempre il settore, cosa che non tutti possono fare.
Allora, in molti, hanno deciso di optare per una situazione molto “comoda”: usare i computer presenti sul lavoro per estrarreBitcoin (BTC). Negli Usa sembra essere diventata, se non un'abitudine, una pratica piuttosto diffusa.

Si chiama crypto-mining e, numeri alla mano per gli ultimi 6 mesi, solo su territorio statunitense, si parlerebbe di 1000 casi stando a quanto dichiarato da Nicole Eagan, Ceo di Darktrace. In teoria l'estrazione di monete virtuali richiede la risoluzione di complesse crittografie per risolvere le quali è necessaria una notevole forza di calcolo: in cambio di questa, molti sono disposti ad offrire le proprie strutture private (pc) in cambio di una parte dei guadagni.
Nel migliore dei casi si parla di “cryptomining etico”ovvero l'offerta, da parte di società, di servizi gratuiti o senza pubblicità in cambio dello sfruttamento del computer del cliente per minare monete virtuali. Altre volte, però, capita che ad essere messi a lavoro siano apparecchiature di terze parti (come nel caso dell'impiegato italiano pizzicato recentemente e di cui non sono state rese note le generalità) oppure di privati cittadini ignari di tutto ma che ad un certo punto avvertono che il proprio computer si trova sotto stress, magari con una ventola di raffreddamento che si accende troppo spesso.

Criptomining secondo malware al mondo

Ed è proprio il criptomining ad essere al centro dell'attenzione da parte delle autorità di controllo sui cyber crimini che lo considerano ormai il secondo malware più diffuso al mondo.

I pericolo maggiore arriva per quelle criptomonete che richiedono potenza di calcolo minore per essere estratte e perciò rendono più vulnerabili le apparecchiature dei privati (in questo caso si parla di“cryptomining doloso”). Tra gli altri pericoli adesso si parla anche di ransomware , cioè la restituzione dell'accesso al proprio computer, tramite pagamento, un riscatto che, sempre più spesso viene richiesto in valuta virtuale (tra queste il bitcoin non è il preferito).

Un numero su tutti? Malwarebytes ha registrato un aumento del 4.000% nell'ultimo trimestre.

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.