-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 16 marzo 2018

Russia al voto, l'impatto sull’economia della vittoria di Putin

Craig Botham, Emerging Markets Economist di Schroders, spiega che ad un primo sguardo potrebbe sembrare che le elezioni in Russia non rappresentino una fonte di rischio politico: ci sono infatti pochi dubbi sul risultato elettorale di domenica 18 marzo, visto che il Presidente Putin ha un indice di approvazione che supera il 60%.
Tuttavia, non lo considereremmo un mero evento politico.
Per quanto la Russia possa essere percepita come uno stato autoritario, si tratta pur sempre di uno stato autoritario che si affida al processo elettorale per avere un certo grado di credibilità. Di conseguenza, le oscillazioni nei voti porteranno probabilmente a cambiamenti nelle politiche da adottare e, come in altre democrazie, le elezioni possono portare allo stallo alcuni progetti complicati.
In quest’ottica, è interessante notare che il programma di riforme che Putin ha chiesto al suo ex ministro delle finanze Alexei Kudrin è stato deliberatamente ignorato - spiega Craig Botham -.

Inoltre, nel corso di una conferenza stampa a dicembre scorso, Putin ha dichiarato che non ci sarebbero stati cambiamenti al Governo fino a dopo le elezioni di marzo. Tendenzialmente, eventuali cambiamenti significativi sarebbero già stati annunciati.
Ci sono due modi di leggere questa situazione.
Il primo è che Putin non stia pianificando alcun cambiamento e sia soddisfatto del suo approccio solito, visto che i prezzi del petrolio sono stabili e ben al di sopra del livello assunto come minimo nel bilancio fiscale. Alcuni ritengono che solo una crisi potrebbe far nascere un clima di riforme in Russia e sicuramente esistono elementi a sostegno di questa tesi.

Riteniamo che si tratti dell’opinione dominante in termini di prospettive di mercato.
Grafico 1
Secondo la visione più ottimistica, Putin starebbe semplicemente aspettando che le elezioni vengano superate per iniziare a promulgare una serie di riforme dolorose ma necessarie - spiega Craig Botham -.
I sostenitori di questa tesi ritengono in primo luogo che Putin non avrebbe dato istruzioni a Kudrin su come tracciare il programma di riforme se non avesse voluto farne uso. In secondo luogo, i sondaggi indicano che Putin non piace in maniera uniforme e costante.
Il grafico 1 mostra l’indice di approvazione netta di Putin (sia nella veste di primo ministro che di Presidente) ed è evidente che l’opinione pubblica potrebbe rivoltarsi contro di lui, nonostante la mancanza di un’opposizione plausibile alla sua figura.
In ogni caso, sembra improbabile che le politiche del Governo cambieranno in peggio dopo le elezioni.

Di conseguenza, le elezioni sembrano implicare un rischio politico positivo, anche se tale scenario non si materializzerà fino a dopo marzo.
Parlando invece di rischi negativi, riteniamo che si manifesterebbero soprattutto con un risultato elettorale inferiore alle aspettative per Putin - spiega Craig Botham -.
Un calo significativo della sua popolarità potrebbe tradursi in populismo, sia attraverso un approccio più generoso alla spesa sociale, sia tramite un certo avventurismo in politica estera. Entrambe le possibilità sono rischiose in termini di prospettive per i bilanci pubblici: nella seconda evenienza tale avventurismo potrebbe aumentare le probabilità di vedere sanzioni statunitensi contro l’acquisto di titoli di Stato russi.
La recente destabilizzazione delle relazioni tra Regno Unito e Russia non dovrebbe danneggiare la performance di Putin al voto.

Semmai, ad oggi sembra che la risposta russa sia di forte sostegno nei confronti del Presidente attuale. Le annunciate sanzioni contro la Russia fino ad oggi sembrano essere studiate per avere un impatto macroeconomico limitato, essendo focalizzate su specifiche entità ed individui. Se queste dovessero aumentare fino al punto da trasformarsi in sanzioni fiscali contro il debito sovrano russo, la nostra valutazione cambierebbe.
Ad oggi il dipartimento del Tesoro statunitense sembra essere contrario a tali misure, avvertendo a inizio febbraio che tali provvedimenti avrebbero potuto destabilizzare altri mercati oltre alla Russia, sebbene tale scenario non sia stato escluso in maniera ufficiale.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.