-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 12 marzo 2018

Moneta Fiscale: la crisi di nervi dell'establishment


Interessanti considerazioni di Wolfgang Munchau (primo articolo tra quelli pubblicati in data 6.3.2018, qui):
La nostra lettura del dibattito economico in Italia è che esiste un crescente supporto tra gli economisti radicali – quelli che sostengono M5S e Lega – a favore di un regime di moneta parallela, del tipo che Tsipras ha respinto per la Grecia.

Prenderebbe la forma di titoli al portatore, emessi dal governo, utilizzabili per liquidare obbligazioni d’imposta. Questi strumenti sarebbero immediatamente accettati come equivalenti della moneta.
E poco sopra:
Il vero pericolo di un governo populista in Italia, condotto da partiti che in varie occasioni hanno dato priorità a ipotesi di uscita dall’euro, non è che in effetti attuerebbero questi programmi.
Il pericolo è che le loro politiche produrrebbero questo risultato di nascosto.
Bene, ho trovato una definizione con la quale etichettarmi. Siccome sviluppo e promuovo da anni il progetto CCF – insieme, appunto, a una crescente schiera di studiosi e ricercatori – secondo Munchau posso essere definito un “economista radicale”.

A dire il vero io mi ritengo solo una persona che argomenta e propone cose che gli appaiono minimamente sensate. E in quale senso siano proposte “radicali”, mi sfugge.
Ma il punto è un altro. L’establishment europeista è terrorizzato dalla Moneta Fiscale non perché teme che non funzionerebbe (i tentativi di argomentare il contrario oscillano tra il risibile e il tragicomico).
L’establishment è terrorizzato perché vede la Moneta Fiscale come un ponte verso la rottura dell’euro.
E’ così difficile – mi chiedo – spiegare che se le disfunzioni dell’eurosistema vengono risolte, forzare il breakup non è più sensato né utile per nessuno ? Anche perché le difficoltà tecniche, operative e politiche di attuarlo resterebbero notevolissime, per quanto attenuate dal fatto che una forma di moneta nazionale sta già circolando.
Tra i vari punti problematici, cito solo le turbolenze di mercato, la necessità di procedere in segretezza, i problemi giuridici connessi alla ridefinizione dei contratti, la difficoltà di assemblare la necessaria maggioranza parlamentare.
D’altra parte, l’unico modo per rendere stabile nel tempo un sistema di governance economico-monetaria è risolverne le inefficienze.

E le inefficienze dell’eurosistema sono spaventose e stanno producendo, in particolare al nostro paese, danni di dimensione ciclopica.
Nessuno si sveglia la mattina pensando a come modificare il sistema monetario e la connessa governance dell’economia – se il sistema funziona in modo normale e accettabile.
La moneta è come l’aria.
Te ne accorgi solo quando manca, o quando è viziata al limite dell’irrespirabile.
Ma se il sistema è “viziato ai limite dell’irrespirabile” – e oggi lo è – pensare di andare avanti senza modificarlo (e senza idee chiare e corrette sul come) è peggio che irresponsabile.

E’ folle.
Autore: Marco Cattaneo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.