-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 26 aprile 2018

Cauto ottimismo in attesa di Draghi. Balza Mediaset, storna STM


Chiusura positiva oggi per la piazza azionaria giapponese che ha visto il Nikkei 225 terminare gli scambi in salita dello 0,47%. Il listino nipponico ha beneficiato della buona intonazione del settore high-tech sulla scia della trimestrale di Facebook che non ha risentito al momento dello scandalo scoppiato di recente.
In positivo le Borse europee che dopo un avvio poco mosso e all'insegna della cautela sono riuscite a posizionarsi tutte al di sopra della parità.
Il Ftse100 e il Dax30 si muovono quasi di pari passo con un progresso rispettivamente dello 0,17% e dello 0,16%, preceduti dal Cac40 che si apprezza dello 0,43%. 
Sul fronte macro in Germania è stato reso noto il dato relativo alla fiducia dei consumatori che a maggio si è attestato a 10,8 punti, in frenata rispetto ai 10,9 punti di aprile e in linea con le attese.
L'attenzione degli investitori è rivolta al meeting odierno della BCE, da cui non dovrebbero arrivare sorprese sul fronte dei tassi, ma si seguirà con interesse la conferenza stampa del presidente Draghi, per capire quali potranno essere le prossime mosse in materia di politica monetaria.
Intanto si muove in rialzo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib si riporta appena sopra la soglia dei 23.900 punti, con un vantaggio dello 0,46%.
Tra le blue chips in controtendenza troviamo STM che arretra dell'1% complici alcune prese di profitto dopo il rialzo di ieri seguito alla diffusione dei conti del primo trimestre.
Nel risparmio gestito sono preceduti dal segno meno FinecoBank e Banca Generali, in rosso rispettivamente dello 0,87% e dello 0,22%, diversamente da Azimut che sale dello 0,32%.
Scatta in avanti Mediaset con un rally di oltre il 3% e si muovono in positivo i bancari con Bper Banca e Banco BPM in progresso di oltre l'1%, seguiti da Unicredit e Intesa Sanpaolo che crescono dello 0,65% e dello 0,6%, mentre Ubi Banca si apprezza dello 0,31%, diversamente da Mediobanca che cede un frazionale 0,1%.
Ben intonato ENI che guadagna lo 0,93% alla vigilia dei conti del primo trimestre, mentre è decisamente più cauto Saipem che sale dello 0,19% dopo l'affondo delle ultime due sedute seguito proprio alla diffusione dei risultati dei primi tre mesi dell'anno.
Debole Fca che viaggia poco sotto la parità con un calo dello 0,18% in attesa dei conti trimestrali in arrivo oggi.
Sul fronte macro Usa si conosceranno le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero calare da 232mila a 230mila unità, mentre il dato preliminare relativo agli ordini di beni durevoli a marzo è visto in salita dell'1% dopo il 3% precedente e al netto della componente trasporti si stima una variazione positiva dello 0,4%, in frenata rispetto all'1% di febbraio. 
Da seguire prima dell'apertura di Wall Street i conti trimestrali di General Motors e PepsiCo, con un eps atteso a 1,24 e a 0,93 dollari, mentre Conoco Phillips e American Airlines dovrebbero riportare un utile per azione di 0,72 dollari entrambi.
Dalle trimestrali di Time Warner e di UPS ci si attende un eps di 1,74 e di 1,55 dollari, mentre per quella di Valero Energy si stima un utile per azione di 0,96 dollari.


A mercati chiusi si guarderà ai conti di Amazon e Intel, con un eps atteso a 1,27 e a 0,72 dollari, mentre per le trimestrali di Microsoft e Starbucks le stime parlano di un utile per azione di 0,85 e di 0,53 dollari.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.