-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 10 aprile 2018

Bond News: Euromacro


Interessanti le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.
In Francia l'Insee ha reso noto che la produzione industriale nel mese di febbraio è cresciuta dell'1,8% rispetto al mese precedente (consensus +1,5%), dopo la flessione dell'1,8% rilevata a gennaio (dato rivisto da -2%).
In Italia l'Istat ha comunicato che nel mese di febbraio 2018 l'indice destagionalizzato della produzione industriale registra una diminuzione dello 0,5% rispetto al mese precedente.
Nella media del trimestre dicembre 2017-febbraio 2018 la produzione è aumentata dell'1,4% rispetto al trimestre precedente.Corretto per gli effetti di calendario, a febbraio 2018 l'indice è aumentato in termini tendenziali del 2,5% (i giorni lavorativi sono stati 20 come a febbraio 2017). Nella media dei primi due mesi dell'anno la produzione è aumentata del 3,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.L'indice destagionalizzato mensile presenta una significativa variazione congiunturale positiva nel comparto dell'energia (+8,1%); diminuiscono invece i beni di consumo (-2,4%) i beni intermedi (-1,5%) e i beni strumentali (-1,0%).
Il leading indicator elaborato dall'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), che anticipa i cambiamenti nell'attività economica rispetto al trend, mostra nel caso dell'Italia un calo a febbraio, fornendo "segnali di rallentamento della fase di crescita" dell'economia del paese: il superindice è sceso a febbraio a 100,7 punti dai 100,8 registrati nei tre mesi precedenti.


L'analisi dell'Ocse indica segnali di rallentamento della crescita anche per le economie di Germania e Francia e per la zona euro nelsuo complesso.
Il leading indicator relativo alla Germania è sceso anch'esso a 100,7 da 100,8 di gennaio; quello francese è sceso a 100,2 da 100,3 mentre quello della zona euro a 100,4 da 100,5.
L'Ocse conferma invece la valutazione di una"fase di crescita stabile" per l'economia Usa e per quella giapponese; un outlook di crescita stabile rimane anche per il settore industriale cinese.
Aste in Europa:
- Collocate Letras a 3 e 9 mesi.

Nell'asta di questa mattina il Tesoro spagnolo ha collocato titoli per un totale di 1,290 miliardi di euro. Le Letras a 3 mesi (215 milioni di euro) hanno segnato un rendimento marginale negativo pari allo 0,598% dal -0,543% dell'asta precedente. Bid to cover a 8,7 da 5,6.Le Letras a 9 mesi (1,075 milioni di euro) hanno segnato un rendimento negativo dello 0,452% in calo dal -0,464% precedente.
- Il governo britannico ha collocato stamattina 2 miliardi di sterline di titoli Gilt 2057 con rendimento medio all'1,661% dall'1,914% precedente .

Il bid-to-cover è stato di 1,98 volte (da 1,82).
Diminuiscono i depositi overnight presso la Bce. L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 679,482 miliardi di euro, dai 690,384 miliardi della lettura precedente.
Salgono a 404 milioni i prestiti marginali da zero della rilevazione precedente.
Spread BTP/Bund a 127 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta all'1,79%.
Deboli i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di giugno scende a 159,15 punti (-0,09%) ed il Bobl future si attesta a 130,99 punti (-0,09%).
(CC - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.